Sex Education Season 2 Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 3.5

Commento personale alla stagione

In 8 episodi, ciascuno con una durata di 50 minuti circa, Sex Education ha un sacco di cose in corso e dopo lo schiaffo e il tono spensierato della prima stagione, questo dramma teenager prende una svolta sorprendentemente oscura più volte mentre ci immergiamo più a fondo nella psiche di ogni personaggio. Aimee è ancora un po’ troppe volta la classica “stupida bionda” ma questa volta la vediamo molto più vulnerabile. Jean si ritrova alle prese con l’amore, prima che una bomba rilasciata in ritardo lasci molte domande sul suo futuro, mentre il personaggio di Adam fa un giro di 180 giri. Tutto ciò aggiunge un ulteriore livello di maturità allo spettacolo ma, con esso, spinge anche alcuni degli elementi comici a margine. Ci sono ancora battute qui, ma molti di questi si sentono effettivamente caricati in anticipo nella prima metà della stagione. Per la maggior parte, Sex Education si trasforma in una storia disordinata e melodrammatica in cui ogni personaggio affronta i suoi problemi più profondi e oscuri e con esso, un intero carico di drammi da affrontare. Mentre alcuni prenderanno bene sicuramente questo tono melodrammatico, quelli che si aspettano qualcosa di più affine alla prima stagione potrebbero rimanere un po’ delusi. Nel complesso, tuttavia, la stagione 2 è molto più complessa rispetto alla prima. Il finale di cliffhanger è deludente e la storia di Otis / Maeve / Ola sfuma sullo sfondo attorno a metà stagione a favore delle sottotrame che onestamente si sentono molto più organiche e soddisfacenti da guardare.

Sex Education è stata senza dubbio una delle maggiori sorprese quando è arrivata lo scorso gennaio su Netflix. Questa commedia divertente e stravagante mescolava barzellette situazionali imbarazzanti con un gruppo di personaggi ben scritti e diversi, ognuno con storie significative che hanno fatto progredire lo spettacolo in modo avvincente. Sesso e romanticismo sono stati esplorati in modo maturo e spesso commovente e il finale ha certamente lasciato molto spazio per una seconda stagione.

Per fortuna, Netflix ha dato il via libera a una seconda stagione e avanza rapidamente di un anno, Sex Education è tornato e sembra avere tutto sotto controllo per una grandissima stagione. Mentre alcuni si possono lamentare del finale irrisolto e un paio di sotto trame che non fanno molto per spingere la narrativa in avanti, il tono più melodrammatico questa volta si adatta perfettamente allo spettacolo. Con Maeve che non va più a scuola e Otis ora ha una relazione felice con Ola, lo status quo viene infranto quando Maeve torna a scuola e le sessioni di terapia sessuale ricominciano.

Mentre lui e Ola iniziano a vedere crepe nella loro relazione (in parte grazie alla mamma di Otis che esce con il padre di Ola), mentre la stagione avanza queste crepe si evolvono lentamente in un triangolo amoroso tra il nostro trio centrale di personaggi. Questo si accumula fino al finale in cui le cose sono lasciate irrisolte nella volontà che loro / non vogliono che siano state impostate dai primi episodi della prima stagione.

Per fortuna lo stesso non si può dire per i personaggi secondari che questa volta superano Otis. Il nuovo ruolo di Jean come consulente per l’educazione sessuale a scuola fa emergere alcune rivelazioni sorprendenti e spesso esilaranti, Eric si ritrova lacerato tra una vecchia fiamma e il nuovo ragazzo Rahim, Aimee affronta una situazione piuttosto pesante e grave sull’autobus mentre Jackson fa fatica a gestire la pressione e, nel disperato tentativo di uscire da questa situazione di stallo e pressione in cui si trova, trova un po’ di sollievo nella nuova ragazza Viv. Tutte queste storie si intrecciano con la trama principale, con la preparazione (e la successiva esibizione) di Romeo e Giulietta mantenendo tutto incollato.

Certo, se ti aspettavi molta più progressione nella relazione tra Otis e Maeve preparati a rimanere deluso. C’è poca risoluzione nella loro storia e il modo frustrante in cui questo viene lasciato aperto ti lascerà alla disperata ricerca di notizie con l’unica certezza che questa serie è già stata rinnovata per la terza stagione. In un certo senso, questi due personaggi principali vengono effettivamente spinti in disparte per gran parte di questa stagione, dato che alle trame secondarie viene concesso molto più tempo di trasmissione. Mentre questo di per sé va bene, diventa problematico durante il finale che ribalta la sceneggiatura e rende la situazione Otis / Maeve il punto focale, con un finale strapiombante e molte domande lasciate irrisolte.

Le basi sono certamente gettate per la terza stagione, ma resta da vedere se Netflix darà il via libera o meno. Sex Education offre una seconda stagione più polarizzante con molte domande che incombono su questa e sul potenziale futuro della serie.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page