The Crown 2 x 06 “Vergangenheit” Recensione

Reading Time: 4 minutes

In questa puntata abbiamo un gradito ritorno Jared Harris mentre il passato nazista di Edward ritorna a farsi vivo.

La tentazione di ritrarre Edward, Duca di Windsor, come un mascalzone è una cosa che The Crown continua a trovare irresistibile. Durante la prima stagione il Duca di Windsor ha disdegnando la Regina e la sua famiglia per la loro pia mediocrità.

Ora Edward ritorna più che mai in un episodio che intreccia le simpatie naziste del Duca di Windsor con la delicata, ma percettibile, lotta di Elisabetta con la sua fede cristiana. Può perdonare suo zio per essersi divertito con Hitler? Cosa rivela di se se la risposta è negativa?

Lo scrittore Peter Morgan è, come prima, irremovibile per il narcisismo e il disprezzo di Edward (il Duca lamenta la “gente comune e disinteressata” che lo assilla in un passaggio attraverso la Manica).

Tuttavia, vengono fatti anche tentativi per umanizzare il Re una volta, ma mai futuro. Esiliato nel purgatorio in Francia, Edward soffre per avere una vita degna al suo ruolo e al di là di balli in costume e feste di compleanno per il suo carlino. Nel frattempo la moglie Wallis Simpson (Lia Williams), per il quale ha rinunciato alla Corona, ne ha avuto abbastanza della sua svogliatezza.

A palazzo, nel frattempo, Elizabeth sta prendendo misure estreme da sola invitando il predicatore  da poco arrivato a Londra e che ha un gran bel seguito in America Billy Graham.

L’ex venditore porta a porta dalla Carolina del Nord è pieno di incontri per tutto il  del paese.

“Il popolo della Gran Bretagna non ha mai pianto durante la guerra”, denuncia la Regina Madre (Victoria Hamilton) del fervore che invece porta con sé il nuovo predicatore Graham (Paul Sparks, alias Thomas Yates from House of Cards), la Regina Madre dice:  “Ora piangono come bambini.”

Incuriosita, Elizabeth invita Graham a predicare a Windsor Palace. Questo accadde davvero, sebbene le “buone maniere” di Graham gli impedissero di rivelare i dettagli della conversazione che lui e la Regina avevano avuto con il tè. Morgan prende un barchino per riempire gli spazi vuoti. Come capo della Chiesa, a Elizabeth manca qualcuno con cui si possa confidare spiritualmente. Ascoltando Graham, confessa, “la grande gioia che sentivo era di essere una semplice cristiana”.

Il contrasto tra la ricerca di Elizabeth per la chiarezza spirituale e le manovre di Edward avrebbero, per conto loro, creato un diversivo avvincente dal fuoco più ampio della stagione sulle schegge nel matrimonio tra Philip e The Queen. Ma poiché The Crown è The Crown e Netflix ha il libretto degli assegni più grasso della televisione, l’episodio inizia come un mini-epopea di guerra, attraverso un fastidioso flashback in Germania nelle conseguenze della sconfitta di Hitler.

Philippa Lowthorpe, che dirige questo episodio, (Three Girls, Swallows and Amazons) gli conferisce in pieno  stile Spielberg come nel film Salvate il Soldato Ryan. Vediamo un alto grado nazista che conduce truppe americane nel luogo segreto in cui ha seppellito i documenti che dettagliano l’intimità di Edward con il Terzo Reich. C’è anche un’occasione di ricongiungimento con Churchill di John Lithgow, magnificamente turbolento, e Jared Harris nei panni di George VI mentre meditano sui documenti recuperati. Tutti concordano che i file non devono mai vedere la luce del giorno – per paura che possano danneggiare fatalmente la Corona.

Ritorniamo dunque al regno di Elisabetta e gli storici sono inevitabilmente incappati nei documenti e stanno premendo per la pubblicazione (la richiesta è ridondante in quanto gli americani stanno per rendere pubblica la loro copia in ogni caso). Edward, come una coincidenza, fa irruzione nella puntata in quanto ha messo in fila diversi potenziali lavori che potrebbero farlo di nuovo sentire appagato.

Mentre le sue prospettive di carriera sono subordinate dall’autorizzazione della Regina di rimanere nel paese. Ma Elizabeth non può dargli questa soddisfazione, avendo letto i “file di Marburg” e ricevuto ulteriori dettagli delle connessioni naziste di Edwards da Tommy Lascelles (Pip Torrens).

La replica di Edward è che la sua disinvoltura con Hitler derivava dal desiderio di impedire la guerra – una prospettiva che Morgan ha consegnato a Jennings con convinzione. Il filmato d’archivio di Edward e Wallis che parlano e ridono con il Führer che chiude l’episodio lascia pochi dubbi sul modo in cui Morgan vuole che proviamo per l’ex reggente caduto in disgrazia (il titolo dell’episodio, “Vergangenheit”, è tedesco per “il passato”).

Questa puntata possiamo definirla di passaggio o comunque una via di mezzo dal prima a quello che ci aspetta nelle prossime puntate.
Elizabeth penso che con la sua difficoltà a trovare perdono per lo zio credo che sia legata anche dal fatto che non riesca a perdonare il suo amato Filippo per come si sia comportato nelle scorse puntate. Staremo a vedere cosa succederà nelle prossime puntate, ma devo dire che questa seconda stagione arrivati a questo punto è davvero molto bella come la precedente.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla nostra pagina affiliata The Crown Italia. E anche le nostre pagine affiliate Serie Tv News e Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page