Scrooge: Canto di Natale Recensione

Scrooge: Canto di Natale Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice

Trama di Scrooge: Canto di Natale

L’intramontabile leggenda di Charles Dickens rinasce in questo adattamento musicale soprannaturale con viaggio nel tempo della storia di Natale per eccellenza. La sua stessa anima è in gioco e Scrooge ha a disposizione una sola Vigilia di Natale per affrontare il passato e costruire un futuro migliore.

Con canzoni reinterpretate dal leggendario Leslie Bricusse OBE, vincitore di due Oscar, il film Netflix Scrooge: Canto di Natale è un’opera che farà cantare le nuove generazioni. Se pensate di conoscere già la storia, ricredetevi: la nuova versione vi sorprenderà ma manterrà sempre al centro Scrooge e il suo viaggio nel tempo per ottenere una possibilità di redenzione prima della fine della Vigilia di Natale.

scrooge canto di natale recensione

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale al film

Scrooge: Canto di Natale di Netflix doveva essere in qualche modo decente considerando le sue fondamenta senza tempo. La sua premessa, a parte lievi deviazioni, è logora come le scarpe di Tiny Tim a questo punto. Per fortuna, riesce a distinguersi nel modo più piccolo, ma comunque di grande impatto. L’animazione è vibrante, con una tavolozza di colori vivaci che contrasta piacevolmente con la storia dai toni oscuri, e il cast fa uno splendido lavoro nel ritrarre i personaggi assortiti del film. Scrooge non conquisterà coloro che si sono stancati di questa storia, ma è comunque più che sufficiente per far entrare la gente nello spirito natalizio.

Ma ecco cosa ci mostra Scrooge: Canto di Natale

Scrooge: Canto di Natale di Netflix è una sentita rivisitazione della classica storia di Charles Dickens. È familiare fino all’eccesso, con una conclusione prevedibile. Detto questo, grazie ad una solida animazione, un cast vivace e forti performance musicali, Scrooge riesce comunque a deliziare.

Diretto da Stephen Donnelly, Scrooge: Canto di Natale descrive le gesta del vecchio avaro Ebenezer Scrooge (Luke Evans) durante la vigilia di Natale. Un uomo d’affari con zero allegria per le vacanze da dare, può essere visto spesso perseguitare i suoi debitori per soldi o rimproverare i poveri per la loro mancanza di ricchezza. Questo è quando non rimprovera suo nipote Harry (Fra Fee) per aver osato invitarlo a una cena di Natale. Detesta tutte le cose allegre e raramente gode della compagnia degli altri. Alla fine, Scrooge vive una vita solenne, libera dagli obblighi familiari e dalla comune decenza che ci si aspetterebbe dalla gente durante le vacanze. Finché rimane ricco, non può essere disturbato: un’idea sciocca che alla fine vacillerà nel corso di una lunga notte d’inverno.

A Christmas Carol è un classico per un motivo. Presentato come un ammonimento, trasmette un potente messaggio sulla raccolta di ciò che viene seminato attraverso l’incontro di un uomo con spiriti che viaggiano nel tempo. La premessa di base è quasi sempre tanto coinvolgente quanto fantasiosa. Questo non vuol dire che il suo fascino non svanisca a volte. 

scrooge canto di natale recensione

Dato che ogni interpretazione è più o meno la stessa, quasi tutte soffrono di essere eccessivamente familiari; la natura senza tempo di A Christmas Carol non elude il fatto che è stato raccontato più volte in tutti i tipi di film e spettacoli. Il pubblico sa cosa aspettarsi. E mentre Scrooge: Canto di Natale intrattiene sicuramente, la sua trama si discosta solo leggermente da ciò che è accaduto prima.

La buona notizia è che la deviazione aiuta a umanizzare Paperone di Netflix. Condivide un’educazione simile a quella dei suoi predecessori, tranne che in questa versione, la sua discesa nell’amarezza è leggermente più comprensibile dati alcuni cambiamenti della storia. Il suo desiderio di accumulare ricchezza, ad esempio, deriva da un bisogno fondamentale di assicurarsi una solida base finanziaria invece di essere avido solo per il gusto di farlo; non ha mai voluto essere come suo padre, che sembrava sempre essere in debito con qualcuno. Anche le ragioni di Scrooge per odiare il Natale differiscono leggermente. L’accento è posto maggiormente sulla perdita dei propri cari piuttosto che sullo “spreco” shopping natalizio. Scrooge ha il cuore freddo come sempre, ma questa volta il suo stato autoindotto è più riconoscibile.

scrooge canto di natale recensione

Scrooge crede di essere un brav’uomo che ha lavorato duramente per il suo posto nella vita. Questa nozione è spesso contraddetta dalle sue azioni, nessuna più ovvia del modo in cui ha trattato Bob Cratchit (Johnny Flynn), il suo povero impiegato d’ufficio. La sua paura di diventare povero supera il suo amore per il denaro. Questa realizzazione fa risplendere le ultime parti del film quando Scrooge si confronta con i risultati delle sue malefatte. Il finale è prevedibile, anche per chi non ha visto nessuna versione di questa storia. Detto questo, questo cambiamento di tono colora in questo modo le scene finali in modo carino.

scrooge canto di natale recensione

Niente di tutto questo avrebbe importanza, ovviamente, se il cast non avesse fornito ottime interpretazioni. Luke Evans fa un ottimo lavoro nel mostrare i diversi lati di Ebenezer Scrooge. Da vecchio scontroso avaro a pieno di speranza e dal dolore, Luke cattura perfettamente l’essenza di questo personaggio classico. Anche Olivia Colman e Trevor Nicholas sono fantastici rispettivamente nei panni dei fantasmi del Natale passato e presente. I loro distinti ritratti di questi personaggi corrispondono a quelli dell’animazione vibrante, risultando spettacoli vivaci e affascinanti. Lo stesso si può dire di Bob Cratchit di Johnny Flynn e di Tiny Tim di Rupert Turnbull. E questo prima di menzionare i numeri musicali, alcuni dei quali sono piuttosto commoventi.

Voi cosa ne pensate?

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page