fbpx

The Good Fight 3 x 02 “The One Inspired by Roy Cohn” Recensione

The Good Fight 3 x 02 “The One Inspired by Roy Cohn” Recensione
Reading Time: 5 minutes

The Good Fight è una serie TV gloriosamente esagerata. Questo è ciò che la rende così avvincente da guardare, soprattutto dato il suo argomento molto attuale. Con questo ultimo episodio, tuttavia, penso che la serie sia andata troppo oltre.

Naturalmente, sto parlando in particolare dell’introduzione di Michael Sheen nei panni del feroce e psicopatico Roland Blum , un “avvitamento dei fatti”, un tipo di avvocato che, come trasmesso dal titolo dell’episodio, è ispirato all’avvocato e al mentore di Donald Trump, lo spietato Roy Cohn. Sheen inizia a divorare lo scenario dal momento in cui inizia l’episodio e non si ferma per tutto il tempo della puntata. Alcuni potrebbero trovare il divertimento esagerato di Sheen, ma io personalmente l’ho trovato piuttosto estenuante ed ero felice dei momenti più tranquilli e più radicati dell’episodio.

Incontriamo per la prima volta Blum nel suo miglior abito cioè con solo una maglietta, niente pantaloni o biancheria intima, mentre si sta iniettando in faccia qualcosa. Pochi minuti dopo, irrompe in tribunale come se fosse un re o qualcosa del genere e procede a steamroll su Maia, che era nel mezzo della sua discussione di apertura su un caso che coinvolge l’omicidio “uccidere tutti i giornalisti” che ha concluso la prima stagione. Si scopre che Blum è il co-consulente di Maia su questo caso poiché entrambi i loro clienti sono accusati di aver complottato l’omicidio di un giornalista. Tranne che Blum è intenzionato a gestire il caso a modo suo – in particolare attraverso la teatralità perché oltre ad essere un accolito di Cohn, a quanto pare ha anche passato del tempo con League of Shadows.

Mentre l’episodio si sviluppa, Blum fa tutto ciò che è in suo potere per testare Maia e farla sentire quanto più a disagio possibile. Quando tornano nel suo ufficio, Blum rimuove immediatamente i suoi pantaloni, le offre un lecca-lecca di fentanyl e le tiene una lezione sulla sua filosofia della legge, che è stata ispirata da Cohn: “Come avvocati, non siamo dei cassieri di fatto. Siamo dei ciarlatani”, dice, aggiungendo che basano le prove sulla storia che vogliono raccontare. Si scopre che la storia che vuole dire alla giuria è che il procuratore dello stato, The Good Wife MVP Matan Brody, ha ucciso il giornalista perché è intrappolato in un anello pedofilo. C’è qualche prova di questo? No, decisamente no, ma Blum presenta questa folle storia comunque in tribunale perché, come ho detto prima, i fatti non contano nulla secondo Blum!!

A un certo punto, Blum diventa temporaneamente cieco a causa di tutte le droghe che ha preso, e ricade questa situazione su Maia che è costretta a portarlo ovunque lui voglia andare. Tuttavia, lei non lo porta a casa. No, lui la fa portare in un ospizio dove uno degli operai gli fa scivolare una scatola di narcotici per le persone che sono malate terminali. E lui si somministra una delle supposte anali proprio lì davanti, mentre Maia guarda. Poi, la trascina a qualche festa, dove incontra una donna che finisce per andare in tribunale il giorno dopo e spergiurare se stessa per Blum. Oh, e Blum getta le note del caso di Maia da una finestra, insomma un vero e proprio casinista. È chiaro che la serie sta cercando di raccontare una storia su come le persone come queste – faranno letteralmente qualsiasi cosa per vincere.

Tornati in ufficio, i partner sono impegnati a cercare un nuovo capo della parte legale dei divorzi. Julius porta un altro avvocato conservatore nero di nome Jeffrey per il colloquio di lavoro; comunque, Jeffrey non colpisce in modo positivamente Diane, Liz, e specialmente Lucca anzi possiamo addirittura dire nel modo sbagliato possibile. Infatti, Liz chiede a Lucca di lanciarsi sul ring per prendersi il posto che le spetta ma soprattutto la incoraggia dopo lo scandalo del padre venuto a galla la settimana scorsa, vuole che ci siano più donne al potere.

Questo in realtà porta alla mia scena preferita nell’episodio, il che, sorprendentemente, non è stata Diane mentre lanciava asce. Dopo la spinta di Liz, Lucca va a casa, si distende sul suo letto e parla con il suo bambino. È un momento di calma che controbilancia le assurdità di Roland Blum e, cosa più importante, il suo soliloquio ci dà qualche utile intuizione su cosa sta pensando non solo al lavoro ma all’essere madre. “Maledizione della madre che lavora … sento che mi sto perdendo qualcosa quando sono con te, e mi sento fisicamente male quando sono lontano da te. Ma quando ho visto quell’avvocato oggi, ho pensato che potevo far girare gli anelli della mamma intorno a lui”, dice. La risposta del bambino? Una scorreggia. Lo prende come un segnale e chiama Liz per dire che è interessata al lavoro.

Lucca affronta una forte competizione, però, da Jeffrey, che ha un enorme lista dei clienti. Quindi, lei lavora per sconfiggerlo. Per prima cosa, chiede a Marissa di scavare un po’ per scoprire qualcosa di più sul suo avversario. Poi, chiede a Francesca di organizzare un party con le donne nel suo gruppo di libri, tutte con problemi di divorzio. Quando Lucca incontra i soci per discutere del lavoro, non solo ha 3 milioni di dollari di nuovi clienti, ma ha anche la prova che Jeffrey è stato uno degli avvocati che ha preparato Brett Kavanaugh per l’audizione, il che rende il suo posto nell’ufficio non più accettabile. Bene, tutti votano pro Lucca tranne Julius e Adrian, che volevano assumere Jeffrey per preparare l’azienda per il futuro, cioè le elezioni del 2020. 

Diane fa un altro passo sul ring in questo episodio. Dopo il lancio delle asce – che è il suo modo di esprimere la propria frustrazione riguardo a, beh, tutto, ma soprattutto il trattamento riservato a Trump da parte di Kurt – trova un poster per un gruppo di resistenza. Alla fine dell’episodio, Diane guarda un video della pornostar che nega che Trump l’abbia pagata per l’aborto e sussurra “Mi dispiace” prima che tiri fuori di nuovo il poster.

La cosa che lega tutte e tre le storie insieme è l’esplorazione di ciò che le persone sono disposte a fare per vincere. Blum è, ovviamente, l’estremo. La verità, le regole e l’etica sono solo degli ostacoli alla vittoria. Come nota Adrian, anche Lucca ha giocato sporco in questo episodio per ottenere il posto di avvocato divorzista, e a Liz stava bene questo modo di fare se ciò significasse mettere più donne in posizioni di potere come reazione ai misfatti di suo padre. Ora Diane, la nostra liberale preferita, sembra più che a proprio agio nel guardare la vita di qualcuno che viene sconvolta dall’attenzione dei media se ciò significa causare problemi a Trump. 

Commento personale alla puntata

Nel complesso è stato un buon episodio!! Si forse la figura di Blum è stata un po’ caotica e rumorosa rispetto alla tranquillità a cui eravamo abituati e quindi forse, almeno a me, ha spiazzato molto e poco attenta a certi momenti della puntata che ho dovuto rivedere alcuni punti. Voi cosa ne pensate?

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED
E SULLA PAGINA AD ESSA DEDICATA A THE GOOD FIGHT ITALIA

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page