The Handmaid’s Tale 5 x01 “Morning” Recensione

The Handmaid’s Tale 5 x01 “Morning” Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice

Recensione season finale The Handmaid’s Tale

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale alla puntata

Dopo quella conclusione bomba della scorsa stagione, The Handmaids Tale ritorna con un episodio sommesso e piuttosto tiepido. Questo potrebbe essere stato previsto, soprattutto con la necessità di provare a riprendersi dalle azioni di June, ma al momento non è chiaro dove andrà la prossima stagione.

Elisabeth Moss è stata un vero cavallo di battaglia ultimamente e questo è un altro episodio diretto anche da lei. Come ho detto prima, non c’è molto di cui scrivere a casa (sì, lo so che è ironico visto il lungo riassunto di cui sotto!) ma in termini di sintesi di questo capitolo, molto deriva dalle conseguenze della morte di Fred e da piccoli frammenti di simbologia. Riuscirà mai June a tornare com’era prima? O è destinata a scivolare in questo percorso infinito di vendetta e amarezza?

the handmaid's tale 5x01 morning recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 1° episodio di The Handmaid’s Tale

L’episodio 1 di The Handmaid’s Tale Stagione 5 inizia con il rumore dell’acqua. Quel rumore presto apre la strada a una ripresa a rotazione di June Osbourne, in piedi davanti alla vasca con il sangue di Fred Waterford sulle mani e sul viso. Se ricorderete, il comandante Waterford ha subito una morte brutale per mano delle ex ancelle durante il finale.

Luke bussa alla porta e cerca di capire cosa sia successo ma June non risponde. Dà un bacio d’addio a Nichole, si mette il cappotto e marcia fuori dalla porta d’ingresso.

“L’ho fatto. L’ho ucciso.” June alla fine dice, prima di salire in macchina. Sorride delirante mentre Moira è scioccata in silenzio. Non può impedire a June di andarsene. Per quanto riguarda Nick, riflette sul suo ruolo da svolgere in tutto questo e riflette se June troverà davvero la pace ora o meno. Bene, dato che abbiamo 10 episodi di questo, direi che probabilmente è un sonoro “No!”

June si presenta a una tavola calda dove sono presenti il ​​resto delle donne che l’hanno aiutata. Si siedono tutti insieme e fanno un’abbondante colazione. “Tutto ha un sapore migliore ora che Fred è morto.” Una delle donne scherza. E dati i loro piatti vuoti, è difficile discutere con loro.

Gilead ha sicuramente lasciato il segno su June, però, e pensa se inseguire anche Serena e farle del male. Per farlo, dovrebbero irrompere in Gilead. Sebbene irrompere sia piuttosto facile, uscirne non è così semplice. June si affretta a sottolinearlo, ma Danielle non è felice, soprattutto perché June non ricambia il favore che le hanno fatto vendicando gli altri comandanti che hanno offeso queste donne.

the handmaid's tale 5x01 morning recensione

Dopo la morte di Fred, Serena viene trasferita in una struttura più sicura ed è rimasta sconvolta da questa notizia scioccante. Con le lacrime che le pungono gli occhi, riflette sui suoi momenti felici con suo marito a Gilead. Mark cerca di spiegare la sua posizione in tutto questo quando fa visita a Serena, insieme alla lettera inviata (da giugno) con un dito mozzato. È una minaccia e Serena sa immediatamente cosa ha fatto.

June è scioccata nello scoprire che Emily è tornata a Gilead per combattere contro il sistema. June non sta pensando chiaramente e decide di provare a riaverla. Si incolpa e, con il sangue che macchia il vetro della sua macchina (un motivo ricorrente sembra) June alla fine si asciuga il sangue dal corpo e si dirige verso il lago.

Questo spettacolo è sempre stato simbolico e pieno di interessanti metafore visive e questo sembra una sorta di battesimo; lavando via il dolore e il dolore del passato per confessare e ricominciare.

the handmaid's tale 5x01 morning recensione

June prende una decisione importante e si dirige alla stazione di polizia. Uno lì, ammette di aver ucciso il comandante Waterford, da sola. Luke è scioccato e cerca di fermarla ma June ha già deciso. Confessa, durante un’inquadratura meravigliosamente ampia che le ingrandisce lentamente il viso. Così facendo, June si rende conto che la sua confessione non significa… niente. Non ha alcuna punizione in arrivo perché non è successo sul suolo canadese. E con questo, è libera di andare. Per quanto riguarda il dito mozzato, ha addebitato 88 dollari per quello. Quindi, dopo aver confessato i suoi peccati, June è libera di andarsene.

Quando Serena lo scopre, è livida. Mark la incoraggia a concentrarsi su suo figlio e ad iniziare una nuova vita a Toronto. Serena è incredula, però, credendo che la sua stessa vita non sarà al sicuro fino a quando giugno non sarà fermato.

La morte di Fred Waterford serve essenzialmente come una sorta di martire, specialmente per quelle anime che credono in Gilead. Stanno tutti fuori in fila con le candele accese quella notte, salutando Serena mentre lascia l’ospedale. Si rifiuta di tornare al centro di detenzione in questo momento, decidendo che dovrebbe dare a Fred un vero funerale a Gilead.

Mark si presenta a vedere June quella notte e sostiene effettivamente le sue azioni, dicendole che ha fatto qualcosa che doveva essere fatto [uccidendo Fred Waterford]. “Non lasciare che i bastardi ti macinino.” Dice, prima di partire per la notte.

Questo è proprio ciò di cui June ha bisogno per cercare di riportare la sua vita in carreggiata, almeno in superficie. Moira è ancora nervosa e ha paura di June, soprattutto dopo la loro precedente chiacchierata, ma è almeno un inizio.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page