The Good Fight 3 x 01 “The One About the Recent Troubles” Recensione

The Good Fight 3 x 01 “The One About the Recent Troubles” Recensione
Reading Time: 6 minutes

“Sono felice.” Queste sono le prime parole che sentiamo nei primi minuti della puntata, e sono pronunciate da Diane Lockhart mentre giace a letto con il suo marito (repubblicano), Kurt. Apparentemente, l’unica coppia di The Good Fight a cui tengo ufficialmente è tornata insieme durante il periodo tra le stagioni 2 e 3 e stanno finalmente vivendo insieme come marito e moglie. E, come indicano le sue parole, Diane è soddisfatta. Ma è anche abbastanza intelligente da mettere in discussione quella sensazione, e fa in modo che Kurt le assicuri che in realtà è così. “Andrà tutto bene,” dice Kurt. (Naturalmente, il pubblico sa che è vero il contrario, e una tempesta sta arrivando sia nella prima che nella stagione nel suo complesso.)

La premiere della terza stagione, “The One About the Recent Troubles”, è una grande reintroduzione dello show ed essenzialmente The Good Fight , mettendo in mostra tutti i punti di forza dello show. L’ora si muove senza fatica tra toni multipli, a volte contrastanti: materiale di attualità serio su #MeToo, assurdismo (ciao, figli di Trump!) e commedia diretta, con un cartone animato in stile Schoolhouse Rock che ci spiega che cosa sia l’NDA e una metafora su Maia.

Come ho già detto, la felicità che Diane sta vivendo non dura a lungo. Mentre lei e Kurt si vestono per i loro giorni, trova i capelli biondi di qualcuno sulla giacca di Kurt. La sua mente salta immediatamente a una relazione perché, beh, abbiamo già percorso questa strada prima. La sua giornata diventa più folle da lì perché lei, Adrian, Marissa e Jay scoproni che Carl Reddick, che è morto nella prima parte della stagione 2, ha violentato la sua segretaria, Cynthia (la signora Cowley per te, se non hai mai lavorato con lei) per 15 anni. Ha anche violentato la stenografa dello studio, Wendy. Dato che Reddick era il fondatore dell’azienda, un’icona dei diritti civili e il padre di Liz, tutti sono visibilmente scossi da questa scoperta. Mentre lo studio si precipita a trovare una risposta appropriata, l’episodio non perde mai di vista Cynthia e Wendy, perché ascoltiamo una registrazione di Cynthia che parla del suo assalto più volte.

Anche la gestione della sceneggiatura della risposta dello studio è interessante. Sia Adrian che Diane sono in qualche modo in conflitto su come gestire la situazione. Da un lato, sono disgustati da quello che è successo; tuttavia, devono moderare la loro repulsione per concentrarsi sulla protezione della reputazione dell’azienda. La loro soluzione? Un NDA. Avere accesso a Cynthia e Wendy è nel loro interesse, ma contribuisce anche a una cultura del silenzio su questioni come questa. L’episodio comprende la posizione in cui si trova l’azienda e il motivo per cui scelgono la via NDA, ma cerca anche di tenerli responsabili tramite un cortometraggio animato intelligente che spiega esattamente quali NDA fanno in modo che questo sia possibile.

La persona più turbata da tutto questo è, ovviamente, Liz. All’inizio Liz è sconvolta e in lacrime, perché questo distrugge ogni ricordo che aveva di suo padre. Ma dopo aver pianto, si arrabbia e in modo aggressivo chiede ad Adrian se ne era a conoscenza, perché si ricorda che suo padre si è lamentato che Adrian decidesse di installare vetrate in tutti gli uffici. Da lì mantiene la sua rabbia, ma la canalizza anche per proteggere l’azienda.

Questo non dovrebbe sorprendere, ma Audra McDonald offre una potente performance in questo episodio. Dopo che Adrian le ha parlato dello scandalo, Liz si unisce al resto dei partner nella sala conferenze, dove scopre che suo padre ha anche aggredito la stenografa. A quel punto, la telecamera spinge su Liz per il disgusto, l’incredulità e tante altre emozioni che le attraversano il viso mentre cerca di elaborare questa preoccupante notizia.

Provando un senso di responsabilità perché è suo padre, Liz gestisce le trattative con le due donne e chiede a Marissa di scoprire se ci sono più vittime là fuori. Sorprendentemente, Wendy rifiuta i soldi dello studio perché non vuole giocare un ruolo nel prendere un altro uomo nero, che è un sentimento che potrebbe riempire un intero riassunto. Allo stesso modo, Cynthia dice a Liz che suo padre non era un uomo cattivo, che è una pillola dura da ingoiare. Cynthia accetta di firmare l’NDA in cambio del pagamento della pensione da 80.000 dollari che, a quanto pare, Reddick le aveva promesso molti anni prima.

