The Good Fight 2 x 10 “Day 471” Recensione

Reading Time: 4 minutes

Che episodio! “Day 471”, che ho adorato, inizia come un episodio tipico di The Good Fight , con un’apertura elegante che stabilisce un tono che sarà presto interrotto.

Mentre la bella apertura di Rossini si svolge, dando un ordine artificiale all’ambientazione, vediamo Solomon Walzer (Alan Alda) arrivare a Reddick, Boseman e Lockhart, dove finisce per imbattersi nel favorito di The Good Wife (ex) boss della droga, Lemond Bishop (Mike Colter). Poi Liz si presenta al lavoro ed è sconvolta non solo a vedere Lemond nell’area della reception, ma anche Adrian che ha un incontro con il killer della moglie Colin Sweeney, che sta discutendo con la sua ultima moglie, Naftalia (Katrina Lenk), per uno scontro. Come ex avvocato degli Stati Uniti, non è molto contenta di questi loschi clienti.

Alla fine, Diane, Adrian e Liz si ritrovano in un incontro con Solomon, che ha una proposta: vuole che considerino una fusione perché (a) unire le forze con uno studio prevalentemente nero aiuterebbe l’immagine della sua impresa, e (b) loro lo hanno battuto in tribunale poche settimane fa. Questa offerta provoca ovviamente scalpore tra i partner. Liz usa questa come un’opportunità per sollevare i suoi problemi con la loro lista di clienti, e Diane difende i suoi due clienti. Certo, stanno urlando, ma questo non è niente di nuovo per The Good Fight; tutto è ancora in ordine. Ad ogni modo, Adrian deve tagliare il bisticcio perché deve scappare per incontrare Colin e il nuovo avvocato di sua moglie per discutere di questo accordo prematrimoniale.

E questo è quando le cose prendono una svolta.

Adrian si dirige all’ascensore. Le porte si aprono, ma lui non entra perché qualcuno gli spara al petto con una pistola silenziata – e nessuno se ne accorge. Richiede un momento all’addetto alla reception per capire cosa dice Adrian quando le dice che gli hanno sparato. È come se questo mondo rifiutasse di disturbare il falso senso dell’ordine. È l’opposto di quello che ti aspetteresti che assomigli ad una scena in cui viene sparato qualcuno. Non c’è panico, almeno all’inizio. Delroy Lindo suona anche l’intera scena; riesce a malapena a credere a quello che è successo e non riesce a raccogliere l’energia per far conoscere a tutti la gravità della situazione. Non è così fino a quando Marissa arriva alla reception e vede il buco nel petto di Adrian che la scena acquisisce un senso di urgenza. Marissa salta immediatamente all’azione, chiama la polizia stessa e dice loro che tutto questo è incredibilmente serio.

The Good Fight continua a sovvertire le aspettative durante l’intero episodio. Invece di concentrarsi su chi era responsabile per le riprese, l’episodio si preoccupa di come questa sparatoria scateni una guerra interna o esterna.

Sulla scia della sparatoria, il marito di Liz, Lawrence, chiede ancora una volta di vedere la lista dei clienti dell’ufficio. Scossa da quello che è successo, Liz ignora il privilegio avvocato-cliente e il consiglio di Diane e da’ al marito la lista. Naturalmente, Lawrence usa questa come un’opportunità per perseguire la propria agenda e mette in discussione sia Lemond Bishop che Colin Sweeney riguardo agli omicidi, anche se nessuno dei due ha avuto alcun tipo di movente. Sfortunatamente, ciò confonde la fiducia di entrambi i clienti nell’ufficio, ed entrambi finiscono per licenziare Reddick, Boseman e Lockhart.

Il fatto che Bishop e Sweeney siano stati in grado di trovare un nuovo rappresentante legale in modo così rapido fa capire a Diane che qualcuno sta approfittando della sparatoria per sottrarre i clienti. Il colpevole è abbastanza ovvio: è Solomon. Con l’aiuto di Maia, Diane è in grado di confermare che Solomon sta lavorando con l’avvocato personale di Bishop, Charles Lester. Rendendosi conto che ha bisogno di avere la sua intelligenza su se vuole riprendere il controllo della ditta, Diane scarica il resto del suo liquido microdosato nello scarico e immediatamente entra in modalità commando, frustando i suoi soldati in forma (l’ho amata raccontando a un associato di raddrizzarsi la sua cravatta). Di nuovo rinvigorita, Diane si reca nell’ufficio pieno di palloncini di Lucca e usa la sua spilla per aiutare Lucca a scoccarli tutti. Chiaramente, Diane non sta più girando, e questo cambiamento si sente guadagnato perché se ci fosse stato qualcosa da scuotere Diane dallo stupore compiacente che è stata nella maggior parte della stagione, sarebbe questo. La vecchia Diane Lockhart è davvero tornata e pronta a combattere la bella battaglia!

La scena successiva tra Diane e Solomon conferma che Diane ha trovato di nuovo il suo groove. Mentre Lucca parla con Colin di aiutarli a rubare il DNC da Solomon, Diane incontra Solomon con la scusa di discutere della loro fusione. E con ciò intendo, lei gli dà il dito. Riferendosi alla loro conversazione da prima dell’episodio, quando hanno discusso di quanto pazzo fosse diventato il mondo, Diane dichiara con forza che ha finito per essere spettatrice della follia del mondo. “Mi sono reso conto che è giusto che il mondo sia pazzo, purché io renda il mio piccolo angolo del mondo sano di mente. Ora vattene fuori dal mio ufficio “, dice mentre promette di prendere i clienti di Solomon. Più tardi, si scusa anche con Liz, che si rende conto di aver incasinato la lista dei clienti e ammette di non essere stata lei stessa ultimamente.

Nel frattempo, Marissa e Jay, che ritorna all’ovile una volta che ha saputo della sparatoria, iniziano a cercare lo sparatutto. Dopo aver chiesto ad Adrian, a malapena cosciente e reattivo, cosa ricorda dell’assalitore, Jay e Marissa sono in grado di restringere la lista dei sospetti ai clienti bianchi della ditta, in particolare Dylan Stack, il cyberinterruttore, o Felix Staples, il dotto di estrema destra. Tuttavia, l’episodio non ci dà una risposta ferma su chi è responsabile prima che finisca.

Anche se sembra un po’ troppo presto per invertire la decisione di Jay di lasciare l’azienda, mi è piaciuto come ha arricchito la sua relazione con Adrian. Nell’episodio 8, abbiamo appreso quanto fossero vicini questi due perché Jay si sentiva a suo agio nel confrontarsi con Adrian, il managing partner dell’azienda, sul suo comportamento; tuttavia, la reazione di Jay alla sparatoria ha rivelato un lato più dolce della loro relazione, mentre l’episodio termina con Jay seduto al capezzale di Adrian, che traccia un ritratto del suo amico costretto a letto.

Vi lascio il promo dell’episodio della settimana prossima!!

https://www.youtube.com/watch?v=RVMxL6e48Ss

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla pagina dedicata a The Good Fight Italia
E sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News, Tutta colpa delle serie TV, Empire State of Mind e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page