Supernova Recensione

Supernova Recensione
Reading Time: 6 minutes
TRAMA SUPERNOVA

Supernova, film diretto da Harry Macqueen, racconta la storia di Sam (Colin Firth) e Tusker (Stanley Tucci), due uomini che hanno una relazione da ormai vent’anni e decidono di partire in un viaggio in camper, attraversando l’Inghilterra. I due ne approfittano per far visita ad amici e familiari e ritornare nei luoghi a loro più cari.

Il viaggio è anche una sorta di evasione da una triste scoperta, che ha cambiato le loro vita; a Tusker, infatti, è stata diagnosticata da qualche anno una demenza precoce. La malattia ha messo un freno ai loro progetti futuri e la coppia ha capito che l’unica cosa davvero importante è trascorrere il maggior tempo possibile insieme.

Durante il viaggio Sam e Tusker scoprono che hanno idee divergenti sul futuro e vengono a galla segreti finora mai confessati, che minano i loro progetti di vita, tanto da mettere a rischio la loro relazione. I due si ritroveranno inevitabilmente ad affrontare il tema della malattia e di come il loro amore possa sopravvivere a essa.

supernova recensione

Questo è il nostro punteggio 3/5

Commento personale al film

Supernova , scritto e diretto da Harry Macqueen, è un film commovente su due uomini, Sam (Colin Firth) e Tusker (Stanley Tucci), che stanno insieme da 20 anni. Sono una coppia dal temperamento compatibile le cui differenze sembrano solo punti di affiliazione. Sam è americano; Tusker è inglese. Entrambi sono artisti: Sam un pianista, Tusker uno scrittore al lavoro su un romanzo che sembra non andare bene. Il blocco dello scrittore, apprendiamo, non è il problema. A Tusker è stata diagnosticata una demenza a esordio precoce.  

Ma ecco cosa ci mostra Supernova

Una difficoltà della malattia terminale è che si può cominciare a piangere i moribondi – che sono ancora vivi, ancora qui, anche se scivolano – come se fossero già morti. E così una pesantezza, non immotivata, accompagna tanto di quanto accade in questo film. Questo in molti modi si presta a Supernova una forza singolare: il senso di conoscere la storia tra questi uomini e, con essa, le cose che non devono essere dette a nostro vantaggio, perché sono già state dette. 

Essendo già stati portati allo scoperto, ora sono una quantità semplice e nota nella vita insieme degli uomini. I due ci vivono; se ne stanno occupando. Si stanno preparando per un futuro pieno dello stesso, con solo il declino di Tusker e l’eventuale morte che segnano la differenza. 

Sam, da parte sua, ha accettato questa visione: è pronto a prendersi cura dell’uomo che ama. Essendo una performance di Colin Firth, quell’impegno si manifesta in quasi tutte le inquadrature dell’uomo, in particolare grazie alla saggezza nei suoi occhi, che non si fanno illusioni sul tempo a venire. Ma lo senti anche nel senso di peso assoluto, la pesante sopportazione di una cura costante e vigile,

Da qui il fascino del dramma di Macqueen, in cui gli uomini intraprendono un viaggio in macchina nel Lake District in Inghilterra il cui apparente punto finale è un recital che Sam darà nonostante (dice) un po’ di ruggine – un viaggio che non può evitare l’inevitabile senso degli ultimi riti, perché Tusker in particolare. Trattandosi di un dramma sulla demenza, otteniamo gli incidenti – familiari, sì, il che non li rende automaticamente meno veri – indicativi di una malattia che ha iniziato da tempo a fare il suo corso. 

Tusker si perde, durante un pit stop, mentre porta a spasso il cane. Piccoli attacchi di dimenticanza, come l’incapacità di Tusker di ricordare la parola “triangolo”, punteggiano le loro conversazioni. Una visita per vedere la famiglia e gli amici non può fare a meno di sembrare un memoriale celebrativo, non importa quanto l’umore, in superficie, sia pervasivo con un senso di “Ci vediamo l’anno prossimo”. Per Tusker, questa è una prospettiva difficile da immaginare. Non ha nemmeno portato con sé le sue medicine. “Mi ricordano che sono malato”, dice.

supernova recensione

Di conseguenza, il film deve gran parte del suo potere ai suoi attori, che sono, ovviamente, più che semplicemente plausibili come partner di lunga data, la cui strada attraverso i piccoli drammi della quotidianità è la vera sostanza del film, forse anche più del presagio di malattia continua che pervade queste stesse interazioni. Sono una coppia di anziani piacevolmente, comodamente noiosa, e il film di Macqueen è virtuosamente paziente nella sua rappresentazione. 