In qualsiasi altro show, il caso #MeToo assorbirebbe tutto l’ossigeno in un episodio, ma non è questo il caso di The Good Fight , in quanto i Kings si assicurano che non perdano neanche un secondo del runtime della premiere di 57 minuti. Mentre la società è scossa dallo scandalo Reddick, la vita personale di Diane viene interrotta dall’apprendimento che Kurt sta facendo qualcosa di molto peggio che tradirla: Eric Trump e Donald Jr. lo pagano per sparare con loro. “Non è politica, è lavoro”, dice Kurt. Ma questo non cambia la mente di Diane. Comincia appena a battere la testa contro il muro della loro camera da letto, che è uno dei momenti più divertenti, più teatrali e più affabili della prima puntata. A peggiorare le cose, Kurt sta facendo un safari con loro.

L’accordo di Kurt con i figli di Trump, tuttavia, converge in modo interessante nella trama principale dell’episodio: durante il safari, uno di loro spara accidentalmente a Kurt alla schiena, in stile Dick Cheney. Ma Kurt non può parlarne affatto perché, con orrore di Diane, ha firmato un NDA. Più tardi quella notte, Diane immagina che la ferita di Kurt le stia parlando con la voce di Trump, la ricompensa e finisce per parlare di se stessa che Trump ha pagato per la porno star che abbiamo incontrato nel finale della stagione 2 per abortire, anche se l’attrice ha detto a Diane che non voleva farsi avanti. Nelle anteprime precedenti alla stagione, i Kings hanno detto che questa stagione riguarda i buoni liberali che vanno male e la rabbia di Diane verso il presidente che la spinge a ignorare i desideri di una fonte confidenziale è sicuramente il primo passo in quella direzione.

La decisione di Diane di far trapelare l’aborto indica anche uno dei miei problemi con l’episodio: cosa ha fatto Diane fino all’anno scorso? Nel finale della stagione 2, Diane ha finalmente smesso di drogarsi e ha deciso che era tempo di combattere contro Trump; tuttavia, nella premiere, che riprende un anno dopo, sembra che non abbia davvero fatto nulla per seguire quella risoluzione. C’è questa sensazione che il tempo sia effettivamente passato, ma i personaggi sono rimasti in stasi fino a quando lo spettacolo non è tornato in onda.

Infine, dobbiamo discutere di Maia in tutto questo. The Good Fight non ha mai veramente capito cosa fare con il personaggio di Rose Leslie, e questo diventa lo scherzo in questa prima puntata. In questo momento lo studio sta cercando di cambiare nome e aggiornare il suo sito web. Parte dell’iniziativa significa mettere da parte Maia il più possibile, perché non vogliono che lo scandalo del proprio padre si rifletta poco sulla società. (C’è un tema ricorrente in questo episodio di figlie costrette a pagare per i crimini del padre.) All’inizio Maia sta bene con la sua cancellazione digitale dallo studio, ma poi si arrabbia perché i partner continuano a scusarsi per questo.

Per fortuna, la nostra investigatrice preferita Marissa dà a Maia un cambio di personalità e le insegna come difendersi; lei gli presta persino degli occhiali da sole cazzuti che la fanno sembrare intimidatoria. Dopo il discorso di incoraggiamento, Maia è visibilmente più sicura di sé. Ora appoggia i piedi sulla sua scrivania mentre legge i documenti legali! Ancora più importante, però, parla da sola in una riunione dei partner quando torna il caso A-holestoAvoid.com della scorsa stagione. Tutta questa trama sembra un commento sullo status di Maia come personaggio terziario nelle prime due stagioni.

Mentre l’episodio finisce, Adrian e Liz condividono un drink nell’ufficio di Adrian, dove entrambi decidono che è un nuovo giorno per la loro azienda. “Siamo fermi senza passato”, dice Liz. “Non più. Stiamo ricominciando. È rinfrescante.” E non vedo l’ora di sapere cosa significa questo nuovo inizio per il resto della stagione.

Commento personale alla puntata

Nel complesso è stato davvero un buon ottimo episodio per iniziare questa terza stagione!! Le tematiche affrontate sono quelle più scottanti in questo periodio come NDA e il #MeToo e ovviamente una serie come questa non poteva certo non affrontarli. Sono davvero curiosa di come si evolverà la serie nel corso delle puntate!! Voi cosa ne pensate?

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED
e sulla pagina ad essa dedicata a The Good Fight Italia

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page