fbpx
Crea sito

The Irregulars 1 x 01 “Chapther One: An Unkindness in LOndon” Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 3

Classificazione: 3 su 5.

Commento personale alla puntata

Non sono del tutto sicura del motivo per cui questa serie abbia deciso di cavalcare le onde di Sherlock Holmes perché ad essere sincera non è davvero necessario. Lo spettacolo ha una strana energia, incanalando idee da Stranger Things, Locke & Key, The Umbrella Academy e The Alienist in un cocktail inebriante.

Non sempre funziona così bene e il dialogo colloquialistico è abbastanza stridente all’inizio. Tuttavia, nonostante ciò, la serie sta chiaramente cercando di attingere al mercato del fantasy per adolescenti e ha tutti i tratti distintivi per farlo.

Ci sono sicuramente alcune belle idee qui, ma è frenata da una caratterizzazione debole. La dinamica del gruppo non è stata ancora sviluppata abbastanza da farci interessare a queste persone, ma si spera che il formato episodico dovrebbe aprire un po’ le cose.

Le idee caricate in modo soprannaturale danno sicuramente a questo un vantaggio unico e lo spettacolo ha sicuramente molte opzioni su dove prendere la sua premessa successiva.

Resta da vedere cosa sta nascondendo Watson, ma senza Sherlock Holmes in vista, questo è incentrato esclusivamente sui ragazzini, almeno per ora. È meglio entrare in questo e fingere che sia una qualche forma di universo alternativo, perché qualunque cosa stia succedendo qui chiaramente non è di questo mondo.

the irregulars 1x01 chapter one: an unkindness in london recensione

Ecco cosa è successo in questo primo episodio di The Irregulars

L’episodio 1 di The Irregulars inizia con una ragazza di nome Jessie che si sveglia da un brutto sogno su un medico della peste che viene a prenderla. Bea la conforta e incoraggia la ragazza a tornare a letto.

Al mattino, Bea si sveglia e trova un’eccitabile Jessie pronta a festeggiare il suo compleanno. Come scopriremo presto, sono ragazzi di strada e affittano un seminterrato insieme ai loro amici Billy e Spike. Questi due però non ci sono più. Dirigendosi a cercare di trovarli, Bea vaga per le strade di Londra mentre una liscia inquadratura vede sbuffi di fumo che si alzano da più camini. Mentre il giorno si trasforma in notte, Billy sembra essere fuori a combattere per strada.

Poco prima che inizi, Bea si presenta e lo porta via. Billy le ricorda che devono fare soldi altrimenti verranno cacciati dal loro appartamento. Mentre Spike menziona l’istituto come alternativa, Bea se ne va sbuffando e si nasconde sotto la sua coperta.

I ragazzi sono tutti preoccupati per Jessie, soprattutto per i suoi brutti sogni, e la convincono ad aiutare a ottenere dei soldi. Mentre parlano e litigano, Jessie se ne va da sola. Per fortuna Bea riesce a fermarla, tirando in salvo Jessie e impedendole di essere schiacciata da una carrozza.

Ancora perseguitata dai fantasmi del suo passato, Bea va al cimitero per fare visita alla sua defunta madre. Solo che una figura oscura guarda da lontano. È il dottor John Watson e ha un lavoro per lei. Riportando Bea a Baker Street, Watson dice a Bea che ha bisogno che lei raccolga informazioni per lui. In particolare, dirigendosi verso le parti malfamate di Londra che non è in grado di visitare.

Quattro neonati sono stati rapiti e apparentemente Watson e Holmes non hanno tempo per farlo. Invece, spetta a Bea seguire il sentiero delle briciole fino a una donna di nome Susan Shipley.

Grazie all’ingegnosità di Spike, Bea e gli altri riescono a rintracciare Susan. Dice loro che la notte in cui Laura è scomparsa è sgattaiolata fuori e ha lasciato la finestra aperta. Con la bambina ancora dentro – si badi a tre piani più in alto – Susan ha sentito gracchiare e beccare prima che sua sorella fosse presa. E proprio così, uno stormo di uccelli improvvisamente piove e attacca il gruppo. Si arrampicano per mettersi al riparo, rifugiandosi in un vecchio edificio.

Sfortunatamente Susan incontra una fine orribile, con gli occhi strappati. Questo porta Bea direttamente al dottor Watson. Non sembra troppo scombussolato dall’omicidio di un grizzly, e in effetti arriva persino a dire a Bea che ha bisogno di portargli informazioni credibili per essere pagata. Dopo aver ricevuto alcuni documenti, Bea cerca di capire cosa fare dopo.

In strada, viene avvicinata da Leopold, un ragazzo che è un principe a Buckingham Palace. È malato e stanco di essere tenuto a palazzo e ha deciso di avventurarsi da solo. È chiaramente agitato e cerca di fare conversazione. Leo la segue e scopre delle indagini in cui è coinvolta.

Controllando i documenti che le sono stati consegnati, offre la sua esperienza. Fornisce immediatamente informazioni credibili riguardanti il ​​municipio e l’ospedale in cui sono nati questi bambini. Con Leo che si avvicina a Bea, Billy osserva da lontano con uno sguardo di disapprovazione. Abbiamo un triangolo amoroso sulle carte?

Ad ogni modo, Leo scopre che ci sono sei bambine in totale che sono nate tutte all’ospedale di St Mary quel giorno. Tuttavia, credono che potrebbe esserci un intervento umano qui relativo agli uccelli. Mentre si dirigono verso l’indirizzo dell’ultima bambina, Bea dice a Jessie di tornare a casa, dicendole apertamente che è pazza.

Con Jessie andata, questo lascia Billy, Bea e Leo a mettere in atto il loro piano. Solo che va subito storto quando la bambina è sveglia e piange. Mentre Billy tiene la porta chiusa, un enorme uccello afferra la bambina e se ne va. Si scopre che dietro a tutto questo c’è un uomo oscuro chiamato Arthur Hilton. Ha il potere di controllare gli uccelli ed è spinto dalla perdita di sua figlia. Lavora anche come capo ornitologo allo zoo di Londra.

Jessie rimane coinvolta in tutto questo, con la mente in qualche modo trasportata in Louisiana. Appare uno strano uomo chiamato Linen Man e le dice che ha bisogno di capire chi è quest’uomo e ricordare il suo vero potere e la sua vocazione.

Mentre si siede all’improvviso in posizione eretta, Jessie cerca disperatamente di trovare gli altri. Corre fino allo zoo di Londra, riunendosi con Bea e gli altri nel processo. Arthur è dentro, sostiene che sua figlia è stata scambiata, e inizia a chiamare tutti gli uccelli di Inghilterra.

Mentre questa rauca cacofonia di gracchiare avvolge la serra, Jessie si avvicina e tocca l’uomo. Questo inspiegabilmente la trascina nei suoi ricordi dove vede la verità; nessuno ha preso la sua bambina. Si scopre che è morta poco dopo il parto.

Con il caso chiuso e Arthur confinato a Bedlam, Bea torna dal dottor Watson. Battendo sulla porta, Bea alla fine riesce ad entrare per trovare Watson con uno strano taglio sulla guancia. Getta un sacchetto pieno di monete d’argento ma Bea è più preoccupata per sua sorella. Watson conosceva i suoi poteri da sempre, ma resta da vedere come.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page