The Danish Girl – Recensione

Reading Time: 5 minutes

The Danish Girl di Tom Hooper è un film sottile e straordinariamente ben fatto, ma che tira continuamente in direzioni diverse. Hooper sta raccontando una storia radicale in un modo stracciato. Questo è un dramma d’epoca di alto livello in cui l’attenzione amorevole è stata dedicata al costume e al design della produzione. Il suo oggetto, però, è crudo e inquietante. Il personaggio principale è Lili Elbe, l’artista “il cui spirito coraggioso e pionieristico rimane un’ispirazione per il movimento transgender di oggi”, ma che, nel corso del film, subisce traumi estremi.

Come il film premio Oscar di Hooper The King’s Speech, The Danish Girl presenta un marito represso con una moglie molto solidale che cerca di trasformarsi e liberarsi. Questa volta, non si tratta semplicemente di superare una balbuzia, ma del marito che vive la vita da donna.

In gran parte ambientato negli anni ’20 a Copenhagen, il film inizia in modo ingannevolmente spensierato ma diventa sempre più oscuro e complesso. Vanta ottime prestazioni centrali sia da Eddie Redmayne come artista transgender che da Alicia Vikander come sua devota moglie.

Per la prima volta, Einar Wegener (Redmayne) è una giovane pittrice di paesaggi di successo. Vive una vita spensierata e bohémien nell’appartamento che condivide con Gerda (Vikander) e il loro animale domestico Jack Russell. “Quando voi due mi darete un figlioccio,” gli chiede l’amica ballerina Ulla (Amber Heard). L’unica leggera nuvola in un matrimonio altrimenti idilliaco deriva dalla mancanza di successo professionale di Gerda. Gli stessi galleristi che fanno la corte a Einar considerano i suoi ritratti troppo convenzionali.

La sceneggiatura di Lucinda Coxon è tanto uno studio di un matrimonio quanto uno di sessualità e identità. Il film è intriso di ironia. La ricerca di Einar per il cambiamento avvicina marito e moglie nello stesso momento in cui rischia di distruggere il loro matrimonio. Ci sono momenti in cui le loro identità (come quelle delle due donne nella Persona di Ingmar Bergman) sembrano fondersi. “Il matrimonio crea qualcun altro, più che solo voi due”, si osserva della coppia. Gerda, che ricorda come si innamorò per la prima volta di Einar, dice: “Era la cosa più strana, era come baciare me stesso”.

Ancora prima che Gerda chieda a Einar di indossare un vestito da balletto per finire un ritratto da Degas di una giovane ballerina, vediamo Einar nel backstage del teatro, accarezzando amorosamente i costumi di pelliccia e fissando estasiato Ulla mentre provano.

All’inizio, la decisione di Einar di reinventarsi come Lili sembra un gioco. Gerda è il suo co-cospiratore mentre si veste di parrucca e calze, applica il rossetto e partecipa a una palla da club d’arte. Studia le donne che lo circondano con un fascino antropologico, prestando particolare attenzione alle loro caviglie e al modo in cui muovono le loro mani. La sua Lili è come un giovane cigno nervoso con la testa inclinata verso il basso, il lungo collo sempre visibile, le dita che tremolano e un timido sorriso sul suo volto.

Diventa subito evidente che questo non è solo il caso di un artista che si veste di drag ed esplora il suo lato femminile. C’è una scena molto strana non molto tempo dopo che Lili bacia Henrik (Ben Whishaw), il giovane bohémien che si interessa a lei. All’improvviso ha un sangue dal naso violento. Il naso di Lili sanguina, in seguito impariamo, “coincide con i crampi allo stomaco su base mensile”.

In una scena successiva, vediamo Einar che si guarda nudo nello specchio, cercando di nascondere il suo pene tra le sue gambe.

Il film parla della “transizione” di Lili, il processo (le note di produzione ci dicono) che “le persone trans si impegnano a portare il loro corpo e la loro espressione di genere in allineamento con la loro identità interiore di genere”. Questo non è un interruttore facile. Molti medici considerano Lili un mostro. Considerano il suo comportamento come risultato di uno squilibrio chimico o di un “pensiero aberrante”. Viene diagnosticata come schizofrenica e minacciata di incarcerazione. È picchiata da teppisti omofobi.

Quando a Lili viene offerta la possibilità di un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso (“questo non è il mio corpo, professore, per favore portalo via”), le viene detto che le due operazioni necessarie per renderlo pienamente una donna hanno un alto rischio di “fallimento, infezioni, complicanze “.

Ciò che rende la performance di Redmayne così eccezionale è il modo in cui cattura sia il terrore di Lili che il suo ostinato coraggio. Alcuni dei gesti dell’attore sembrano molto educati, ma siamo sempre consapevoli dell’intelligenza e dei sentimenti che stanno guidando Lili. Nell’essere così onesta nei confronti della propria natura, sta distruggendo la vita confortevole che Einar e Gerda hanno goduto come coppia sposata.

Gerda fu la prima a chiedere a Einar di posare in abiti femminili. In tal modo ha contribuito a far vivere Lili. Mentre il marito scompare di fronte a lei (“è rimasto così poco di Einar”), trova finalmente un soggetto per la sua arte. Gerda smette di dipingere ritratti di società convenzionali e fa di Lili il suo modello principale. Le sue foto di Lili sono straordinarie e originali. Catturano l’immaginazione dei proprietari della galleria e dei collezionisti che l’hanno ignorata.

The Danish Girl è un film sconcertante da guardare. In molti modi, questo è il film più audace che Tom Hooper abbia realizzato. Ha una profondità di caratterizzazione che va ben al di là di qualsiasi cosa si trovi in ​​The Damned United o The King’s Speech. Allo stesso tempo, non vi è alcuna prospettiva di un felice esito catartico qui – una ragione per cui il film fa una visione così deprimente e, di tanto in tanto, deprimente. Le sue sontuose qualità visive e stravaganti valori di produzione ci danno la sensazione di assistere a uno di quei lussuosi costumi in costume che i britannici eccellono.

Alcuni dei giochi visivi qui – la sequenza della sciarpa di Lili che fluttua nel vento come un aquilone o gli scatti amorevolmente dettagliati di paesaggi danesi che rispecchiano quelli trovati nei dipinti di Einar – sembrano banali ed evasivi. La bellezza da cartolina delle immagini è in netto contrasto con una trama, che, nonostante tutto il coraggio e la determinazione di Lili nel trovare il suo vero sé, è spesso tetra all’estremo.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Consiglio per le interpretazioni dei due attori che sono davvero formidabili, e per questo l’attrice Alicia Vikander ha vinto il premio Oscar come miglior attrice non protagonista. Il film passa dalla spensieratezza alla crudeltà e depressione che porta a voler cambiare sesso e sentirsi finalmente sé stessi e Eddie Redmayne lo fa in maniera eccellente.

Sconsiglio, questa volta non ho un valido motivo per sconsigliare questo film di solito ce l’ho ma sta volta credo che tutti dovrebbero vederlo.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page