Inoltre, dalla scrittura alle immagini utilizzate per dare vita a quella scrittura, tradisce il segreto che verrà: un segreto, una scelta, che rende il film più drammaticamente urgente e ne espone anche i limiti. 

C’è una scena di Sam che si allontana di soppiatto per guardare attraverso le cose di Tusker che è commovente quanto lo è, in termini di visione del film, raccontante. Coinvolge Sam che fa una serie di scoperte impegnative, tra cui un diario che chiarisce cosa intendeva Tusker, fin dall’inizio, quando alludeva alla difficoltà dei problemi che ha avuto ultimamente a scrivere. 

Sorge la domanda se la visione del film sulla demenza sia eccessivamente semplice o se le condizioni di Tusker siano davvero aumentate così rapidamente che il semplice sfogliare un diario della sua scrittura – passando da una sceneggiatura rigida e rimpolpata al nulla confuso – potrebbe riassumere correttamente il suo declino. 

Ma c’è anche la questione di cosa fa il film con cos’altro trova Sam, che è dove il film colpisce qualcosa di simile a un muro. Al posto di uno spoiler, ecco le parole dello stesso Tusker: “Sto diventando un passeggero. E non sono un passeggero. Questa cosa mi sta portando in un posto dove non voglio andare”. 

supernova recensione

E forse in un posto dove il film non vuole proprio andare. Perché ciò che fa con le rivelazioni al suo interno le vende alquanto a breve, le trasforma in un unico drammatico conflitto che arriva solo a malapena al nocciolo della questione, risolvendosi invece nel conforto dell’amore eterno.

Il che non vuol dire che questa forma di amore — tra due uomini, cioè — debba essere data così facilmente per scontata. E infatti, essendo un film su due gay di mezza età, Supernova fa tutte le cose giuste, ancorando il suo senso di convinzione a ritmi e silenzi, battute e conflitti privati, che confluiscono in un ritratto naturale dello stare insieme. 

In una parola, è un dramma solido, emotivo, tanto più che il dolore al centro del film è altrettanto naturale, valido, inevitabile. Le splendide ma non eccessivamente grandiose vedute del nord montuoso dell’Inghilterra del direttore della fotografia Dick Pope, le sue riprese degli interni del camper della coppia, l’unione della vita della coppia con un’ampiezza che smentisce i limiti del loro spazio fisico, sono la chiave dell’impatto del film. 

Come scrive Macqueen. Ciò che manca nelle essenze e negli interni che immagina per questi uomini, lo compensa nelle linee condivise tra loro. Tusker, forse a forza di essere l’autore della coppia, è pieno di acute osservazioni, dispiegate da Tucci con uno spirito nemmeno schietto ed enunciato, ma con una disinvoltura e sensibilità piuttosto simpatiche, anche quando le osservazioni sono pungenti. 

“Parla come Margaret, fottuta Thatcher”, dice Tusker della voce sul GPS del loro camper. “In primo luogo la sua Sezione 28 ,e ora ci dirà dove andare durante le nostre fottute vacanze. È una linea che si addice al suo carattere: il fastidio incontra la rabbia incontra l’irriverenza del comfort della classe media e le vite che Tusker e Sam, a dispetto della Thatcher, sono riusciti a vivere. Più tardi, dice: “Non dovresti piangere qualcuno mentre è ancora vivo”. Più tardi, ancora: “Se mi ami, mi lascerai fare questo. Se mi ami veramente.” 

Questo di quell’ultimo sentimento è in qualche modo il punto in cui Supernova inizia davvero. È la scelta, operata da Tusker, che mette in moto il film, anche se uno di questi uomini lo scopre solo a metà strada. È una scelta esplosiva, del tutto personale, e il principale fallimento del film sta nell’appianarlo troppo facilmente. 

L’amore, ci dice il film – ci dice Tusker – è ciò che dovrebbe renderlo possibile. Aver iniziato davvero con quella scelta, aprire con quella ferita, avrebbe portato a un film più rivelatore, meno confortante. Sarebbe diventato più brutto in modi coerenti con chi fosse Supernova ci dice che questi uomini sono. Ma l’amore, non la bruttezza, è assolutamente il punto; l’avversione per la bruttezza che verrà è, infatti, il cuore del dilemma di questa coppia. Portano sulle spalle il peso del mondo, come nota uno di loro. E Supernova – scegliendo di commuoverci (cosa che fa) piuttosto che rischiare quello che sembra il vero confronto al centro – graffia solo la superficie di quello sforzo titanico.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page