fbpx

Sweet Tooth 1 x01 “Out of the Deep Woods” Recensione

Reading Time: 4 minutes

TRAMA SWEET TOOTH

Anni prima degli eventi della serie una pandemia nota come il Grande crollo ha quasi sterminato la razza umana e ha portato alla nascita di bambini ibridi in parte umani, in parte animali. Non sapendo se questi bambini siano una conseguenza della pandemia, molti umani li temono e li braccano. Dopo molti anni vissuti nascosto in una foresta insieme a suo padre, un bambino per metà cervo, Gus, fa amicizia con un vagabondo di nome Jepperd. Insieme, i due si imbarcano in un’avventura alla ricerca delle origini di Gus e del passato di Jepperd. Sul loro cammino incontreranno alleati e nemici, e Gus imparerà velocemente che il mondo al di fuori della foreste è molto più complesso e pericoloso di quanto credesse.

Questo è il nostro punteggio 4

Commento personale alla puntata

Che mondo meraviglioso è questo. Sweet Tooth inizia in modo meraviglioso qui, intrecciando un distinto tono fiabesco con il suo narratore e la storia delle origini di Gus e suo padre. Era forse inevitabile che Pubba morisse, ma è ancora un momento commovente per questo bambino ibrido, che ora è costretto a cercare di adattarsi al mondo esterno.

Sweet Tooth fa un ottimo lavoro nell’introdurre il mondo e i personaggi così presto, con una splendida fotografia che consente di mostrare la bellezza della Nuova Zelanda (sotto le spoglie del Parco Nazionale di Yellowstone) in tutta la sua gloria.

Lo spettacolo in sé è davvero solido finora, con una premessa interessante e una colonna sonora piuttosto buona, che alimenta il tono e l’atmosfera dell’ultima offerta fantasy di Netflix.

Fin qui tutto bene, Sweet Tooth sembra che potrebbe essere una serie fantasy molto solida. Dopo il successo di Shadow and Bone, Netflix sembra aver fatto un buon passo con i suoi ibridi fantasy/fantascienza.

sweet tooth 1x01 out of the deep woods recensione

Ma ecco cosa è successo nel 1° episodio di Sweet Tooth

L’episodio 1 di Sweet Tooth inizia prima di The Great Crumble, con il dottor Singh che lavora instancabilmente, notando che molte persone si ammalano. Quello che inizia come una semplice tosse diventa presto il virus più mortale visto nella nostra vita: il ceppo H5G9. Ancora peggio, anche la moglie di Singh, Rani, si ammala.

Sulla scia di tutto questo, nascono i bambini ibridi. Nessuno sapeva davvero quale fosse arrivato per primo, ma la nostra attenzione si rivolge presto a un ibrido al Parco Nazionale di Yellowstone chiamato Gus.

sweet tooth 1x01 out of the deep woods recensione

Gus è mezzo cervo/metà umano e cresce con il suo “Pubba”, imparando le basi e crescendo nella tranquilla beatitudine della natura selvaggia. Tuttavia, un aereo vola sopra la testa lasciando cadere volantini su un rifugio per ibridi. Pubba prende semplicemente il volantino e lo accartoccia, proteggendo suo figlio dal mondo esterno.

Quando Gus compie sette anni, suo padre gli racconta tutto del mondo esterno. In particolare, il modo autodistruttivo in cui l’umanità consuma tutto sul suo cammino. Gus viene avvertito che gli esseri umani sono pericolosi e messo in guardia dal confondersi con gli umani. Quando l’attenzione si rivolge alla madre di Gus, alcune cose sono troppo dolorose per essere rivelate. Pubba seppellisce i suoi ricordi del passato, sia in senso figurato che letterale.

Gus diventa grande e da preadolescente inizia ad avventurarsi ulteriormente nei boschi. Pubba però non è contento, preoccupato che Gus si metta troppo in discussione. Sfortunatamente questo non fa differenza, poiché l’arrivo di un ospite fuori dal campo spinge Pubba a uscire con un fucile e li allontana. Tuttavia, un grido squarcia l’aria, mentre Gus è sorpreso dal tentativo di connettersi con un cervo.

Gus esce con la sua fionda, pronto a prendere la mira, quando Pubba si avvicina barcollando alla casa e crolla. “Non ti farà del male ora”, dice Pubba debolmente, prima di crollare a terra. Quando finalmente si sveglia, Pubba è chiaramente malato ma rivela la verità sulla madre di Gus. Il suo nome è Birdie.

Purtroppo Pubba muore, morendo in poltrona qualche tempo dopo. Gus alla fine viene lasciato solo, ma questo non gli impedisce di usare la sua immaginazione per rimanere positivo. I mesi passano e Gus usa la sua immaginazione per far passare il tempo, cercando di tenere alto il morale mentre fa del suo meglio per sistemare la casa. Purtroppo le cose non vanno secondo i piani.

Gus finisce per accendere un fuoco, permettendo a densi pennacchi di fumo di sollevarsi nell’aria. Alla fine Gus si ricompone e spegne il fuoco, seguendo una mappa sul tavolo fino al forziere di Pubba sepolto in precedenza nell’episodio.

All’interno di questa scatola ci sono soldi, carte di credito, una foto di sua madre, Birdie e un volantino per il rifugio ibrido. Rendendosi conto che questo potrebbe benissimo collegarsi a sua madre, Gus si propone di viaggiare in Colorado.

Purtroppo questo piano va subito storto quando due cacciatori lo afferrano e decidono di portarlo ad Est visto che è “speciale”. Poco prima che Gus venga ucciso, le frecce sibilano nell’aria, seguite da diversi colpi di pistola mentre Gus corre attraverso il bosco per fuggire.

Tuttavia, non va lontano, poiché Gus scopre che il suo fuoco è ciò che ha attratto questi uomini a casa sua. Il Big Man che ha salvato Gus è in realtà un cacciatore di nome Tommy Jepp, che alla fine lo ha aiutato a riparare la sua casa. Tommy avverte Gus del mondo esterno e gli ricorda che deve stare attento. Alla fine Tommy se ne va, chiamando Gus “Sweet Tooth” e dandogli consigli su come mantenere la sua fattoria.

Gus alla fine fa la sua scelta e decide di infrangere le regole che Pubba gli ha dato per tutto questo tempo. Corre attraverso il bellissimo paesaggio, fuori dal Parco Nazionale e nel mondo apocalittico al di là. Mentre spia Tommy da lontano, gli grida “Big Man! Portami con te!”

sweet tooth 1x01 out of the deep woods recensione

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page