Ragazze Vincenti Season 1 Recensione

Ragazze Vincenti Season 1 Recensione
Reading Time: 8 minutes

Indice dei contenuti

Questo è il nostro punteggio 4.5/5

Commento personale alla 1° stagione

Ragazze Vincenti è una delle migliori rivisitazioni di un film amato in una serie. I co-creatori Will Graham e Abbi Jacobson limitano saggiamente quanto riportano – per lo più solo le basi storiche e di location della premessa del film riguardo alla All-American Girls Professional Baseball League – e poi ricominciano da zero con il loro set di nuovi personaggi, contesto storico ampliato nelle loro trame e una gradita struttura a doppia protagonista. 

Jacobson lo butta fuori dal parco servendo come produttore esecutivo, scrittore e co-protagonista, interpretando il catcher Carson Shaw, dando alla serie un peso emotivo e un fascino in tutte le sceneggiature e nella sua rappresentazione. Insieme alla prestazione potente ma vulnerabile di Chanté Adams (che interpreta Max Chapman) come lanciatrice determinata senza squadra, la serie ci offre una generosità di personaggi per cui tifare e con cui vivere l’era attraverso i loro occhi. Anche se non ti piace il baseball, le donne e i personaggi fanno cantare questa serie come un’inarrestabile line drive che si dirige oltre le recinzioni.

ragazze vincenti stagione 1 recensione

Ma ecco cosa ci mostra la 1° stagione

Il film drammatico sportivo del 1992 del regista Penny Marshall Ragazze Vincenti ha avuto 30 anni per affermarsi nel lessico della cultura pop sia come classico moderno sia per l’ormai leggendaria interpretazione della battuta di Tom Hanks, “Non si piange nel baseball!” Il film getta ancora una lunga ombra nei cuori e nelle menti del pubblico, che è un’arma a doppio taglio per qualsiasi progetto che tenti di far rivivere la proprietà. 

Saggiamente, la serie Prime Video Ragazze Vincenti, co-creata da Will Graham e Abbi Jacobson, fa quasi tutto bene ribaltando leggermente il suo limite al film, ma forgiando stridentemente il proprio percorso creativo. Il risultato è un pezzo d’insieme che è una storia molto più ricca e realizzata in modo più realistico che celebra ancora il gioco del baseball, solo con un obiettivo femminile ancora più forte.

Dalla scena cinetica di apertura della casalinga esausta dell’Idaho Carson Shaw (Abbi Jacobson) che corre – con il reggiseno in vista – per prendere il treno in partenza per Chicago, Ragazze Vincenti, la serie non perde tempo a stabilire il proprio tono e la propria voce. Shaw ama il baseball, è lei stessa un ricevitore e non perderà l’improbabile opportunità di provare per una delle squadre della neonata All-American Girls Professional Baseball League. Mentre suo marito Charlie (Patrick J. Adams) è di stanza all’estero durante la seconda guerra mondiale, Shaw segue il suo istinto per uscire da sola per unirsi a un campo pieno di altre donne provenienti da tutto il paese pronte a inseguire i propri sogni. 

ragazze vincenti stagione 1 recensione
Ma chi sono le protagoniste della serie?

Incontra per la prima volta gli amici di una vita, la glam Greta (D’Arcy Carden) e la dura Jo (Melanie Field) del Queens, e poi viene presentata al lanciatore Lupe (Roberta Colindrez), la giovane giocatrice cubana Eli (Priscilla Delgado) e Shirley (Kate Berlant), che ha un grave caso di DOC. E poi Max Chapman (Chanté Adams) di Rockford, Illinois, entra in campo (dove avranno sede i Rockford Peaches) per provare a fare il lanciatore, ma le viene subito detto che aprire un campionato femminile è già un ponte troppo lontano per la società educata, quindi consentire a qualsiasi donna nera di partecipare non è nelle carte. La migliore amica di Max, Clance (Gbemisola Ikumelo), nutre la sua delusione sul treno per tornare a casa. Quindi consentire a qualsiasi donna nera di partecipare non è nelle carte.

