Crea sito

The Good Fight 4 x 07 “The Gang Discovers Who Killed Jeffrey Epstein” Recensione – SEASON FINALE

Reading Time: 4 minutes

RECENSIONE EPISODIO PRECEDENTE THE GOOD FIGHT

Questo è il nostro punteggio

Classificazione: 4.5 su 5.

Commento personale alla puntata

E così la quarta stagione termina tre episodi in anticipo, con un’ora che sembra un punto interrogativo e un punto esclamativo – un punto interrogativo perché alcune trame sono irrisolte, come il futuro dell’azienda sotto STR Laurie, e un punto esclamativo perché il caso Jeffrey Epstein, su cui “indaga la banda”, espone le disuguaglianze sistemiche nel cuore di Memo 618. 

Un seaons finale che ha chiuso con il botto un’altra interessante stagione di The Good Fight. Devo dire che affrontare il caso Epstein mi ha affascinato e per cui ho visto anche il documentario su Netflix (di cui avrete la recensione) mi ha lasciato molto sgomenta, ascoltare e scoprire tutto ciò che ha fatto e chi è collegato a lui.

the good fight 4x07 recensione season finale

Ma vediamo cos’è successo in questo season finale di The Good Fight

La trama di Epstein domina l’episodio, intrattenendo cospirazioni che hanno tenuto il paese in schiavitù nei mesi successivi la sua morte, che secondo quanto riferito si è impiccato nella sua cella di prigione il 10 agosto 2019, che in tempi di pandemia sembra una piccola eternità fa. Sebbene la vita e la morte di Epstein rimangano uno studio importante nella decadenza, nella corruzione e nel male assoluto dell’ultra-elite, c’è qualcosa di peccaminosamente indulgente ora nel raccogliere le teorie sul fatto che sia davvero morto per suicidio o che qualche misteriosa cabala sia arrivata in prigione. 

Ma il caso Epstein non fu una stupida scelta quando gli scrittori di The Good Fight decisero di affrontarlo – in effetti, probabilmente è meno stupido aspettare la parte migliore di un anno dopo la morte di Epstein per farlo, solo per prendere una certa distanza da più frivole compagne di cospirazione. 

Poi di nuovo, l’episodio di tanto in tanto adotta il tono di un Codice Da Vinci, con i vari avvocati e collaboratori di Reddick, Boseman che decifracodici, insegue i vicoli ciechi e specula selvaggiamente su quale Bill, Barr o Clinton, potrebbe essere responsabile di aver ucciso Epstein. Ma come con la maggior parte delle sottotrame di stravaganza o capricciosa in The Good Fight, c’è una serietà nascosta dietro di essa.

Ma vediamo da dove siamo partiti con questo episodio

La scena di apertura è un colpo di inseguimento attraverso il Metropolitan Correctional Center di New York, che porta alla cella dove Epstein è stato trovato morto. Su richiesta di un procuratore degli Stati Uniti, che promette più affari se faranno bene con questo incarico, a Liz e Marissa viene chiesto di esaminare il caso e vedere se sono in grado di risolvere le controversie che lo circondano. Fin dall’inizio, quasi tutti a Reddick, Boseman si fanno beffe dell’idea che si sia trattato di un suicidio, notando le strane serie di coincidenze che lo hanno reso possibile: Epstein è stato tolto dalla guardia suicida giorni prima e viene lasciato da solo nella sua cella, una videocamera di sicurezza rotta, e guardie che dormono sul posto di lavoro. Ma oltre a questo, arrivare a qualsiasi tipo di consenso è quasi impossibile.

Il miglior testimone che la banda scopre è Andreas, “parrucchiere per le star”, a cui Lucca è in grado di accedere attraverso la sua connessione con Bianca Skye. Con le normali dichiarazioni di non responsabilità – tutte le persone che hanno trascorso del tempo intorno a Epstein e sicuramente sapevano che le voci del suo comportamento sgradevole esprimono tutti i loro rimpianti – Andreas gli consegna una busta sigillata che Epstein gli ha consegnato nei momenti prima del suo arresto. 

La busta include una chiave misteriosa, una nota criptica che fa riferimento a una persona (o acronimo) di nome “BUD” e una serie di numeri all’interno della busta stessa relativi a qualcosa chiamato “Lady MS”. Queste informazioni portano a varie piste che coinvolgono uno degli avvocati di Epstein (inizialmente BUD), l’architetto delle sue proprietà eccentriche/malvagie e un libro di fantascienza scritto dal padre di Bill Barr.

È tutto un mucchio di deliziose assurdità, che danno a The Good Fight la possibilità di dilettarsi in un thriller procedurale fuori dal comune. Non sapremo fino alla prossima stagione se gli sceneggiatori avessero o meno in mente Epstein o no, ma è il massimo esempio di Memo 618 in azione. E l’ingiustizia del sistema ha funzionato su due fronti: in primo luogo, nel proteggere Epstein per anni mentre predava le ragazze minorenni mentre si dilettava con i ricchi e connessi, e poi in un “suicidio” così dubbioso che la gente comune di tutte le persuasioni politiche immediatamente rifiutò la scoperta ufficiale. Se il suicidio è stato davvero un omicidio, allora chiunque sia responsabile se ne sta andando via, perché è così che funziona il sistema. Non è un problema che le grandi menti di Reddick, Boseman risolveranno.

Ma non c’è solo il problema del suicidio/omicidio di Epstein da risolvere

Un altro problema che dovranno risolvere è come sopravvivere sotto STR Laurie, anche se questo dovrà essere presentato per la prossima stagione. In una minacciosa riunione pomeridiana, Firth annuncia in modo assurdo che l’impresa dovrà scaricare il 20% dei loro collaboratori, lasciando i partner in difficoltà per capire se ha bisogno di due investigatori e scansionando le statistiche delle ore fatturabili per vedere quali avvocati sono i più disponibili. Adrian trova una soluzione per raccogliere fondi per riacquistare Reddick, Boseman dai loro nuovi affiliati, che prevede un prestito bancario garantito dalle proprietà personali dei soci, ma la più raffinata impronta sulla fusione impedisce loro di farlo. (Si scopre che Firth donando a Diane i casi pro bono non significava ottenere il meglio da lei, ma attivare una odiosa clausola in questo accordo.)

Ma tutto ciò è un’altra questione. La sfida per The Good Fight nella prossima stagione sarà capire come unire i mondi pre e post virus in modo coerente. Probabilmente lo show non getterà nella spazzatura le sceneggiature per i suoi ultimi tre episodi non andati in onda, ma non c’è alcuna possibilità che il suo impegno attuale con il mondo reale venga presentato per risolvere una sequenza temporale precedente. L’unica certezza è che Memo 618 sopravviverà (e prospererà) nel mondo post-virus – l’ingiustizia sistemica è il tema più senza tempo.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: