Stranger Things Stagione 4 Prima Parte Recensione

Stranger Things Stagione 4 Prima Parte Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice dei contenuti

Questo è il nostro punteggio 5/5

Commento personale alla prima parte della stagione

Emozionante, divertente e davvero spaventoso, Stranger Things ritorna con una magistrale quarta stagione. È quanto di meglio si può ottenere dopo due anni di attesa.

Ma ecco cosa ci mostra la prima parte di Stranger Things

Quello che i fratelli Duffer hanno realizzato con la tanto attesa quarta stagione di Stranger Things è un’impresa notevole. Hanno prodotto nove episodi e tutti sono lunghi un lungometraggio. Il primo volume è il più elettrizzante, esilarante e addirittura terrificante possibile, la stagione più audace e sanguinosa di sempre dei Duffer. 

È una stagione fenomenale della televisione popcorn mainstream. E ha i punti salienti aggiunti di due significativi ritorni di personaggi e trame sbalorditive che si uniscono alla fine del primo volume. In effetti, definirei “The Massacre at Hawkins Lab” forse il miglior episodio televisivo che i fratelli Duffer abbiano mai prodotto.

La quarta stagione rappresenta un cambiamento per i nostri fanatici e fanatici preferiti di Stranger Things . Il tempo trascorso sono trascorsi solo sei mesi dalla battaglia allo Starcourt Mall. I bambini crescono, maturano e prendono strade diverse. 

stranger things stagione prima parte recensione

Lucas (Caleb McLaughlin) è ora nella squadra di basket della Hawkins High School. Max (Sadie Sink) ha rotto con lui e sta affrontando le conseguenze della morte del fratellastro Billy. Mike (Finn Wolfhard) e Dustin (Gaten Matarazzo) si sono uniti a The Hellfire Club, una band che funge anche da gruppo di Dungeons and Dragons . Nancy (Natalie Dyer) è ora a capo del giornale della scuola ed è pronta per frequentare Emerson in autunno.

Mentre le cose si stanno evolvendo ad Hawkins, poco è cambiato per quanto riguarda il bullismo a Lenora, in California. El (Millie Bobby Brown) ora vive con Joyce (Winona Ryder), Will (Noah Schnapp) e Jonathan (Charlie Heaton). I ragazzi cool la stanno prendendo in giro. Sai, il tipo dell’epoca. Sembrano che siano venuti in forma dalle audizioni del cast di Saved by the Bell , dotati di capelli grandi e voluminosi mentre sono vestiti con abiti color pastello, e adorano una buona pista di pattinaggio.

El ha perso tutti i suoi poteri, ma i militari la pensano diversamente. La loro teoria? El deve essere quello che uccide le persone a Hawkins a distanza con la sua mente. La polizia locale crede che il leader dell’Hellfire Club, Eddie Munson, sia l’assassino. 

stranger things stagione prima parte recensione

Il Team Hawkins, composto anche da Steve (Joe Keery) e Robin (Maya Hawke), si alleano per risolvere il mistero. Allo stesso tempo, il Team Lenora lavora su El che viene catturato e armato dall’esercito americano. Con l’aiuto del dottor Owens (un formidabile Paul Reisser), l’aiuterà a riconquistare i suoi poteri per sostenere la nuova minaccia ad Hawkins.

Non rovinerò le cose con gli spoiler. Tutto ciò che è menzionato sopra è chiaramente nel trailer (il che rende inutili i punti della trama dell’embargo sul ritorno di alcuni personaggi, ma seguiamo le regole qui a Ready Steady Cut ), ma la stagione è pianificata in modo esperto. Dal capitolo quattro malvagiamente commovente e divertente, “Dear Billy”, al finale sbalorditivo, il primo volume di episodi ha un momento che porta a qui tutte le strade che è davvero sorprendente e impressionante.

Il primo lotto della quarta stagione si apre con sette nuovi episodi, tutti lungometraggi (il più breve è poco più di un’ora e il più lungo è di 98 minuti). I Duffer Brothers rimangono altamente consapevoli dei desideri del pubblico senza sacrificare la qualità, narrativamente o visivamente. Con una mossa rara anche da parte dello studio, il team creativo ha avuto il tempo, i soldi e la piattaforma per produrre una stagione come questa che è davvero straordinaria. L’asticella è stata fissata in alto con un’attesa prolungata e l’hanno superata magistralmente.

stranger things stagione prima parte recensione

Inoltre, gran parte del merito deve andare a sceneggiatori e registi come i Duffers, Shawn Levy e Nimrod Antal, che hanno mantenuto intatti il ​​tono e la visione centrale dello spettacolo. La serie cattura temi da oggi al decennio perduto, come la sfiducia del governo contro la lealtà, il fanatismo religioso e la paura. 

Per non parlare del fatto che la scelta di stile e musica degli anni ’80 è nata ed è rimasta nella sua bolla per decenni. Stranger Things cattura un momento in cui l’America ha cercato di riconquistare la sua innocenza e ha fallito, il tutto mentre rendeva un omaggio al consumismo cinematografico classico degli anni ’80 incentrato su grandi personaggi e voleva solo intrattenerti senza predicare.

Dirò che lo show ha bisogno di due episodi per iniziare a trovare il suo ritmo. Quei capitoli di apertura hanno alcuni momenti davvero orribili che possono essere scioccanti anche per Stranger Things. I primi due episodi sono quasi un reset poiché così tanto è cambiato nel mondo dall’ultima volta che abbiamo visto un nuovo episodio dello show. 

stranger things stagione prima parte recensione

Il suo marchio di narrazione violenta e ad alto rischio non può fare a meno di essere visto in modo diverso rispetto a tre anni fa. Ma, una volta che lo fanno, è una corsa piena di suspense. E a parte la mia seccatura quando i personaggi entrano in una casa e non chiudono mai la porta e alcune piccole transizioni di scena, c’è ben poco su cui cavillare.

Netflix e i fratelli Duffer hanno essenzialmente prodotto nove lungometraggi e raramente uno spettacolo ha fatto un ritorno trionfante come Stranger Things in questa stagione eccezionale. E credetemi, il finale spettacolare del primo volume è così soddisfacente che non riesco a immaginare cosa abbiano inventato i Duffer per superarlo. 

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page