The Alienist 1 x 06 “Ascension” Recensione

Reading Time: 5 minutes

La puntata di questa settimana è metà coda dell’episodio della scorsa settimana e un preludio a quello che sta per succedere. Di conseguenza è irregolare, ma ha ancora qualcosa per tutti: Romance! Terrore! Teddy Roosevelt!

Detto questo, la grazia salvifica è l’attenzione per i ragazzi che hanno, finora, per lo più solo accessori e dispositivi per spostare la trama lungo. I giovani attori che lo spettacolo ha radunato sono fantastici, e conferiscono al processo un peso oltre l’esigenza intellettuale di capire l’assassino. Sono davvero giovani, invece dei soliti “giovani ventenni e trentenni che giocano a fare gli adolescenti” di solito si vedono in spettacoli con personaggi più giovani, al punto che è più sconvolgente guardarli che guardare gli adulti intrecciarsi in nodi.

Con la prossima vacanza religiosa in arrivo, la squadra ha reclutato Stevie (Matt Lintz), una delle guardie di Kreizler, per fingersi uno dei ragazzi che lavorano, come prostitue, per cercare di attirare l’assassino. Mentre pianificano il picchettamento, diventa evidente che due di loro saranno lasciati fuori dall’azione: Howard, perché è una donna, e Kreizler, perché è uno storpio. Quindi sono Isaacsons, Moore e Cyrus a guardare le spalle a Stevie e le strade.

Come è stato chiarito a questo punto, Moore è una grande vecchia dolcezza, quindi quando vede Joseph (Jackson Gann), il ragazzo che aveva avvertito prima di guardare per vedere se trovasse l’uomo con un sorriso d’argento, seduto al bancone del negozio di soda con una crema all’uovo, si ferma per salutare. La loro conversazione è breve, ma coinvolgente: quando Moore chiede a Joseph se ha mai pensato di fare qualsiasi altra cosa, è chiaro che il ragazzo non ha mai visto nessun altro modo per cavarsela. Ride quando Moore spiega che cosa fa un illustratore, dicendo che è stupido che venga pagato per disegnare le immagini, ma accetta di fare attenzione nei prossimi giorni mentre l’indagine si intensifica.

Sfortunatamente, l’operazione è un fallimento. Stevie rimane all’angolo della strada tutta la notte, ma nessun uomo con un sorriso argentato appare mai. Peggio ancora, all’insaputa degli aspiranti detective, l’operazione è stata compromessa. Uno dei conoscenti di Stevie lo vede e gli chiede cosa sta facendo tutto vestito, a cui Stevie replica che sta lavorando per la polizia. Il killer origlia, scoprendo sia l’aspetto della centrale della polizia che quello della polizia in un colpo solo.

Come probabilmente non sorprende, Kreizler è un perdente dolorante, un tratto aggravato da quanto lo stress lo abbia insinuato. Non appena sarà evidente che non cattureranno l’assassino quella notte, iniziò a svelare le sue teorie, dicendo che doveva aver sbagliato sulle festività religiose e sul loro significato. È Howard che poi prende le redini, notando che la prossima festa religiosa è in soli nove giorni. Crea un’altra operazione di puntura, stavolta installando Stevie in uno dei bordelli, invece di uscire per strada.

In quei nove giorni, però, c’è ancora molto da fare. Kreizler e Howard, ad esempio, stanno ancora giostrandosi sulla linea tra loro e non loro. Dopo che le ha detto che lo stato del suo braccio è il risultato di una malattia congenita, lei fa un po’ di indagini e scopre che ha mentito a tutti loro. Ha avuto il pieno uso di entrambe le braccia una volta, come dimostra un vecchio pezzo di giornale che riporta che aveva eseguito un concerto per pianoforte che non sarebbe stato possibile con un solo braccio.

Condivide la scoperta con Moore, che (naturalmente) fa un colpo su di lei dopo aver cercato in primo luogo, suggerendo che lei deve essere innamorata di lui. Lei risponde che potrebbe essere. Certamente, ha una gara in corso Mary, che condivide un momento con Kreizler dopo essersi tagliata accidentalmente un dito mentre preparava il suo cibo. Ispeziona teneramente la ferita, arrivando persino al punto di leccarle il dito e poi toccare il taglio, dicendo che la saliva è un coagulante naturale. Non posso dire di trovare un buon flirt non inquietante, ma hey, qualunque cosa accenda il tuo fuoco.

Roosevelt, nel frattempo, sta tenendo i suoi piedi sopra i carboni poiché anche JP Morgan si fa in quattro per dirgli di tenere il naso fuori dagli affari dell’alta società, anche se costa ai bambini la loro vita. Willem è stato mandato fuori dal paese a Buenos Aires, comunque, quindi è meglio lasciarlo in pace – perché se non lo fa, Roosevelt non avrà “nessun lavoro, nessun amico e nessun dannatissimo futuro”. Con il dono della preveggenza (o Credo che a ben vedere) a nostro favore, sappiamo che questo non è ciò che il destino ha in serbo per Roosevelt, e anche Roosevelt sembra saperlo, perché è solo il fatto che non può fare una scena in una funzione della società che
lo trattiene da prenderlo a pugni proprio lì.

Sfortunatamente, Connor non ha lo stesso tipo di restrizione. Dopo essere stato espulso dalla forza, è diventato qualcosa di un paria sociale, e lo rende solo più volubile. Mentre la prossima operazione prende il via, parte per un’operazione sua. Quando Willem fugge da sua madre, determinata a non lasciare New York, è Connor che è sulla sua coda. Insegue Willem fino alla cima di un ponte incompiuto e, quando finalmente viene messo alle strette, gli spara alla testa e scarica il suo corpo nel fiume sottostante. È diventato un nega-Kreizler: non ha assolutamente alcun interesse a capire cosa sta succedendo intorno a lui, ed è diventato lui stesso un killer mentre esce a spirale sulla scia del suo licenziamento. “Sei un pederasta sporco e assassino”, dice a Willem prima di ucciderlo. “Non hai il diritto di vivere tra persone rispettabili.”

Nonostante tutto, è un evidente fallimento nel trasporto della giustizia, come lo è il crollo dell’ultima operazione di pungiglione. L’assassino ancora una volta sfugge alla presa della polizia, dopo che le distrazioni li hanno resi un po’ troppo lenti nell’assorbimento. Moore e Marcus sono troppo occupati a parlare con i ragazzi del bordello (per preoccupazione, non intenzioni spiacevoli) di notare che Stevie è impegnato a chiacchierare con l’assassino, e Kreizler e Howard litigano dopo che Howard lo accusa di ipocrisia. Lei gli dice che gli manca il coraggio di affrontare la verità nonostante lo chieda agli altri, cosa che lo fa infuriare così tanto che lui la schiaffeggia. Quando arrivano a inseguire l’assassino, è già troppo tardi: si è allontanato e ha ucciso un altro ragazzo nel processo, questa volta lasciando il corpo ai piedi della Statua della Libertà.

Vi lascio con il trailer della puntata della prossima puntata!!

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page