Crea sito

Russian Doll: Netflix rilascia alcuni dettagli della Stagione 2

Reading Time: 2 minutes

Articolo preso e tradotto da whats-on-netflix.com

Uno dei migliori Netflix Originals del 2019, Russian Doll, è stato confermato per una seconda stagione le cui riprese sarebbero dovute iniziare alla fine di marzo 2020. Le riprese sono state ritardate, ovviamente, ma ci sono segni di vita. Ecco cosa sappiamo finora della seconda stagione di Russian Doll .

Stato di produzione e possibile data d’uscita

Secondo Production Weekly, le riprese della seconda stagione di Russian Doll sarebbero dovute iniziare il 30 marzo 2020. New York è stata fortemente colpita dal Coronavirus e ad oggi non è ancora trapelato quando le riprese effettivamente inizieranno. Daniel Richtman (un entertainment scooper) ha annunciato che un nuovo ruolo sarebbe stato aggiunto nella stagione 2 di Russian Doll, in particolare un nuovo “ragazzo protagonista della serie”. Ecco come viene descritto il personaggio:

“Sarà un nuovo personaggio principale per la serie. Sarà al centro di una storia d’amore ma alla fine si rivelerà un truffatore / artista della truffa. Ci viene descritto come un tipo “giovane Benicio Del Toro” e Natasha sta immaginando nomi come Oscar Isaac o Andre Holland “.

In numerose interviste Natasha Lyonne ha affermato che la seconda stagione non era neanche stata scritta. Questo però è accaduto l’anno scorso. Nelle successive interviste ha aggiunto:

Sono piuttosto entusiasta di alcune delle nostre prime conversazioni e di vedere dove portano davvero quando iniziamo a mettere nero su bianco. Ma siamo ancora agli inizi”

Con le riprese ora posticipate a data da definire, è impossibile che Russian Doll torni entro la fine del 2020, ma si prevede che la seconda stagione verrà rilasciata appena sarà pronta molto probabilmente nel 2021.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Vespertine

Salve! Parla Vespertine. Si, Vespertine, proprio come l'album di Björk, il mio preferito. Quest'album è astrattezza e concretezza, il tutto e il niente, il massimo e il minimo. Insomma, Vespertine sono io.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: