Servant 1 x 01 “Reborn” Recensione – PILOT

Commento personale alla puntata

La chiave per un buon horror viene dal lavoro intelligente della macchina fotografica e un’atmosfera tesa. Servant riesce assolutamente a colpirli entrambi finora, con una composizione di scena inquietante e un uso intelligente del lavoro della cinepresa durante l’episodio di apertura di 35 minuti. Leanne è perfettamente all’altezza del ruolo delle ragazze inquietanti, con abbastanza domande senza risposta per farti guardare subito il prossimo episodio, sperando che ci siano risposte sufficienti alle fin troppe domande lasciate aperte in questo primo episodio. Per fortuna, con tre episodi disponibili, è sicuramente qualcosa che riuscirai sicuramente a fare.

L’episodio 1 di Servant prepara la scena perfettamente per questa storia raccapricciante e contorta da seguire. Da qui in avanti, è tutto in discesa mentre la serie scende all’inizio in una inquietante suspense e si rifiuta di mollare, fino alla fine. Per ora, però, iniziamo nel bel mezzo della notte, con la pioggia che cade giù in una strada vuota. Una sola auto si ferma a casa di Turner e gli abitanti – Sean e Dorothy – si precipitano al piano di sotto e aprono la porta. Sean si presenta alla ragazza, Leanne Grayson, prima che Dorothy le mostri la casa.

Sistemata nella sua nuova stanza, la ragazza silenziosa osserva un libro intitolato “Doveri e responsabilità” prima di essere introdotta correttamente a cena. Mentre il giorno si trasforma in notte, Leanne decide di occuparsi del bambino Jericho, una bambola realistica che ricorda il defunto bambino dei Turner. Dorothy dice a Leanne di occuparsene mentre è via e mentre se ne va, Sean spiega di più sulla bambola, dicendo a Leanne che è l’unica cosa che ha riportato alla realtà Dorothy che era sull’orlo di una fase psicotica.

Senza domande su ciò che sta accadendo, Leanne porta la bambola a fare una passeggiata, sconvolgendo Sean mentre si rende conto che qualcosa non va proprio con questa ragazza, trova una strana croce di wicca nella stanza del “figlio”. Quando Dorothy torna a casa dal suo lavoro, Sean presenta la loro cena senza entusiasmo, dato il ritardo con cui lei è tornata a casa. Dopo aver discusso della religione di Leanne, Julian arriva a casa la mattina e discutono della situazione e di quanto sia strana l’intera faccenda. Si lamenta dello stato mentale di sua sorella mentre affoga i propri dolori nell’alcool – un senso di ironia contorto.

Il giorno successivo Sean si tuffa di nuovo nel suo lavoro, cercando di ignorare l’atmosfera inquietante che circonda Leanne, mentre si prepara a mettere Jericho a letto per un pisolino. Le ripete ancora che lei può far andare la sciarada ma lei rifiuta di ascoltare. Mentre esce, Sean sente tossire e il rumore proviene dal baby monitor e dopo essersi affrettato di sopra, guarda nel lettino per trovare un vero bambino sdraiato nel lettino al posto della bambola dove lasciamo le cose molto aperte.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.