The Handmaid’s Tale 4 x 08 “Testimony” Recensione

The Handmaid’s Tale 4 x 08 “Testimony” Recensione
Reading Time: 5 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE THE HANDMAID’S TALE

Questo è il nostro punteggio 4.5

Commento personale alla puntata

The Handmaid’s Tale chiude l’episodio di questa settimana con un capitolo inquietante incentrato su rabbia e vendetta. La furia che June ha represso per tutto questo tempo sta finalmente iniziando a uscire allo scoperto e sembra destinata a esplodere nel modo più feroce possibile.

Cosa accadrà con il caso giudiziario? A giudicare dalla fine di questo episodio, sembra probabile che i Waterford saranno giudicati non colpevoli e, se ciò accade, potrebbe portare il pubblico a rivoltarsi contro il governo e chiedere cambiamenti.

Ci sarebbe anche una guerra civile tra questi sostenitori di Gilead e coloro che sono sopravvissuti e sono fuggiti dagli orrori di quel mondo. È interessante notare che questo potrebbe quindi rispecchiare la xenofobia nei confronti degli immigrati che alcuni gruppi estremisti hanno espresso negli ultimi anni.

Ad ogni modo, questo episodio fa davvero bene a mostrare quanto sia lontana June dalla donna docile e spaventata che era nella prima stagione. Quella paura è stata spazzata via e la sua rabbia interiore sta appena iniziando a emergere. Resta da vedere cosa farà June con Hannah e la sua eliminazione, ma questa lotta è decisamente lungi dall’essere finita.

Tuttavia, molto più interessante è la dinamica tra zia Lydia e Janine. Sembra che Lydia abbia formato un vero attaccamento con queste ragazze – e in particolare con Janine. Lydia sembra guardare Janine come una figlia, il che coincide con il suo passato che abbiamo visto anche nella terza stagione; la donna desidera un figlio che non può avere.

Gli ultimi due episodi di questa stagione sembrano costruire qualcosa di importante. Avrà lo stesso effetto di Angel’s Flight nella scorsa stagione? Vedremo.

the handmaid's tale 4x08 testimony recensione

Ma ecco cosa è successo nell’8° episodio di the handamid’s tale

L’episodio 8 di The Handmaid’s Tale inizia con June che si taglia i capelli. Togliere via il vecchio e dare inizio al nuovo; June sta per affrontare la corte e tenere le accuse contro Gilead. Mentre gli altri sono preoccupati, la rabbia di June è sufficiente per spingerla avanti. Parlando con Moira, si chiede perché gli altri non siano più arrabbiati. “Come fai a sapere che non lo sono?” dice Moira.

Emily viene avvicinata da una strana donna in biblioteca con in mano un biglietto. Gli altri arrivano e la portano via, ma June lo raccoglie e lo legge. A cena, affronta Emily e chiede di Iris Baker. Si scopre che quella donna è un’ex zia di nome Irene. June dice a Emily di sfogare la sua rabbia, promettendole che presto si sentirà meglio. “Non siamo tutti come te.” Lei risponde.

Dopo cena, Luke e June litigano quando quest’ultimo scopre che Luke ha parlato con Mark della casa sul lago. Arrabbiata, si allontana quando arriva Moira. Luke fatica a trattenere le lacrime e commenta come June sia come un’estranea per loro ora. “Il trauma è una strada accidentata”. Moira gli dice gentilmente, ricordando a Luke gli orrori che June ha dovuto affrontare e che deve essere paziente.

Tornando a Gilead, zia Lydia controlla le sue nuove ancelle. Commenta quanto male stiano pulendo e persino li sconvolge fino alla sottomissione. Con le zie e le ancelle che la guardano, Lydia alla fine se ne va. I problemi di Lydia la riportano al comandante Lawrence che la interroga su zia Ruth e le ancelle.

the handmaid's tale 4x08 testimony recensione

Lawrence crede che le ancelle indottrinate siano cresciute nel sistema e che ora non si ribelleranno. Lawrence ammette apertamente che anche agli altri non piace molto. Tuttavia, le viene assegnato un nuovo incarico. Un “randagio” catturato a Chicago… che guarda caso è Janine! È viva!

Lydia va a controllare Janine, dicendole che June è in Canada. Mentre parlano, Janine supplica Lydia di non diventare di nuovo un’ancella. In effetti, preferirebbe morire in questa cella piuttosto che essere riportata indietro. Quando Janine si alza, Lydia l’abbraccia. Questa è una breve tregua dai momenti in Canada, mentre June affronta il consiglio. Anche Mark Tuello e Luke si presentano entrambi (quest’ultimo è stato incoraggiato a non farlo da June) mentre Serena e Fred siedono ad ascoltare.

June racconta tutto al consiglio, comprese le orribili esperienze che l’hanno tenuta in gabbia fino ad ora. Ricorda loro che è solo una voce e che ce ne sono molte altre che sono rimaste inascoltate. Luke ascolta tutto questo e fa fatica a trattenere le lacrime.

Adesso arriva il momento della difesa. June viene avvicinata dall’avvocato che afferma di aver “scelto” questa opzione. Fred poi parla anche, interpretando il ruolo di Comandante misericordioso e affermando che le ha fatto vedere Hannah e Nichole. June si rifiuta di ascoltare altro e se ne va.

Quando torna in biblioteca, porta dentro zia Irene per vedere Emily. Stava aspettando fuori e June è pronta ad aiutare Emily a superare quello che è successo. Spostando la sedia al centro del cerchio, Irene si siede davanti al gruppo per pronunciare il suo discorso di scuse.

Questa zia sembra essere la responsabile della mutilazione di Emily e della Martha che è stata mandata al muro. Lei chiede perdono. Solo per ricordavi, questo momento è esattamente lo stesso pentimento che anche Serena ha chiesto. Sprofondando in ginocchio, Irene implora Emily… che semplicemente si volta e se ne va. Moira lo segue e dà alcune parole di incoraggiamento, convincendo Emily a parlare di nuovo con zia Ruth.

A casa, June e Luke continuano a operare su diverse lunghezze d’onda. Lui la prega di parlargli, ma lei si rifiuta di farlo, allontanandosi invece e lasciandolo con il cuore spezzato e un pasticcio confuso.

Emily si dirige verso la strada dove trova Irene legata a un albero e impiccata. Mentre le autorità si affrettano sulla scena, Emily torna al gruppo. Ammette di sentirsi fantastica e spera di avere qualcosa a che fare con questo.

Questo singolo atto aiuta tutte le ragazze a confrontarsi con la loro rabbia e a parlare di cosa farebbero esattamente ai loro ex comandanti. Moira cerca di calmarli, ma June non ha in mente niente di tutto ciò. “Perché non possiamo essere arrabbiate su come ci sentiamo?” Bene, quella furia si manifesta finalmente in un momento di rivelazione per June. Alla fine si apre e parla con Luke, dicendogli che vuole rivelare la verità sull’ultima volta che ha visto Hannah.

the handmaid's tale 4x08 testimony recensione

Quella rabbia di cui parlava June? Beh, sta sicuramente per essere canalizzata più vicino a casa. Fred e Serena escono e si trovano di fronte a un gruppo di manifestanti che sostengono le idee di Gilead. Gilead sta per estendersi fino al Canada?

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page