Seven Seconds 1 x 01 “Pilot” Recensione

Reading Time: 4 minutes

La nuova serie Netflix Seven Seconds affronta un tema delicato: la fragile relazione tra neri americani e polizia. Il formato è stato creato dall’autore di The Killing Veena Sud, che ancora una volta da’ libero sfogo alla sua predilezione per i luoghi gelidi.

Non è un segreto che qualcosa vada storto nella terra dei licantropi, negli Stati Uniti. Non è solo troppo facile arrivare alle armi lì, sono usati troppo velocemente – e spesso da agenti di polizia bianchi contro neri disarmati . Questo argomento molto controverso include ora il nuovo dramma di Netflix Seven Seconds di Veena Sud, il creatore di The Killing. L’azione si svolge nel New Jersey, dove un poliziotto bianco guida ed investe un ragazzo nero e poi vai su consiglio dei suoi colleghi.

Vai via

Pete Jablonski (Beau Knapp) è in viaggio per l’ospedale perché gli è stata raccontata dalla sua quinta moglie incinta (Michelle Veintimilla) che ha iniziato a sanguinare. Di conseguenza, la sua fretta è grande. La fitta neve ostacola la visuale, ma poiché sulla strada comunque non succede nulla, Pete si è consesso di fare una telefonata mentre è al volante. All’improvviso da’ un colpo potente a qualcosa, la macchina si ferma. Innanzitutto, non è chiaro cosa abbia provocato l’incidente.

Ma poi una premonizione cupa diventa certezza fatale. Sotto il veicolo c’è una bicicletta per bambini, a pochi metri c’è una scarpa. La neve è coperta di macchie di sangue. Pete si prende cura del ragazzo, ma non sa se è ancora vivo. Invece, chiama i suoi colleghi, che arrviano immediatamente a coprire l’incidente sotto la guida di Mike Diangelo (David Lyons). Più tardi rivela la sua razionalizzazione: “Ti faranno processare e rinchiudere per sempre per Ferguson, Baltimora, Chicago. Per ogni poliziotto bianco che abbia mai ucciso un bambino nero.” In ognuno dei tre luoghi menzionati, i neri disarmati sono stati uccisi dai poliziotti bianchi.

Tuttavia, la vittima, Brentan Butler, non è morta, è sopravvissuto gravemente ferito, è stato trovato e portato in ospedale. Qui vengono informati i suoi genitori Latrice (Regina King) e Isaia (Russell Hornsby). In realtà, dovevano festeggiare oggi il ritorno di zio Seth (Zackary Momoh) dalla guerra in Afghanistan, ora si siedono al pronto soccorso e soffrono ore ansiose perché non si può dire o vuole, che cosa mai è successo a loro figlio perché lui è in sala operatoria, ma poco più tardi scoprono cosa è successo a loro figlio.

Almeno scoprono ciò che la polizia vuole venderli come verità. Ci si è già energicamente coinvolti nel rendere innocente il responsabile dell’azione, Pete. Un alcolista noto in città dovrebbe sopportarne il peso. Strumentato per questo non è solo l’uomo ovviamente disturbato, ma anche i due investigatori, il detective Joe “Fish” Rinaldi (Michael Mosley) e l’assistente procuratore KJ Harper (Clare -Hope Ashitey). Quest’ultimo sembra essere particolarmente adatto, in quanto ha un problema alcolico in piena regola.

A chi importa?

Alla data del tribunale appare troppo tardi e poi con i documenti sbagliati. Prima, durante e dopo il lavoro, lei dissipa le sue preoccupazioni – che sono esattamente ciò che non ci è ancora stato detto nell’episodio pilota – con sguardi profondi nel vetro. Anche dopo un incidente quasi a causa di un attacco di sonno indotto da alcol, lei non rompe davvero la sua abitudine. Tuttavia, lei non si accontenta di essere la truffatrice della polizia corrotta. Lei nota un’incongruenza nella descrizione dei fatti, motivo per cui lascia che la data del tribunale il giorno successivo vada contro il presunto autore.

Invece, si reca sulla scena del crimine, dove un’enorme pozza di sangue ancora deturpa il manto nevoso. È sorvegliata da un paio di occhi che potrebbero appartenere a un testimone. Se riesce a individuarli, i suoi dubbi sul corso degli eventi dovrebbero essere confermati. Naturalmente, Diangelo e colleghi faranno di tutto per impedirgli di farlo. Tuttavia, Pete rivela già un forte rimorso, che lo porta non solo a tornare sulla scena, ma anche al capezzale della sua vittima. Lì incontra sua madre Latrice, che immediatamente registra che qualcosa non va in questo visitatore.

L’episodio di apertura di Seven Seconds è la televisione del crimine solido con le ambizioni di un dramma sociale. Il regista Gavin O’Connor riesce a riflettere l’oscurità del soggetto nei suoi dipinti. La storia è complessa ma non complicata. Ti rendi presto conto che Veena Sud è un veterano del timone creativo. Aggiungete a ciò un cast eccezionale di personaggi guidati dalla favolosa Regina King. Il personaggio di rilievo comico è Rinaldi, che funziona abbastanza bene.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page