Scream – Recensione 1×01 “Pilot”

Reading Time: 4 minutes

La notizia di un remake in formato serie tv della saga slasher di Scream, ha fatto impazzire gli horror maniaci di tutto il mondo, entusiasti di vedere sul piccolo schermo la serie cult degli anni ’90; ad infrangere le loro aspettative è stato un semplice dettaglio: l’opera è prodotta da MTV, famosa per prodotti come Teen Wolf e Awkward. Inevitabile è, quindi, chiedersi se la famosa trilogia verrà totalmente stravolta per un pubblico più giovane, la risposta? Sì.

La storia che tutto noi ricordiamo e amiamo, indossa un nuovo volto: quello del teen drama; Lo Scream del piccolo schermo offre personaggi e dettagli impossibili da non collegare ad altre famose serie tv, in particolare Pretty Little Liars. L’episodio pilota ci presenta Nina, la classica ape regina del liceo, amata e odiata da tutti, nonché prima vittima del nuovo killer dalla maschera totalmente differente da quella di Ghostface. Da quello che ci viene mostrato, Nina (interpretata da Bella Thorne) sembra un surrogato di Alison DiLaurentis, bella, ricca e destinata a morire, ma maledetta dai suoi coetanei anche dopo la morte. In una calda sera, Nina decide di farsi un bagno nella piscina di famiglia, ma quando il nostro killer entra in scena, Nina tenta di chiamare la polizia, ma per qualche strana ragione il suo iPhone ha smesso di funzionare.

 

 

Con una macabra entrata, ecco che appare il nuovo Ghostface, anche se questo nome sembra non essere adatto al nuovo killer, la maschera infatti non è più parte di un costume di Halloween, è bensì la copia di quella di Brandon James, ex abitante della piccola cittadina e presunto morto; è intorno a questa figura che gli studenti cominceranno ad esporre le proprie teorie, tirando fuori storie su un ritorno dalla morte. Differente è anche l’arma utilizzata, mentre Ghostface ha con sé sempre e solo un pugnale, il nuovo killer utilizza tutto ciò che ha a disposizione, rendendo le morti ancora più cruente. Altro parallelismo della serie tv delle Bugiarde è il fatto che il nuovo killer utilizza anche gli sms in anonimo, ricordando lo stile di A.

Protagonista di tutta la vicenda è Emma Duval: classica brava ragazza con un lavoro part-time in caffetteria e un fidanzato modello, nonché più popolare della scuola; impossibile non pensare a cliché già visti prima. Il killer sembra essere ossessionato da Emma e la sua famiglia, tartassandola di chiamate in anonimo e messaggi inizialmente poco chiari. Emma si ritroverà a dover fare i conti anche con il passato di sua madre.

Insieme, il pilot introduce anche gli altri protagonisti, come Brooke: ape regina del gruppo dopo la morte di Nina, nonché stronza dalla risposta sempre pronta e una famiglia disastrosa, un padre assente e una madre in una clinica di recupero pero tossicodipendenti. La ragazza appare fredda e manipolatrice, una presunta sospettata agli occhi del pubblico.

Risultati immagini per mtv scream brooke

Altro parallelismo con Pretty Little Liars, è la relazione di quest’ultima col suo professore, Seth, ricordando Aria ed Ezra in una versione più perversa; mentre Aria tentava di nascondere la relazione per evitare problemi, Brooke invece ne approfitta per giocare, lasciando delle sue foto piccanti in giro per la classe. Successivamente apparirà Noah, cliché del nerd amante dei serial killer che, con una semplice frase (“io amo i serial killer”), attira tutti i sospetti su di sé. Noah inoltre è vittima di bullismo e deriso per la sua verginità, tutti questi dettagli fanno sì che il pubblico pensi che sia proprio lui il killer.

Risultati immagini per mtv scream noah

Al gruppo si aggiunge anche Kieran, classico ragazzo tenebroso innamorato della protagonista, una storia drammatica alle spalle e una famiglia carica di problemi. Inutile spiegare come Kieran sia la versione moderna di Billy Loomis, fidanzato di Sidney Prescott, per il suo aspetto affascinante. Emma e Kieran sono dunque la coppia perfetta dei teen drama, belli e invidiati da tutti, ma allo stesso tempo a dovranno lottare contro tutti.

Risultati immagini per mtv scream kieran

Ultimo parallelismo con la serie tv della Freeform è legato ad Audrey, primo personaggio LGBT di Scream. In innumerevoli momenti, Audrey sembrerà la sospettata maggiore a partire dal video in cui bacia un’altra ragazza, pubblicato da Nina prima di morire.

Risultati immagini per mtv scream audrey

I suoi ambigui sentimenti per Emma verranno mostrati a partire da questa puntata, facendoci domandare perché le sue si siano allontanate così tanto, e cosa prova realmente la ragazza per la sua ex migliore amica. Scream offre quindi un episodio pilota ricco di angue e tipici drammi adolescenziali, spingendosi a premere play per il prossimo episodio; la serie tv riesce a tenerci compagnia e a lasciarci col fiato sul collo in alcuni momenti, ma se guardato con occhio di chi ha amato la trilogia di film, questa serie perderà tutto il valore acquisito; godiamoci quindi ogni puntata come se fosse un’idea nuova e originale.

 

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Faty Quarantino

since 1998.... sono appassionata di libri, film, ma soprattutto serie tv. di cui amo parlare .. è inutile specificare che posso guardarne a centinaia.

You cannot copy content of this page