The Menu Recensione

The Menu Recensione
Reading Time: 5 minutes

Indice

Trama del film The Menu

The Menu, film diretto da Mark Mylod, è una dark comedy incentrata su una cena di alta cucina preparata dal famosissimo ed eccentrico chef Julian Slowik (Ralph Fiennes), che si tiene in un ristorante su una remota isola privata. Celebrità e altri nomi noti accorrono da diversi parti del mondo per scoprire quali prelibatezze il cuoco abbia inserito nel menu.

Tra questi ci sono: una coppia, Margot (Anya Taylor-Joy) e Tyler (Nicholas Hoult); tre giovani informatici, Bryce (Rob Yang), Soren (Arturo Castro) e Dave (Mark St. Cyr); una coppia benestante più in là con l’età, nonché clienti abituali, Anne e Richard (Judith Light e Reed Birney); il noto critico gastronomico Lillian Bloom (Janet McTeer) insieme al caporedattore Ted (Paul Adelstein); infine, una celebre star cinematografica di mezza età (John Leguizamo), accompagnata dall’assistente Felicity (Aimee Carrero).

Mentre l’elegante personale di sala, diretto da Elsa (Hong Chau), li accoglie e li serve, la tensione nel corso della serata cresce sempre più, tra segreti svelati e i piatti del sontuoso menù condito da scioccanti sorprese. Quando iniziano ad accadere eventi violenti al limite della follia, Slowik rivelerà le sue vere intenzioni e soprattutto come il suo elaborato menù debba avere un finale a sorpresa scioccante…

the menu recensione

Questo è il nostro punteggio 4.5/5

Commento personale al film

The Menu è un thriller esilarante e malvagio sul mondo dei ristoranti di lusso, con un cast stellare guidato da un fenomenale Ralph Fiennes, alcune delle scene di cibo più belle della recente storia del cinema e accompagnate da un delizioso assaggio di antipasti di commento sull’industria dei servizi, la guerra di classe e il consumismo.

Ma ecco cosa ci mostra The Menu

The Menu è un pasto cucinato lentamente con un calcio omicida: un delizioso piatto completo con un tocco sanguinoso e comico, diverse sorprese lungo il percorso, un cast delizioso guidato da Ralph Fiennes al suo meglio, una presentazione meravigliosa e un dolce ed esplosivo dessert che ti rimane a lungo dopo l’arrivo del conto. Capita anche che sia un bel momento.

Dove è ambientato The Menu?

È ambientato nel mondo dell’alta cucina, dove i ricchi vanno nel posto più costoso che decostruisce i pasti di base in piatti senza senso solo per il gusto di farlo, e gli ospiti non apprezzano né il cibo né il personale perché sono solo lì per mostrare la loro classe e il loro rango. Stiamo parlando del tipo di ristorante che propone piatti di pane senza pane, ovvero portate composte da un paio di foglie servite su un grosso scoglio e ricoperte di spuma di mare perché rappresenta…qualcosa, qualunque cosa.

the menu recensione

Questo è il mondo in cui si ritrova intrappolato il famoso chef Slowik (Fiennes). Questo è un uomo che ama sinceramente ciò che fa – che ha amato per anni preparare il cibo per gli altri – ma ora è costretto a soddisfare ricchi stronzi che non non gliene frega niente del cibo che stanno consumando. Dirige il ristorante sui 12 acri di Hawthorn Island, un luogo così esclusivo che i dipendenti vivono in letti a castello in un magazzino più piccolo di un appartamento di New York. Macellano, pescano, scuoiano, raccolgono, preparano e cucinano ogni ingrediente localmente sull’isola giorno dopo giorno, servendo solo 12 persone a notte, con biglietti che costano $ 1250 a testa.

La lista degli ospiti

Per l’illustre lista degli ospiti di stasera, incontriamo Tyler (Nicholas Hoult), un devoto buongustaio che adora l’alta cucina dello chef Slowik, riconosce ogni termine pretenzioso menzionato dallo chef e usa parole come “sensazione in bocca”. È accompagnato dalla sua nuova “fidanzata” Margot (Anya Taylor-Joy), a cui semplicemente non importa della finzione e delle stupide decostruzioni, ma è qui per un buon pasto. 

the menu recensione

Arrivano sull’isola anche un famoso attore in declino (John Leguizamo) e il suo assistente; la critica di ristoranti Lillian (Janet McTeer), che ama dare descrittori pretenziosi al cibo (come “Thalassic”) e il suo leccapiedi editore di riviste Ted (Paul Adelstein); una ricca coppia che si considera habitué del ristorante (Judith Light e Reed Birney); e tre fratelli tecnologici che sono oggettivamente i peggiori. Abbastanza presto.

Se stai pensando che questo assomiglia un po’ come un film di Knives Out , non ti sbagli. Sebbene non sia proprio un giallo, c’è un elemento di mistero per una buona parte di The Menu. Ancora più importante, gli sceneggiatori Seth Reiss e Will Tracy si divertono a cospargere il film con una sana porzione di commento sociale sul consumismo e sulla guerra di classe. Il regista Mark Mylod ( Succession ) fa in modo di chiudere davvero il modo in cui ciascuno degli ospiti tratta lo staff per far capire quanto siano orribili.

Due sono i reali protagonisti del film

Anche se il cast è eccezionale a tutto tondo, senza dubbio i protagonisti sono gli eclettici Fiennes nei panni di Chef e Hong Chau ( Watchmen, l’imminente The Whale) come maitre d’Elsa. Chau interpreta un supercriminale quasi da cartone animato; una presenza elegante e sinistra che ti fa sentire caldo e benvenuto mentre ti dice il modo esatto in cui i tuoi figli moriranno. Per quanto riguarda Fiennes, è giunto il momento che qualcuno lasci che il candidato all’Oscar sia la malvagia stella comica che era sempre destinato a essere, poiché dà vita al perfezionismo pacato e impassibile e allo sguardo minaccioso di Chef in un modo imprevedibile ma prevedibilmente accattivante. 

the menu recensione

Trasuda autorità al punto che anche mentre espone ciò che accadrà, nessuno osa fare una mossa. Questo è un uomo meticoloso che pianifica tutto nei minimi dettagli, anche se quel dettaglio nasconde profondi dolori e frustrazioni.

E – tracciando un’altra somiglianza con Knives Out – The Menu è esilarante. L’orrore e il sangue sono più retrogusti che piatti importanti, ma i brividi e l’umorismo sinistro ricordano il divertimento malvagio La morte di Stalin.

Aspetto negativo del film

Se c’è un grande aspetto negativo è che, a differenza della sua cucina aperta, la sceneggiatura lascia retroscena e spiegazioni per lo più inesplorate. Sappiamo cosa sta succedendo, ma non perché, figuriamoci come è stato pianificato. Per fortuna, la storia prende piede abbastanza velocemente e offre così tante delizie per gli occhi da farti dimenticare le tue domande.

the menu recensione
Un piacere da vedere e da gustare

A proposito di piacere per gli occhi, The Menu sembra stupendo. Girato come il più fantasioso dei documentari sul cibo di Netflix e presentando ogni piatto con cura, dettaglio e esilarante testo sullo schermo che spiega cosa c’è dentro, questo non è un film che dovresti guardare a stomaco vuoto – quello, insieme alla discesa nell’orrore , non è dissimile dallo squisito Hannibal. Il risultato è un pasto pesante che ti lascia soddisfatto, con un grande sorriso sul viso e un desiderio di secondi.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page