The Crown 2 x 10 “Mystery Man” Recensione

Una terrificante rivisitazione dello scandalo Profumo.

Come è noto da tutti Philip Larkin e i suoi rapporti sessuali iniziarono nel 1963. I precedenti nove episodi di The Crown suggerivano di aver sbagliato, ma con l’Affare Profumo che ora minacciava di far cadere il governo britannico, la questione del sesso è improvvisamente, ehm, spinta sotto i riflettori.

Peter Morgan decomprime tutto lo spiacevole stato di cose, che ha avuto origine quando John Profumo , il Segretario di Stato per la Guerra, ha avuto un legame con l’aspirante modella Christine Keeler. L’episodio inizia con una scena di teatro, un simbolo della vecchia Inghilterra, prima che Harold Macmillan (Anton Lesser) si rivolge alla stampa nei suoi tweed davanti alla sua dimora maestosa, la sua autostima scossa. Questo è quello che chiameremmo un disastro di pubbliche relazioni, ma anche allora l’atteggiamento anacronistico di Macmillan era considerato poco saggio.

Come sempre, Lesser è terrificante, dando il senso di un uomo che sa che i suoi giorni sono contati. Certo, la sua vita personale è tutt’altro che sacra, con la mostruosa moglie Dorothy che continua la sua relazione con Lord Boothby e gli dice che dovrebbe andare a vedere Beyond the Fringe dove è ogni cosa dell’attuale Inghilterra viene presa in giro ivi compreso il Primo Ministro.

In una sequenza surreale, ma molto efficace, vediamo Macmillan partecipare alla famosa commedia teatrale, con Jonathan Miller, Alan Bennett , Peter Cook e Dudley Moore. Qui viene individuato tra il pubblico e improvvisamente tutte le sue insicurezze vengono messe a nudo. Immagina che tutto il pubblico stia ridendo di lui.

Un interessante incontro successivo vede una regina sorprendentemente antipatica (Claire Foy) far conoscere la sua delusione quando Macmillan si dimette per motivi di salute. Lei nota che in poco più di 10 anni come governante, ha avuto tre primi ministri: “Tutti loro uomini ambiziosi, uomini intelligenti, uomini brillanti. Ma nessuno di loro è durato … Una confederazione di dispiaciuti.”

Certamente Morgan sta usando questa esplosione di asperità per dimostrare che la regina è una donna delusa da uomini deboli. Mentre il sesso nelle alte sfere è stato reso pubblico, l’infedeltà del marito dimostra che le persone di alto profilo possono ancora godere di imbrogli di basso profilo. Il principe Filippo (Matt Smith), ora è tornato a casa per dormire, i suoi giorni di libidicità sono apparentemente dietro di lui. In una scena a Balmoral, una delle scene chiave dell’intera serie, infatti, non confessa tanto i suoi modi malvagi come ricalibrare la sua devozione. “Tu sei l’essenza del mio dovere”, dice, il che suona molto diverso dal genere di cose che il Duca in realtà direbbe.

Ma non importa, è una scena tenera e commovente e Foy è in forma magnifica, mostrando solo una vulnerabilità sufficiente sotto quella facciata di stoicismo. È un’illustrazione meravigliosa di come è stata sempre brava in tutta la serie: una sorella grande e sensibile che affronta ogni crisi nel modo più pragmatico. Gli sguardi di Foy guizzano costantemente intorno allo schermo, come se stesse cercando di evocare una risoluzione interiore.

E non dimentichiamo la magnifica Margaret di Vanessa Kirby, qui relegata in un cameo grazioso. Mentre ordina importanti lavori di costruzione a Kensington Palace, così gli altri abitanti reali, il “circolo vizioso”, come dice lei, lamenta il rumore e l’inconveniente. Margaret non è gentile. “Come rifugiato della famiglia di basso rango di tuo marito, è [la principessa Marina] fortunata ad essere qui”, dice a sua sorella.

Potresti aspettarti che la fine di The Crown tocchi una nota giubilante, o almeno fai finta di lasciare che i Windsor giochino a famiglie felici. Ma Morgan lo cita gentilmente in una scena finale tremendamente acerba. Mentre la famiglia reale si riunisce per una fotografia ufficiale per celebrare le nascite del Principe Edward e Sarah Armstrong-Jones, così Cecil Beaton recita il discorso di John of Gaunt con più di un pizzico di ironia: “Questa trama benedetta, questa terra, questo regno, questa Inghilterra “.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla nostra pagina affiliate di The Crown Italia. E su tutte le altre nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News