The Matrix – Recensione

Reading Time: 5 minutes

Siccome negli scorsi mesi vi abbiamo proposto molti film di fantascienza e di un futuro distopico di Netflix, Ci siamo chiesti perché non affrontare e prendere in considerazione uno dei film cult per eccellenza di fantascienza e distopico che ognuno di noi ha almeno visto una volta? Questo film è The Matrix!!

Nel prossimo futuro, un hacker di nome Neo scopre che tutta la vita sulla Terra potrebbe essere nient’altro che un’elaborata facciata creata da una malvagia cyber-intelligence, allo scopo di placarci mentre la nostra essenza vitale è “coltivata” per alimentare la Matrice. campagna di dominio nel mondo “reale”. Si unisce ai ribelli guerrieri Morpheus e Trinity che lottano per rovesciare Matrix.

Il novantanove doveva essere un anno enorme per la fantascienza (fate conto che io avevo appena 11 anni e iniziavo pian piano ad approcciarmi al cellulare, al pc e a tutte le “nuove tecnologie”). Un evento cinematografico stava per soffiare via i metaforici calzini di quasi tutti e definire una nuova generazione di fanatici del cinema. C’era solo una piccola sorpresa. Quel film si rivelò non essere il ritorno di George Lucas al mito di Star Wars, The Phantom Menace, ma uno strano thriller cyber intitolato The Matrix.

La Matrice come una proposizione immediata non è facile da afferrare (anzi, intuitivamente, i mercanti hanno fatto un vanto della sua ambiguità con una provocatoria campagna “What is The Matrix?”). La realtà è realtà virtuale, un programma mostruoso chiamato The Matrix generato da un impero malvagio di intelligenze artificiali artificiali che regnano sull’orrore distopico del mondo reale. L’intera esistenza del genere umano è collegata direttamente al cervello umano, mentre le macchine li imprigionano in grembiuli materni, toccando la corteccia neurale per la carica della batteria.

C’è, tuttavia, una banda di ribelli che si sono liberati e sono intenti a liberare l’umanità dalla loro insospettata schiavitù scaricandosi nel mondo dei sogni fabbricati. Ciò di cui hanno bisogno è un messia. Ed ecco che arriva ed entra in azione Thomas “Neo” Anderson (Keanu Reeves) – l’archetipo eroe riluttante che può, se può essere convinto, che ha tutte le capacità per annullare The Matrix. Ex lavoratori edili, i fratelli Wachowski hanno nutrito la loro visione per cinque anni e mezzo, aprendosi la via a 14 bozze della sceneggiatura e, come fanatici del fumetto, hanno proiettato la loro visione su 500 elaborati storyboard.

Nessuno avrebbe potuto prevedere il salto nell’iperspazio che sarebbe stata la loro visione cinematografica di The Matrix. Con il concetto abbastanza astuto da consentire quasi qualsiasi cosa – questa realtà è virtuale – i superpoteri sono consentiti (balzando dagli alti edifici, schivando proiettili, kung fu iper-cinetico). Per rappresentare questo, hanno sfruttato una tecnologia visiva emergente nota come flo-mo, un processo che consente una grafica apparentemente impossibile in cui il tempo si inceppa dove Keanu si blocca a metà di un calcio mentre la telecamera ruota intorno a lui con vertigine. Incredibilmente versatile, ha presentato un tipo di lessico visivo completamente nuovo. The Matrix sembrava niente che avessi mai visto prima al cinema.

Reeves “Neo” è una parte reazionaria, ma gioca sulla sua bellezza scolpita, vestita con vernice e tonalità di design che evoca un look disinvolto. Il peso della spiegazione ricade su Morfeo di Lawrence Fisburne, l’uomo è un pozzo di gravità e non importa quanto ridicola la sua risonanza suoni ancora con una condanna ironica. La cattiva confraternita (tutti i MiB in giacca e cravatta e le sfumature obbligatorie) sono programmi difensivi guidati dai toni soprannaturali di Hugo Weaving – anche in grado di giocare con il tessuto di The Matrix.

E interamente in superficie – una tristezza noir che oscilla da qualche parte tra un video dei Depeche Mode e il retrofit di Blade Runner nel prossimo futuro – il film funziona in modo soddisfacente come un bene contro le probabilità insormontabili dell’asse cattivo. Ma se pensi che The Matrix sia solo un’azione senza cervello, ripensaci. Al di là del piacere gutturale delle sue prodezze flo-mo e dei più ovvi riferimenti stilistici riverenziali (Alien, Blade Runner, Film Noir, Espressionismo tedesco, Star Wars, 2001) la sceneggiatura di Wachowski è un labirinto di riferimenti classici che si fondono nell’ambiente cyberpunk di William Gibson.

Alice In Wonderland di Lewis Carroll è ampiamente espressa (l’intero film è un’inversione ironica delle avventure di Alice: Neo passa dalla realtà virtuale rassicurante a un mondo reale bizzarro e imprevedibile). Altrove puoi ingannare la furbizia di Marx, Kafka, Zen e Homer’s Odyssey. Abbastanza volutamente, lo strabiliante giradischi Simulacra And Simulation del filosofo francese Jean Baudrillard è visibile al capitolo “Sul nichilismo” nell’appartamento di Neo. I chiari fratelli Wachowski sono chiaramente nelle influenti teorie di Baudrillard sulla teologia postmoderna, il terrorismo e l’iper realtà.

Sei stai pensando che sia solo un film di Keanu-in-shades-kick-ass? Non pensarlo. E poi le cose si fanno davvero divertenti – prova The Matrix come allegoria di Cristo.
Funziona. Fu rilasciato per la prima volta a Pasqua 1999. Il nome completo del personaggio di Reeves è Thomas “Neo” Anderson – Thomas come in Doubting Thomas; Anderson significa “figlio dell’uomo”; Neo significa “nuovo” o “cambiamento” ed è un anagramma di “Uno”. Poi c’è la squadra ribelle come discepoli (con il duplicato Cypher di Joe Pantoliano come Giuda) e il fatto che Neo “muore” per 72 secondi sullo schermo (traducendolo in 72 ore e sono tre giorni) prima di rinascere per il potere di Trinity (Anne Moss) è l’amore.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Consiglio perché va visto almeno una volta nella vita. E’ uno dei primi film che ha cambiato il modo di fare il cinema di fantascienza e distopico, alla fine tutti i film che sono venuti dopo hanno preso ispirazione da The Matrix.

Sconsiglio per chi non ama per niente questo genere di film e pensa che siano solo film per incassare soldi e niente più.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page