fbpx

Picninc at Hanging Park 1 x 01 “Episode One” Recensione

Reading Time: 4 minutes

Il tanto acclamato romanzo australiano “Picnic At Hanging Rock” di Joan Lindsay ha già prodotto uno straordinario adattamento – l’omonimo film del 1975 di Peter Weir – quindi un secondo tentativo, questa volta una serie televisiva, potrebbe già sembrare inutile. Ma non ci vuole molto perché gli scrittori Beatrix Christian e Alice Addison realizzino il loro “Picnic” del 2018, una versione più oscura, misteriosa ed estesa che riesce a sentirsi aggiornata per il nostro tempo pur mantenendo l’impostazione originale del 1900.

In “Picnic At Hanging Rock”, il mistero centrale viene esposto immediatamente: quattro giovani donne – tre studenti e il loro insegnante – improvvisamente svaniscono nel giorno di San Valentino del 1900, mentre stanno svolgendo un picnic scolastico a Hanging Rock. La premessa di base è familiare ai fan delle serie criminali, ma questo non è un dramma ordinario; è inquietante e inquietante. È meno sognante (una qualità spesso attribuita al film) e più di un incubo che non vedrai l’ora di tuffarti.

È giusto, quindi, che la Preside Hester Appleyard (Natalie Dormer di “Game Of Thrones”) sia più raccapricciante e più pazza (e più giovane, ora più vicina all’età degli studenti) di quanto abbiamo visto prima. La serie inizia con una sequenza estesa di Hester, in completo abbigliamento da vedova nera, visitando la villa che presto diventerà una scuola, suggerendo i suoi segreti e salutando il suo passato. È vaga sulla sua vita – “Il mio background non incoraggia la conversazione” – è severa e fredda con i suoi studenti. Quando una ragazza ottiene il suo primo periodo mestruale la mattina del picnic, la semplice risposta di Hester è “il cattivo tempismo definirà la tua vita”. Ha sogni inquietanti, vagamente lucidi nel pilot. Dormer abita pienamente il ruolo in una performance attenta e ipnotica nei minimi dettagli:

“Picnic At Hanging Rock” è una serie drammatica guidata da varie donne forti. Miranda (una coinvolgente Lily Sullivan), il capo de facto delle ragazze, è un maschiaccio spesso scalzo paragonato a un angelo. Anche lei, a un certo punto, sbatte un forcone nei piedi di un uomo – per una buona ragione. Miranda, esplicitamente descritta come “eccitabile e attratta dal pericolo”, sembra esistere in un luogo tra sogno e incubo bizzarro: correre attraverso i boschi in tutto il bianco o incuriosire incessantemente la mano nella terra in una mossa che sembra portare alla luce qualcosa di più grande di dovrebbe. È una delle donne che scompare; gli altri sono l’ereditiera Irma (Samara Weaving), “bastarda” Marion (Madeleine Madden) che viene definita “dark”, aggiungendo implicazioni razziali che in origine non esistevano, e insegnante di matematica / geografia Greta McCraw (Anna McGahan).

È una testimonianza degli scrittori – e forse di alcune proiezioni degli spettatori – che questo pezzo d’epoca si sente stranamente contemporaneo a volte. Tocca alcuni temi familiari come il potere e l’impotenza delle donne, l’ossessione dei misteri inspiegabili, l’intimità dell’amicizia femminile (è notevole il fatto che i tre studenti mancanti comunichino principalmente attraverso lo scambio di occhiate, piuttosto che verbalmente) e la sessualità repressa – l’enfasi su “purezza” e “raffinatezza” è invariabilmente diffusa. Ma non è solo la scrittura; la regia di Larysa Kondracki nei primi due episodi, inoltre, rafforza l’intera serie, contribuendo alla sua estetica contagiosa complessiva.

Ci sono momenti – come il picnic titolare – in cui la serie è incredibilmente brillante e colorata (gli abiti bianchi sono impossibili da dimenticare). Il picaresque Hanging Rock incombe sui primi due episodi, ma passa dall’essere bello al terrificante in un batter d’occhio, a seconda di quale aspetto si concentra lo spettacolo. La regia gioca con la velocità, con angoli inclinati e con la nostra percezione, deliziando con immagini vagamente distorte. A volte “Picnic” è claustrofobico mentre si azzarda sulla faccia preoccupata di Hester; altre volte consiste in tentacoli ampi e invitanti per ambientare la scena. Ci sembra di essere attirati in un paesaggio luminoso che diventa più buio più ti avvicini. “Il buio entra”, dice la giovane Sarah (Inez Curro), una studentessa orfana che si aggrappa a Miranda. “Arriva ovunque.”

Ciò che funziona anche per “Picnic At Hanging Rock” è la sua lunghezza estesa – episodi di un ora contro un film – che gli permette di scavare più a fondo nella storia e nei personaggi. Torna indietro per esplorare l’amicizia e la curiosità delle ragazze prima che scomparissero, dipingesse i rituali e le punizioni della scuola di Appleyard e costruisse una avvincente storia interna sull’insegnante di studi biblici, Dora Lumley (Yael Stone, una produttrice). “Picnic” non riguarda solo le ragazze, ma il modo in cui la loro scomparsa ha effetto su tutta la città: i pettegolezzi, gli insegnanti che si incolpano di se stessi, il giovane Mike (Harrison Gilbertson) che diventa ossessionato e indaga da solo.

Per molti, “Picnic At Hanging Rock” potrebbe essere la ricostruzione di una storia già fantastica. Ma anche se l’hai già visto, l’adattamento televisivo fa il caso di un altro sguardo, più da vicino.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page