Ma come procederà da ora in poi la serie?

È quel punto di separazione che pone le basi per la struttura di come procederà la serie, con Carson e Max che saranno i due protagonisti in tutti e otto gli episodi. Carson viene collocata ai Peaches, dove dovrà capire come diventare un leader, affrontare la misoginia imposta dal loro sponsor, il magnate delle caramelle Morris Baker (Kevin Dunn) e i suoi editti della scuola di fascino, e il coaching inesistente dell’ex star del baseball professionista Dove Porter (Nick Offerman). Allo stesso tempo, Max sfrutta ogni opportunità possibile per mantenere vivo il suo sogno di lancio, incluso farla assumere con forza alla fabbrica di viti locale in modo che possa provare per la squadra di baseball della compagnia ed eludere l’insistenza di sua madre (Saidah Arrika Ekulona) sul fatto che si accontenta giù con un simpatico uomo del posto e prendere in consegna il loro salone di bellezza quando va in pensione. 

Gli sceneggiatori della serie realizzano ogni episodio in modo che le due donne vadano avanti e indietro allo stesso modo, arricchendo le loro vite quotidiane, con i loro amici e i drammi familiari fino a quando non si riuniscono per caso fuori da un bar Rockford locale. Un potenziale punto critico tra loro diventa invece un punto in comune, insieme alla loro passione per il baseball, che crea un ponte per capire come costruire un’amicizia.

Un grande elemento in comune tra Carson e Max è la loro sessualità, che è una parte importante della narrazione dello show. Come dice un personaggio,Circa il 35% delle squadre sono queer”,che era una statistica che nessuno degli organizzatori della lega voleva ripetere, conoscere o affrontare. Il film ha anche aggirato la questione, ma questo spettacolo abbraccia con tutto il cuore l’argomento come centrale per l’identità dei suoi due protagonisti, insieme al baseball. E gli scrittori raddoppiano includendo molti altri personaggi secondari queer ed esplorando cosa significa per loro dover esistere in un’epoca (1943) in cui la società era disperata di aggrapparsi alle norme in tempo di guerra e punendo attivamente coloro che sfidavano ciò che era ritenuto “moralmente accettabile”. L’episodio “Stealing Home”, in particolare, fa un lavoro magistrale collegando i modi paralleli, ma ancora molto separati, in cui Carson e Max lottano con il modo in cui si definiscono sessualmente.

ragazze vincenti stagione 1 recensione

Per Carson, è la lotta per essere una donna bianca sposata, che è anche innamorata di un altro giocatore. Ora vive in una nuova sorprendente bolla di vita che non solo la incoraggia a giocare a baseball, ma contiene anche molte altre donne che accettano le sue inclinazioni romantiche come normali. Ma per Max, non deve solo combattere per giocare al gioco che ama, ma anche capire come respingere la sua famiglia, la sua migliore amica e la comunità di una piccola città che vogliono che si stabilisca con un simpatico ragazzo del posto, Gary ( Kendall Johnson). L’episodio crea un punto di svolta emotivo per i personaggi e il pubblico, scatenando un potente assaggio delle ripercussioni del vivere in un’epoca in cui le comunità del Midwest non avevano alcun interesse ad accettare gli “invertiti” e il modo in cui continuerà ad avere un impatto su entrambe le donne fino a fine stagione.

Ma c’è anche un sacco di baseball in corso. La serie dedica molto tempo a mostrare la maggior parte dei talenti individuali della squadra di Peaches, mettendo in evidenza le loro abilità nel gameplay reale, stabilendo alcune rivalità organiche e anche fondendo la squadra più strettamente nel tempo. Tutti i registi bloccano alcune emozionanti azioni di gioco, che aiutano a mostrare la progressione della stagione nel tempo e anche a tracciare il modo in cui i personaggi stanno affrontando alcuni problemi sottostanti, come lesioni o inciampamenti mentali con gli “sì”, il che conferisce a quelle sequenze un po’ pali a terra. E il finale di stagione, “La partita perfetta”, ha uno dei modi più ingegnosamente creativi ed emotivamente soddisfacenti per gestire il tropo del “gioco del campionato”.

