fbpx

Nightmare Alley: primo sguardo al thriller noir di Guillermo del Toro

Reading Time: 7 minutes

Articolo preso e tradotto da vanityfaircom

Il regista premio Oscar dirige Bradley Cooper e Cate Blanchett in una storia di seduzione e tradimento.
nightmare alley primo sguardo film guillermo del toro

L’inganno è al centro del nuovo thriller di Guillermo del Toro Nightmare Alley, ma il regista premio Oscar in realtà vuole essere completamente onesto con il pubblico: questo film non è quello che potresti pensare che sia. Il titolo inquietante, combinato con la lunga storia di Del Toro di portare sullo schermo fantasmi, ghoul e creature contorte nei film da Cronos a La forma dell’acqua, può portare all’erronea supposizione che si tratti di un’altra storia ultraterrena. Nightmare Alley è in realtà la sua interpretazione del classico film noir, che segna un netto cambiamento per il regista. Ma sa che la falsa impressione potrebbe restare.

“Questa è una possibilità concreta”, dice del Toro a Vanity Fair. “Mi è successo in passato con Crimson Peak, dove la gente si aspettava un film dell’orrore. Sapevo che era una storia d’amore gotica, ma era molto difficile trasmetterlo. Ma sì, questo non ha alcun elemento soprannaturale. Si basa completamente in un mondo di realtà. Non c’è niente di fantastico. È un film molto diverso dal mio solito, ma sì, il titolo e il mio nome creerebbero quella [impressione]”.

Ci sono ancora mostri in questo film, in uscita il 17 dicembre, ma questi sono tutti esseri umani: glamour, eleganti e più seducenti che scoraggianti. Forse questo li rende ancora più pericolosi. Bradley Cooper interpreta Stanton Carlisle, un ex operaio di luna park che diventa una star di una grande città come artista di un nightclub, usando trucchi di lettura a freddo che ha imparato nel baraccone per creare l’impressione di essere un potente lettore del pensiero. Ora i segni e gli sfregamenti che prende di mira sono milionari. Cate Blanchett interpreta la dottoressa Lilith Ritter, una psichiatra che prima cerca di smascherarlo come un ciarlatano, poi viene coinvolta nei suoi piani.

“Il luna park è quasi come un microcosmo del mondo”, dice del Toro. “Sono tutti lì per truffare tutti. Ma allo stesso tempo nel carnevale, i [lavoratori] sanno di aver bisogno l’uno dell’altro. In città, molto meno».

Nightmare Alley è basato su un romanzo del 1946 di William Lindsay Gresham, trasformato in precedenza in un grintoso film del 1947 con Tyrone Power. Del Toro afferma che la sua sceneggiatura con Kim Morgan è disegnata dalla pagina piuttosto che dallo schermo, che ha richiesto una pesante rielaborazione. “Fin dall’inizio, il nostro interesse è stato il romanzo, ma è quasi impossibile adattarlo perché ha una voce molto caleidoscopica, molto particolare. Avresti bisogno di una miniserie di sei ore e punti di vista mutevoli, e questo e quello”, dice del Toro. “Siamo partiti dal romanzo e non volevamo fare un remake quanto un nuovo adattamento”.

Kindhearted Molly (Rooney Mara) and duplicitous Stanton (Bradley Cooper) backstage at their nightclub show. BY KERRY HAYES.

Del Toro afferma di essersi interessato per la prima volta al progetto nei primi anni ’90, quando il suo collaboratore di lunga data Ron Perlman (CronosHellboyPacific Rim) gli ha portato la storia nella speranza che potessero farcela insieme, ma i diritti si sono rivelati troppo difficili da districare. “Così l’ho messo nel dimenticatoio”, dice il regista. Restava la voglia di farcela. “Quando ero piccolo, volevo sicuramente fare due generi: noir e horror”, dice. Del Toro ha diretto molto quest’ultimo, ma questa era la sua occasione per fare finalmente il primo. 

“Curiosamente, nell’avvicinarmi a Nightmare Alley , ho detto che non avrei fatto nessuno dei cliché associati al genere. Non ho intenzione di fare un artefatto. Non ho intenzione di fare le veneziane, la voce fuori campo e i detective che camminano con i cappelli di feltro nelle strade bagnate. Volevo fare l’universo del romanzo, che è un po’ grintoso, ma anche stranamente magico. Ha un fascino molto strano, mistico e mitico. Ero molto attratto da questa possibilità”.

Nightmare Alley inizia con Stanton come un nessuno, che fa un lavoro rovente con un piccolo luna park che non è l’innocente luna park della mitologia americana. Lo spettacolo itinerante di cui fa parte, supervisionato dall’impresario di strade secondarie Clem Hoately ( Willem Dafoe ) è un affare molto più illecito e inquietante. “Questo luna park opera davvero ai margini”, dice del Toro. 

nightmare alley primo sguardo film guillermo del toro
Willem Dafoe as Clem Hoately, proprietor of a less-than-ethical traveling carnival, and Cooper as Stanton. BY KERRY HAYES.

