The Handmaid’s Tale 4 x 01 “Pigs Recensione

The Handmaid’s Tale 4 x 01 “Pigs Recensione
Reading Time: 4 minutes
RECENSIONE PUNTATA SEASON 3 FINALE THE HANDMAID’S TALE

Questo è il nostro punteggio 4.5

Commento personale alla puntata

“Sei protna?” chiesero a June, tenendo un cauterizzatore rovente sulla ferita sanguinante da arma da fuoco. “No”, ha detto, ma l’hanno colpita comunque. Difficile relazionarsi. The Handmaid’s Tale  è stato via per quasi due anni, e ora è tornato, siamo pronti per il dolore? Certo che no, ma sta succedendo.

In qualsiasi altro spettacolo, il dolore di un episodio sarebbe stato estremo. La storia di Esther di un sanguinoso atto di vendetta ispirato ad abusi sessuali su minori sarebbe stata una rara profondità, il culmine di un giallo di un’intera serie o un segreto del personaggio ribollente di lunga data. Qui? È solo un altro giorno a Galaad. La signora Keyes (interpretata con notevole autocontrollo dall’attrice quattordicenne McKenna Grace), è una storia terribile tra migliaia. 

the handmaid's tale 4x01 pigs recensione

Ma ecco cosa è successo nel primo episodio di The Handmaid’s Tale

Nello specifico, è la storia che le paure di June diventeranno di Hannah nel prossimo futuro. Nel suo stato insensibile e febbrile, June ha unito le due ragazze e ha chiamato Esther con il soprannome di sua figlia in quella scena finale “Anche io ti voglio bene, Banana”.

Esther non è l’unica figlia adottiva di June, la nostra protagonista è anche la protettrice di Janine e di tutte le altre ex Ancelle. Nonostante fosse a malapena in grado di camminare, June ha insistito per avvicinarsi al rifugio da sola, segnalando loro quando era sicuro seguirla. Quando ballavano come adolescenti nella stalla, lei guardava solo. Non è più una di loro, ma il loro leader: un eroe della resistenza al comando di una rivolta sotterranea. Inoltre, è diventata una celebrità in questo mondo, una figura di riferimento per tutti coloro che vogliono vedere Gilead bruciare. È Che Guevara, un simbolo della rivoluzione. Se i ribelli di Gilead potessero mettere la sua faccia sulle magliette, lo farebbero. 

Un potenziale problema per la quarta stagione è che i simboli non creano personaggi avvincenti. La trasformazione da persona a icona può essere affascinante, ma una volta che un personaggio è salito su quel piedistallo, pronunciando discorsi entusiasmanti e prendendo le decisioni difficili, in genere hanno raggiunto il loro apice. 

Per quanto la suprema Elisabeth Moss rimanga in questo ruolo, c’è la sensazione che potremmo aver già visto tutto ciò che June Osborne il personaggio ha da offrire. Quante volte abbiamo visto June – come ha fatto in questo episodio – soffrire, crollare e poi rialzarsi con un rinnovato senso di lotta? Mezza dozzina? Di più? Ad un certo punto, uno schema ripetitivo inizia a perdere impatto.

Potrebbe non essere fatale, perché  The Handmaid’s Tale  non è più la storia di June. Non proprio. Grazie a lei, ora è la storia della caduta di Gilead, a partire dalla perdita dei bambini che ha salvato. Un momento clou di questa apertura di stagione è stato guardare i Waterford ricevere la notizia che non solo c’erano ora 86 nuovi Baby Nicholes in Canada, ma che June fosse in fuga. Gli sguardi sui loro volti. L’intera scena scoppiettava di ostilità, rendendo allettante la prospettiva di una visita di ritorno a quei due. Incrociamo le dita il loro processo non viene ritardato ulteriormente.

Il processo del comandante Lawrence andava e veniva, senza di lui, né di noi, e con un finale a tappeto. In tutto l’episodio, lui e lo spettatore erano stati portati a credere che Lawrence si stesse dirigendo verso il maiale di Janine, il signor Darcy, e stava affrontando l’esecuzione per il suo ruolo nella fuga di massa avvenuta sotto il suo naso. Non così. 

the handmaid's tale 4x01 pigs recensione

L’ascesa al potere di Nick deve averlo spinto a tali altezze che è stato in grado di sostenere la causa per mantenere Lawrence in giro per la guerra che lo attendeva. Data la scelta tra Bradley Whitford e nessun Bradley Whitford, ovviamente, qualsiasi spettatore televisivo sano di mente sceglierebbe il primo, anche se la sopravvivenza del suo personaggio aumenta la credulità in un mondo in cui le braccia vengono amputate e il collo rotto per molto meno.  

L’episodio ci ha impedito di dare un’occhiata alla trama più avvincente di questa stagione: il destino di quei bambini nei 19 giorni in cui sono stati sul suolo canadese. Mentre June barcollava intorno a quella fattoria riprendendo il suo ritmo omicida, era difficile non lasciare che l’attenzione si spostasse sulle riunioni e sullo shock culturale fuori dallo schermo. Come stava reagendo il Canada all’arrivo bomba di quei ragazzi? Rita e Luke stavano legando? La vista di loro ha riportato alla mente il trauma di Galaad per Moira ed Emily? Il nostro investimento nelle storie dell’ensemble è merito  della ponderata espansione del mondo di Margaret Atwood da parte di The Handmaid’s Tale.

Ovviamente non è solo il team di produzione ad aver ampliato quel mondo. Dalla terza stagione in onda, Atwood ha pubblicato il sequel vincitore del Booker Prize  The Testaments, ambientato 15 anni dopo la fine del suo romanzo originale. Per i telespettatori che l’hanno letto, il libro offre un punto finale per la serie che sarà affascinante vedere raggiunta.  

L’altro momento clou dell’apertura è arrivato per gentile concessione dell’indomabile Ann Dowd. Zia Lydia è apparsa di fronte ai Figli di Giacobbe portando segni di tortura dopo 19 giorni di interrogatorio da parte degli Occhi. L’esperienza non aveva attenuato la sua furia permanente, ma sembrava averla indirizzata in una nuova direzione. Sibilò con disprezzo per i Figli, la sua necessaria umiltà in loro presenza accompagnata da quello che sembrava un disprezzo viscerale. La sua linea di separazione sul fatto che facessero il loro lavoro e portasse June da lei, fu quasi rappresentata come una minaccia. Che attore e che potenziale nella sua traiettoria.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page