The Haunting of Hill House 1 x 08 “Witness Marks” Recensione

C’è un momento in questo episodio quando Hill House sembra quasi allegra, i suoi corridoi sono pieni di operai che si occupano di riparare le cose. Sorpresa! Uno di quei lavoratori – ricordato da Steve nel suo libro sulla casa – è in realtà un fantasma, come Hugh spiega a Steve durante la loro guida notturna. Proprio come un vecchio orologio contiene “segni di testimone” che mostrano le prove di riparazioni che sono state fatte ad esso, anche la casa è testimone delle cose che sono successe lì. “Vedi i segni”, dice Hugh a Steve, “ma non sai come leggerli.”

Sono alla ricerca di Luke, che è scomparso alla fine del funerale di Nell con il portafoglio di Shirley e la macchina di Theo. Steve e Shirley presumono che sia andato in cerca di una dose – ottengono la parte più corta del bastone in questo episodio, ma chiunque sia conosciuto come tossicodipendente sa che è una buona ipotesi. Invece, diventa presto chiaro che si sta dirigendo verso la casa, che – finalmente! – possiamo piazzare da qualche parte nel Massachusetts occidentale. La sua intenzione non è di suicidarsi – come sottolinea allegramente Theo, i suicidi si raggruppano in famiglie, specialmente tra i gemelli – ma per bruciarla. Quando Nell era arrivata in quella casa, le luci brillavano di un giallo caldo e accogliente. Quando Luke scende dall’auto, le luci si illuminano di rosso. La casa è arrabbiata.

Ovviamente, in realtà non sappiamo che l’intenzione di Nell era di suicidarsi. La casa potrebbe averla in qualche modo chiamata a casa. Ma per crederlo, devi credere che la casa abbia poteri soprannaturali, che è al centro del dibattito tra Steve e Hugh. Non abbiamo ancora sentito la versione di Hugh di come morì Olivia, anche se ricaviamo il racconto di Steve dal rapporto della polizia, che implica Hugh: cranio rotto, lividi sulle braccia come se qualcuno l’avesse afferrata, un livido sulla nuca come se fosse stata spinta contro un muro – tutto prima che presumibilmente si lanciasse giù per le scale. Steve incolpa Hugh per averla lasciata lì da sola quando era depressa; per non aver fatto in modo di ottenere l’aiuto di cui aveva bisogno.

Grazie alla signora Dudley e alla sua lunga memoria istituzionale, sentiamo anche parlare un po’ di William Hill e di sua moglie Poppy, che si incontrano nell’ospedale psichiatrico dove le loro famiglie li hanno rinchiusi, si sposano e vengono a Hill House. Questo spettacolo, va detto, disegna un quadro terribile della malattia mentale. L’idea che le persone possano curare la loro malattia e vivere con essa pacificamente non trova rappresentazione qui. Anche così, sono rimasta un po’ sorpresa nel sentire che Steve glielo dava come motivo per non voler avere figli – “Non è la casa. C’è qualcosa di sbagliato nel nostro maledetto cervello.” Il trauma della sua infanzia non sarebbe forse una spiegazione sufficiente?

Il che mi porta alla vera rivelazione di questo episodio, ovvero che lo psicopatico della famiglia è in realtà Steve. Non solo ha sfruttato la tragedia della sua famiglia per profitto – come Shirley ha ripetutamente sottolineato – ma ha mentito la moglie per anni di falsi tentativi di concepire, lasciandola soffrire attraverso l’ovulazione programmata e il sesso a tempo, pur sapendo che non avrebbero potuto avere figli. Che tipo di persona potrebbe farlo? Mi sto ancora chiedendo se avesse una relazione anche lui – l’espressione colpevole dell’ultima volta che eiaculava, più la faccia della donna che vede nella finestra dell’ufficio del dottore – ma sembra un crimine più piccolo che lasciare che tua moglie pensi tu stia cercando di aiutarla a rimanere incinta quando non lo stai facendo.

Anche Shirley non si riprende bene in questo episodio, sebbene almeno lasci Theo singhiozzare attraverso la sua spiegazione di quello che è successo nel seminterrato con Kevin. Quel discorso è rozzo – la visione della morte di Theo come “un oceano di nulla … solo intorpidito e niente e solo” – e colpisce di nuovo in una delle prime cose che abbiamo sentito dire da Steve nel primo episodio: che ci inganniamo nel vedere i fantasmi perché è meglio che riconciliarsi con l’idea che non rivedremo mai più i nostri cari. L’idea che qualsiasi cosa sia meglio di niente è un caposaldo dell’horror classico. Ma il discorso di Theo sta influenzando perché nessuno nella vita reale parla mai senza mezzi termini della morte. Nello spettacolo, l’intera faccenda di Shirley è strutturata attorno al mantenimento dell’illusione che la morte sia come il sonno: pacifico, bello. In realtà, non sappiamo nulla di ciò che è realmente. Tutto ciò che sappiamo è che accadrà a noi e a tutti coloro che amiamo.

Hugh ottiene tutte le migliori battute in questo episodio, da “Era l’aquilone e io ero il filo” per “La nostra famiglia è come un pasto incompiuto per quella casa” (che bella immagine). Ho cercato di piacere a Shirley, anche se solo per il suo nome, ma lei sta venendo fuori quasi quanto Steve. Eppure, penso che ci sia molto di più di quello che abbiamo visto finora – ricorda il commento di Steve che suggerisce che anche lei soffre della malattia di famiglia. Quando lei e Theo sentono sbattere le porte e le finestre – una ripetizione della scena quando la giovane Nell e Shirley si sono rannicchiati nel letto di Hill House con un simile assalto. Ma Theo nota che si verifica quando Shirley è in uno stato di grande stress emotivo. Potrebbe essere la sua stessa proiezione?

COMMENTO PERSONALE ALLA PUNTATA
Nel complesso forse questo è stato uno degli episodi più spaventosi fino ad adesso!! Flanagan è capace sia delle sottili e costruite paure che dei terrificanti salti. Dà sempre una combinazione nei suoi film, quindi non sorprende che faccia lo stesso così bene qui. Ogni cosa non ha più senso per i fratelli, ma soprattutto per Steve che finalmente deve fare i conti che pure lui abbia visto i fantasmi o che comunque non c’è nessun problema di malattia mentale, anzi c’è ma è accentuato da quella casa. Voi cosa ne pensate?

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time

Precedente Chilling Adventures of Sabrina 1 x 06 "Chapter Six: An Exorcism in Greendale" Recensione Successivo The Ballad of Buster Scruggs Recensione - Originale Netflix