The Good Fight 5 x 01 “Previously on…” Recensione

The Good Fight 5 x 01 “Previously on…” Recensione
Reading Time: 5 minutes
RECENSIONE SEASON 4 FINALE THE GOOD FIGHT

Questo è il nostro punteggio

Commento personale alla puntata

La quinta  stagione di The Good Fight è iniziata ufficialmente ed è stata gloriosa come non lo è mai stata. Lo scorso maggio la serie ha dovuto interrompere la sua quarta stagione a causa della pandemia di COVID-19, e basti dire che si è conclusa con una nota molto strana.

L’unica cosa che amo di questo spettacolo è il modo in cui trasmette in modo intelligente la sua piattaforma sociopolitica. Non hanno paura di essere brutalmente onesti e di far luce su alcuni degli argomenti più importanti nel nostro mondo di oggi. Ma lo fanno in modo così esilarante e sfacciato, e non ne ho mai abbastanza. È onestamente uno spettacolo estremamente sottovalutato: più persone hanno bisogno di guardarlo!

In ogni caso,  la premiere della quinta stagione di The Good Fight , “Previously On…” ci ha portato attraverso gli eventi brutali e tragici del 2020, tra cui la pandemia, le elezioni e l’omicidio di George Floyd. Molti spettacoli hanno coperto questi eventi, ma alcuni lo hanno affrontato nel modo sbagliato. Questa serie, tuttavia, lo fa in un modo che non siamo portati indietro nella memoria (siamo onesti, non abbiamo bisogno di continuare a rivivere il 2020) in modo stridente.

A parte il caos del 2020, la premiere della quinta stagione saluta due personaggi, Lucca Quinn (Cush Jumbo) e Adrian Boseman (Delroy Lindo). Sia Jumbo che Lindo sono tornati per filmare i loro addii, anche se la loro corsa doveva concludersi nella quarta stagione. E sono così felice che lo abbiano fatto perché sono due dei migliori personaggi della serie e dire ciao è stato abbastanza difficile. Non riesco a immaginare come sarebbe stato se non fossero tornati per un vero addio.

E con questo, ricapitoliamo alcuni dei momenti più importanti della  premiere della quinta stagione di The Good Fight!

the good fight 5x01 previously on recensione

ma ecco uno dei momenti salienti di the good fight

Sotto le spoglie di un dramma legale,  The Good Fight affronta gli eventi attuali in modo intrigante stagione dopo stagione. È molto deliberato nel suo approccio, che è ciò che lo rende così divertente da guardare. La serie si è concentrata principalmente su molta angoscia e disordini politici e per un po’ il loro argomento è stato l’amministrazione Trump.

Hanno fatto un passo indietro rispetto a quello nella premiere della quinta stagione che descrive accuratamente gli eventi del 2020. Tuttavia, mi aspettavo quasi un dialogo passivo-aggressivo, ma il 2020 è stato abbastanza difficile, quindi l’ho capito.

Come ho già detto, diciamo addio a due personaggi principali nella premiere della quinta stagione. Cominciamo con Quinn di Jumbo. Durante la pandemia, Jumbo era tornata a Londra, quindi non era in grado di unirsi al cast e alla troupe negli Stati Uniti per filmare nessuna scena di persona. Tuttavia, la serie ha trovato un modo semplice per incorporarla in un episodio finale.

Dalla scorsa stagione, Quinn ha lavorato per la multimiliardaria Bianca (Chasten Harmon), ed è a causa di una sua offerta di lavoro che Quinn decide di lasciare lo studio legale. Reddick, Boseman e Lockhart hanno fatto del loro meglio per soddisfare l’offerta, ma ottenere fino a $ 1,3 milioni non è esattamente un’impresa facile. Non solo Quinn ha ricevuto un aumento di stipendio ridicolo, ma Bianca ha deciso di nominarla CFO della sua azienda.

Mi è piaciuto vedere Jumbo in una parte della premiere e mi piace che sia stata in grado di unirsi dall’altra parte. È stata parte integrante non solo di questa serie, ma anche del suo predecessore  The Good Wife. Ci mancherà e sta lasciando un vuoto che non sarà mai colmato.