Gli sceneggiatori devono anche essere elogiati per la saggezza e l’esecuzione delle loro scelte estremamente intelligenti su cosa riportare dal film originale e cosa buttare via perché faciliterebbe solo il confronto annullato. Sì, Dove Porter di Nick Offerman è un ex giocatore di baseball professionista diventato allenatore come Jimmy Dugan di Tom Hanks, ma le scelte di performance di Offerman sono in tale contrasto con quelle di Hanks che i personaggi potrebbero anche esistere su pianeti diversi. 

ragazze vincenti stagione 1 recensione

Questa è una cosa grandiosa, però, perché quando compaiono altri momenti di crossover o strizzatine d’occhio visivi, rimangono sottili e non ti portano fuori da questa storia. In effetti, quando la famigerata battuta “piangere nel baseball” viene pronunciata nella serie da una giocatrice disgustata, quando appare, lo spettacolo è così sicuro di come racconta le proprie storie, la battuta sembra davvero fuori luogo. Distingue davvero la serie come qualcosa a parte perché tutti i personaggi maschili – da Porter a Baker al marito di Carson – sono figure di supporto che non rubano l’attenzione come ha fatto Dugan (per quanto grande fosse) nel film.

Per quanto riguarda l’ensemble, sono tutti di prim’ordine. Il ritratto di Adams e Ikumelo dell’amicizia tra Max e Clance è qualcosa di molto speciale. Entrambe le attrici hanno un rapporto così naturale in ogni scena l’una con l’altra, passando senza sforzo dalla presa in giro a quella seria a quella esilarante, che penseresti che in realtà sono migliori amiche. Vedere queste due donne sostenersi, amarsi e capirsi a vicenda attraverso alcuni alti e bassi è una delle parti migliori dello spettacolo. E Jacobson si spinge oltre le sue doti comiche per mostrare che grande attrice drammatica è anche lei, dando corpo a Carson come una donna talentuosa, compassionevole e vulnerabile che sboccia alla luce del sole di una relazione appassionata con Greta di Carden.

È degno di lode che ogni attrice all’interno del team di Peaches, anche i ruoli degli ospiti, abbia il tempo di brillare. Ogni tipo di donna nella serie ottiene il vantaggio del contesto, il che significa che c’è risonanza in così tanti luoghi inaspettati. E per pochi come Maybelle (Molly Ephraim), Jess (Kelly McCormack) e Sgt. Beverly (Dale Dickey) che non ha tanto tempo sullo schermo quanto gli altri, ci fa solo sperare ancora di più in una seconda stagione. Lo stesso vale per la cerchia di donne di Max, che sono anche fantastiche nel ritrarre la forza femminile della comunità di Max, mentre affrontano le sfide quotidiane dell’essere nere in quel momento, che è solo un altro livello di ciò che è così interessante su come questa serie racconta le sue storie . C’è un trauma generazionale e un trionfo e l’esplorazione esplicita di atteggiamenti nei confronti della sessualità che non vengono spazzati via. In particolare,

ragazze vincenti stagione 1 recensione

Con un solido ritmo tra episodi e trama, Ragazze Vincenti introduce molto da disfare ed esplorare nella vita di queste donne. E bilancia molto bene due protagonisti, costruendo Carson e Max verso una serie di momenti culminanti di fine stagione che sembrano davvero guadagnati con guadagni avvincenti. Nel complesso, la serie raggiunge una migliore autenticità per quanto riguarda la rappresentazione della profondità e dell’ampiezza delle esperienze reali dei veri giocatori della All-American Girls Professional Baseball League. Attraverso i personaggi della serie, l’incredibile storia della lega è espressa in modo più completo e ritratta in modo più ampio senza togliere nulla all’esperienza cinematografica. Entrambi esistono in parallelo come due grandi cose che raccontano storie simili.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page