Ryan Murphy sbarca su Netflix!

Reading Time: 3 minutes

Un altro mega produttore televisivo sta per dirigersi verso Netflix: Ryan Murphy, produttore, regista e sceneggiatore, vincitore di numerosi Emmy, Golden Globe e Peabody Award, ha firmato un accordo con Netflix, che potrebbe raggiungere i 300 milioni di dollari. Inizierà il Primo di Luglio.

In base all’accordo quinquennale, definito “l’affare di una vita per un artista di una vita” da un insider dell’industria, Murphy e la sua Ryan Murphy Productions produrranno nuove serie e film esclusivamente su Netflix.

Murphy si sta trasferendo a Netflix, che è anche la sede della più grande showrunner di film drammatici Shonda Rhimes, dopo aver lavorato per un lungo periodo con 20th Century Fox TV.

ed Sarandos, Chief Content Officer di Netflix ha dichiarato:

“Le serie di Ryan Murphy hanno influenzato lo zeitgeist culturale globale, reinventato i generi e cambiato il corso della storia della televisione. La sua straordinaria dedizione all’eccellenza e di dare voce ai sottorappresentati, per mostrare una prospettiva unica o semplicemente per sciocccarci, permettendo il suo lavoro distruttivo. Da Nip / Tuck – la nostra prima serie su licenza – a American Crime Story: The People v. O.J. Simpson e American Horror Story, abbiamo visto come il suo marchio di narrazione affascina consumatori e critici in tutto il mondo. Il suo famoso corpo di lavoro e il suo contributo al nostro settore parlano da soli, e non vediamo l’ora di supportare Ryan nel portare le sue storie ampie e diverse al mondo.”

NetflixFox sono state le due più propense a prendere dalla loro parte il produttore-regista,il cui contratto con la 20th Century Fox scade quest’anno. Il gigante dello streaming aveva però già da tempo perseguitato Ryan Murphy, cercando in tutti i modi di comprare alcune delle sue serie.

Murphy, a tal proposito, risponde dicendo:

“La storia di questo momento non è persa per me.Sono un ragazzo gay dell’Indiana che si è trasferito a Hollywood nel 1989 con un risparmio di $ 55 dollari in tasca, quindi il fatto che i miei sogni si siano cristallizzati e diventati realtà in un modo così importante è per me emotivo e travolgente. Sono inondato di sincero apprezzamento per Ted Sarandos, Reed Hastings e Cindy Holland di Netflix per aver creduto in me e nel futuro della mia compagnia che continuerà a sostenere donne, minoranze e eroi e eroine LGBTQ, e sono onorato e grato di continuare la mia collaborazione con i miei amici e colleghi di Fox sui nostri spettacoli esistenti.”

L’accordo di Murphy su Netflix pone fine – almeno per il momento – a una delle collaborazioni di maggior successo tra un creatore e un dirigente televisivo. Il presidente della Fox, Dana Walden, che ha lavorato a stretto contatto con Murphy per anni e lo considera un amico intimo e personale, dice a riguardo:

“Auguro a Ryan bene, e so che tutti nella nostra azienda la pensano allo stesso modo. Siamo fortunati ad avere così tanti progetti con lui.”

In effetti, tutte e otto le serie di Murphy sono in onda con 20th TV / Fox 21 TV Studios, e, almeno per il prossimo anno, ci si aspetta che si concentri su di loro, continuando a lavorare con i team esecutivi anche in studio come a Fox e FX.

Secondo quanto riferito, Murphy e Walden avevano esplorato potenzialmente l’idea di una società insieme e, data la lunga storia del loro duo e una relazione molto stretta, è possibile che possano riprogettare questa stessa idea in futuro.

La nuova serie originale di Murphy, Ratched e The Politician, sarà presentata in anteprima mondiale su NetflixMurphy supervisiona anche la produzione di American Crime Story, American Horror Story e Feud su FX, 9-1-1 su Fox e l’imminente Pose, sempre su FXI suoi crediti precedenti comprendono i successi Nip / Tuck e il musical Glee.
Mentre era stato corteggiato per un po ‘, l’accordo con Netflix è sceso rapidamente, ed è stato istigato dal patto Disney-Fox proposto:
“Tre mesi fa, pensavo di essere sepolto nel lotto della Fox; Ho scelto il mio mausoleo. Ho iniziato a lavorare lì intorno ai trent’anni e molti di noi avevano bambini piccoli che giocavano insieme”
A quel tempo, Murphy disse di aver ricevuto una telefonata da Iger, ribadendo che la Disney era interessata a ciò che aveva creato nel sofisticato spazio televisivo per adulti:
“Le cose che faccio non sono specificamente Disney. Ero preoccupato: dovevo iniziare a mettere Topolino in American Horror Story?”

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Faty Quarantino

since 1998.... sono appassionata di libri, film, ma soprattutto serie tv. di cui amo parlare .. è inutile specificare che posso guardarne a centinaia.

You cannot copy content of this page