Direi lo stesso dell’Adrian di Lindo che ha portato avanti la serie con il suo umorismo oscuro e il suo spirito. La premiere della quinta stagione mette Adrian sulla strada per le elezioni presidenziali del 2024, che avrebbe potuto essere un arco interessante da seguire se fosse rimasto nei paraggi.

In un’ora,  The Good Fight è riuscito in qualche modo a concludere la trama di entrambi i personaggi in modo agrodolce. Spesso è uno spettacolo che può portare a termine un’impresa così surreale, ma se qualcuno può farlo, è questa serie.

The Good Fight e il 2020 in un’ora

Nel modo più rapido e coerente possibile (a volte è stato difficile),  The Good Fight riesce a coprire i momenti salienti della pandemia di COVID-19. Ovviamente, dovevano assicurarsi che uno dei loro personaggi lo capisse davvero, così il pubblico poteva sentire che avevano fatto del loro meglio per incorporarlo.

All’inizio dell’episodio, Jay (Nyambi Nyambi) ha un attacco di sudorazione e problemi respiratori che alla fine portano a una diagnosi di COVID-19. Tutti intorno a lui sembrano prendere tutto con calma, e onestamente sono piuttosta sorpresa che abbiano trascurato il fatto che anche alcuni di loro avrebbero dovuto ammalarsi.

Voglio dire, Adrian era letteralmente in ambulanza con lui, senza mascherina. Ma immagino che ai fini della narrazione, abbiano deciso di saltare quel piccolo bocconcino.

Mentre la pandemia si diffondeva durante tutto l’anno, la serie copriva anche l’omicidio di George Floyd. Quella tragedia devastante fa sì che Adrian si allontani dalle elezioni mentre prende invece la decisione di trasferirsi ad Atlanta. Vuole essere sul campo a fare un cambiamento politico, cosa che non sente di poter fare se sceglie di candidarsi. Ho adorato questa trama per lui!

Mentre Jay è in ospedale, alla fine si riprende, ma ha una strana sequenza di scene in cui ha allucinazioni Malcolm X (Clifton Duncan), Fredrick Douglass (Ben Vereen), Jesus (Brandon Mendez Homer) e Karl Marx (Steven Skybell) sono nella stanza con lui. In questa allucinazione, Jay sta cercando il loro consiglio sulle proteste in corso in tutto il mondo a causa dell’omicidio di George Floyd. Non sa cosa dovrebbe fare, e così evoca alcuni degli uomini più iconici della storia per aiutarlo.

Ho capito il sentimento dietro questa scena, ma non è atterrato nel modo in cui penso che sperassero. Portava implicazioni importanti, ma era svolto in modo disordinato e appena inserito tra tutte le sotto-storie che si stavano svolgendo durante l’episodio.

The Good Fight: Le elezioni

Le battute tra Diane e Kurt (Gary Cole) durante i risultati delle elezioni sono assolutamente esilaranti. La serie si è concentrata sulle loro differenze politiche un paio di stagioni fa, e ora questa coppia ha appena abbracciato completamente le loro ideologie politiche drasticamente diverse.

Diane guarda con ansia i risultati sulla CNN, sopraffatta dall’ansia per la vittoria o meno di Trump. Si rifiuta di fare qualsiasi cosa che possa portargli sfortuna, e mi piace che Kurt sia d’accordo.

Poco prima delle elezioni di novembre, vediamo Diane affrontare la notizia che Ruth Bader Ginsburg è morta proprio mentre si preparava a presentare un caso alla Corte Suprema. Ha spezzato il cuore di Diane e mi ha riportato al momento in cui l’ho scoperto anch’io. Sigh, il 2020 ha fatto davvero schifo.

La premiere fiorisce negli aspetti che questo spettacolo ha sempre, con un tocco di assurdità surreale che in qualche modo ti attira. La narrazione in questa serie è diversa da qualsiasi cosa io abbia mai visto, e semplicemente non vedo l’ora di vedere come il resto di questa stagione si svolgerà.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page