The Handmaid’s Tale 5 x 09 “Allegiance” Recensione

The Handmaid’s Tale 5 x 09 “Allegiance” Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice dei contenuti

Recensione puntata precedente The Handmaid’s Tale

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale alla puntata

Le cose stanno appena iniziando a riprendersi ora e in molti modi questa stagione è stata un po’ stop/start con il suo slancio e la progressione della trama. Le storie di Serena e June sono sostanzialmente parallele l’una all’altra prima del discutibile capitolo in cui June ha abbandonato tutto e ha deciso di aiutare la sua rivale.

Nonostante ciò, The Handmaid’s Tale è stato un discreto orologio quest’anno e il finale suggerisce che il finale della prossima settimana sarà piuttosto scioccante. Con lo spettacolo già rinnovato per un sesto round e gli showrunner che confermano che si sta avvicinando a The Revelations, The Handmaid’s Tale sembra pronto a concludere le cose con il botto.

Nel frattempo, otteniamo una chiusura tra June e Nick, mentre la serie continua a fornire immagini simboliche, in particolare quella che termina con fori di proiettile che squarciano la bandiera degli Stati Uniti. Questa non è stata la stagione migliore, ma è stata comunque una buona stagione.

the handmaid's tale 5x09 allegiance recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 9° episodio di The Handmaid’s Tale

L’episodio 9 di The Handmaid’s Tale inizia con l’incontro di Mark con June e Luke. Si scopre che la scuola della moglie di Hannah si trova a Colorado Springs. In realtà era un’ex Accademia dell’aeronautica americana prima di essere riproposta.

Trenta ragazze sono state identificate e sono destinate a essere salvate. La task force di Mark intende partire con tre velivoli separati. Hanno una chiara traiettoria di volo per la scuola e si paracaduteranno dentro. Hanno in programma di uccidere chiunque si metta sulla loro strada, con il comandante Elijah che guida la forza.

June convince Mark a lasciarli guardare la trasmissione come la vede lui quella notte, sottolineando che, a differenza degli altri genitori, in realtà ha dato loro informazioni con cui lavorare.

Nel frattempo, Serena tiene in braccio il piccolo Noah e continua a mantenere i suoi nervi saldi mentre i Wheeler la caricano e la incoraggiano a pompare il seno in modo che la signora Wheeler possa invece allattare Noah.

Serena deglutisce a fatica e forza un sorriso, ma puoi dire che non è felice. Tenta anche di uscire dalla residenza dei Wheeler e vuole essere alla prossima manifestazione con Noah per incoraggiare più donne a entrare nel centro di fertilità che ha lanciato. Il signor Wheeler accetta di prenderlo in considerazione, ma è piuttosto sprezzante nella sua reazione.

Naomi Putnam viene portata davanti a Lawrence, decidendo di premiarla per aver sopportato suo marito Warren per così tanto tempo. Non può essere una vedova con un bambino piccolo e Lawrence suggerisce di sposarsi per risolvere eventuali spiacevoli inconvenienti che potrebbero sorgere. In realtà è anche una sua scelta e Naomi non sarà diretta alle colonie se rifiuta. La signora Putnam è sbalordita nel silenzio, mentre Lawrence è chiaramente a disagio anche con questo accordo.

Quella notte, inizia il raid e June è lì per assistere all’operazione. “Stai tornando a casa.” Sussurra. Sfortunatamente, durante il viaggio gli aerei vengono attaccati. Gilead anticipò la loro missione e mossero i loro cannoni antiaerei, distruggendo tutti e 3 gli aerei. Non c’erano sopravvissuti, incluso Elia.

Lawrence chiama June il giorno successivo e continua il suo discorso per farla essere a New Bethlehem. Fa anche notare la presenza di Nick e afferma che è un buon affare e che dovrebbe accettarlo. Tuttavia, ha dei termini. Vuole che June diventi faccia una dichiarazione pubblica e chiami la missione uno “sciocco atto di aggressione”. June rifiuta, rendendosi conto che avrebbe dipinto Gilead come le vittime di tutto questo. e alla fine riattacca. Lawrence ha le lacrime agli occhi.

June va a trovare Mark e gli fa sapere che ha chiuso con Lawrence e non prenderà nemmeno in considerazione l’idea di impegnarsi con lui in futuro. È intenzionata a continuare e tentare qualcosa di diverso. Mark suggerisce di usare Nick per essere il loro uomo interno. Anche se prima era spaventata, June potrebbe essere decisiva qui e convincere Nick a prendere parte al piano.

Naturalmente, June si dirige verso Nick e si chiede perché non ha accettato l’offerta. Si scopre che Rose è effettivamente incinta e vede Gilead fare progressi e cambiare. “Vorrei che il mondo andasse via, solo per un po’.” June si lamenta, proseguendo dicendo a Nick che non vuole creare problemi per lui. La coppia indugia, con entrambi che esprimono il loro amore, prima di separarsi.

Al mattino, la signora Wheeler schiaffeggia Serena diverse volte, dicendole di stare lontana da suo marito e chiamandola puttana. Tuttavia, Serena può andare alla riunione, ma non sarà sola: sarà osservata attentamente dalla signora Wheeler.

the handmaid's tale 5x09 allegiance recensione

Serena viene sminuita di fronte agli altri e non le viene nemmeno permesso di partecipare a nessun incontro imminente. Serena può entrare nel retro senza sorveglianza e dare da mangiare a Noah, dato che ha scelto intenzionalmente di non portare con sé un biberon. Serena corre per questo. Riesce a farsi dare un passaggio da qualcuno che si allontana di corsa.

Dopo l’attacco al suolo di Gilead, i Comandanti si uniscono per darsi una pacca sulla spalla e congratularsi con se stessi per il lavoro ben fatto. Infatti, anche gli ambasciatori di Cina, Russia e Corea del Nord hanno espresso le loro congratulazioni. L’attenzione si sposta presto però su June Osbourne, dove alcuni degli uomini decidono se prendersi cura di June una volta per tutte.

Con le proteste sempre più ostili, il gruppo si riunisce e rende omaggio ai soldati caduti che hanno perso la vita a causa di Gilead. Sfortunatamente, qualcuno tra la folla apre il fuoco. June afferra Emma, ​​la figlia di Elijah, e la protegge mentre si tuffa a terra. I proiettili squarciano simbolicamente la bandiera americana.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page