The Cry 1 x 02 “Episode 2” Recensione

Reading Time: 2 minutes

Come il primo episodio anche nel secondo la narrativa è fratturata e suddivisa in tre diverse linee temporali – con la maggior parte del focus su Joanna e Alistair mentre affrontano la perdita del loro bambino. Joanna si iscrive nei social media, crea un account falso e conduce le proprie indagini – scorrendo attraverso ciò che le persone stanno dicendo, nel caso qualcuno vedesse qualcosa. Nel frattempo, la polizia esamina il loro primo sospettato e le prove cominciano a impilarsi contro di loro.

Il lato psicologico di ogni personaggio è intenso, specialmente con Joanna. Spesso si allontanava per vedere le istantanee dell’incidente, o improvvisamente abbattere e ansimare per aria come lei sta annegando. Coleman offre un realismo tremante a questi momenti, mentre il suo personaggio viene smantellato dentro e fuori. I giornalisti non aiutano e le causano ancora più grande sofferenza, anche se sembra trovare conforto nei social media. I vari messaggi che rimbalzano attraverso il cyber-spazio sono letteralmente personificati attorno a lei, come se avesse degli amici a cui rivolgersi.

Sebbene ci fosse forza nella sceneggiatura del primo episodio, il secondo ha un peso visivo maggiore. C’è una ricchezza cinematografica per la regia di Glendyn Ivin e la cinematografia di Sam Chiplin, come qualcosa di un film di David Fincher (l’ ispirazione a Gone Girl è chiara). Durante le scene con Joanna da sola o con Alistair, l’oscurità intorno a loro è acuta e si diffonde dappertutto come se stesse per inghiottirli interamente. Il dolore sta iniziando ad avvelenare i loro stessi esseri, anche se il fine lo rende incerto.

COMMENTO PERSONALE ALLA PUNTATA
Con l’ultima svolta, The Cry promette di diventare ancora più strano e ancora più intenso. Anche se la claustrofobia della storia avrebbe potuto essere più adatta ai confini narrativi del film, Perske e Ivin hanno fatto un lavoro elegante con questa serie fino ad ora. Mancano solo due episodi e forse e dico forse scopriremo la verità che si cela dietro a tutto. Voi cosa ne pensate?

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page