Il suo “spettacolo geek” è uno dei motivi per cui esiste alla periferia. Molto prima che geek venisse a significare qualcuno ossessionato, ad esempio, dalla cultura pop, era il termine per un atto di luna park in cui un “subumano” scioccava la folla attaccando animali – serpenti, roditori e solitamente polli – e uccidendoli con i suoi denti. Spesso il “geek” era un alcolizzato o un drogato di oppio, desideroso di fare qualsiasi cosa per un po’ di soldi o un colpo, e la violenza era reale. È stata un’esperienza degradante per tutte le persone coinvolte, compreso il pubblico.

“Questo atto era illegale nella maggior parte degli stati, ma i piccoli carnevali lo praticavano ancora. E stavano operando su un’ala e una preghiera fino a quando non sono stati catturati”, dice del Toro. “E questo è il tipo di carnevale che Willem incarna. Questo è un mondo più duro, più duro”.

Nella vita reale, gli artisti di luna park che si consideravano legittimi erano orgogliosi di non aver mai lavorato con uno spettacolo che sfruttasse un atto geek, quindi questa sarebbe stata la feccia dell’intrattenimento. È per questo che Stanton di Cooper è desideroso di fuggire in un posto di lavoro migliore, prendendo i trucchi di truffa che ha imparato per scrollarsi di dosso lo sporco carnoso e irrompere nell’alta società. Quello che non capiscono è che la sua disperazione potrebbe trasformarsi lui nella malavita, predare sulla inconsapevole e vulnerabile, anche se lo sta facendo di fronte a una folla.

Nella foto qui sotto, Stanton sta aiutando a cercare un geek fuggito nella sgangherata casa dei divertimenti del luna park, e del Toro dice che l’inquadratura è intenzionale. “Il cerchio è l’arena in cui hanno tenuto il geek. Incornicio costantemente Stan in cerchi e specchi”.

Stanton on the search for a geek who has gone on a rampage. BY KERRY HAYES.

Lo strumento che Stanton usa per farsi strada in un’esibizione da discoteca ben pagata è un sottile codice verbale sviluppato dalla lettrice di tarocchi Zeena ( Toni Collette ) e dal marito ubriacone Pete ( David Strathairn ) che le permette di stare sul palco e fingere di intuire psichicamente le cose i membri del pubblico gli hanno scritto e regalato sugli spalti. Il codice, basato su suoni e inflessioni fatte dall’operatore tra il pubblico mentre raccoglie le domande, è un prezioso pezzo di proprietà intellettuale e Stanton non ha problemi a rubarlo.

Ruba anche Molly ( Rooney Mara ), una giovane operaia del carnevale che diventa la sua ragazza e, una volta che le insegna il codice, il suo pubblico operativo. Il suo protettore uomo forte, Bruno (interpretato da Perlman) non può più proteggerla. La coppia scappa in città e inizia un nuovo atto. Con un nuovo look. E una ritrovata volontà di portare la loro truffa a un nuovo livello.

Stanton gets his glow-up (left). Toni Collette as the code-breaking mentalist Zeena. BY KERRY HAYES.

Quando Zeena e Pete hanno recitato, il loro obiettivo era solo quello di stupire la folla con un po’ di distrazione e magia. Nonostante la subdola del baraccone, del Toro afferma che è un luogo in cui sia gli artisti che il pubblico hanno un tacito accordo su ciò che sta accadendo.

“Alla fine, il carnevale è un luogo in cui verrai truffato o truffato, ma tutti sanno che lo stanno facendo”, afferma il regista. “Il pubblico sa che è un sistema, e [gli artisti] sanno che danno alle persone ciò che vogliono in cambio: una fuga, colori vivaci, vita, qualche risata e un posto dove non pensare alla tua vita quotidiana. Quindi il commercio è molto equo.”

È meno giusto quando Stanton decide che forse può togliere la sua performance dal palco e usarla per truffare i ricchi sfruttando i loro peggiori dolori e perdite con la sua apparente capacità soprannaturale di comunicare con l’aldilà. 

nightmare alley primo sguardo film guillermo del toro
In the spotlight: Cooper as Stanton, Cate Blanchett as Dr. Ritter, and Mara as Molly. BY KERRY HAYES.

È qui che entra in scena lo psichiatra di Blanchett, il dottor Ritter, determinato a dimostrare che l’atto di Stanton è una farsa. “Lei è lì per smentirlo. E in fondo, cerca di misurarsi con lei”, dice del Toro. “Stan era il ragazzo più intelligente nella stanza al carnevale, ma ora è in mare con squali molto più grandi. Sta sfidando il destino. E va contro Lilith, che è piuttosto formidabile”.

Se c’è una festa innocente qui, è Molly, che viene spazzata via da questo mare in tempesta pieno di squali. “Molly funge da centro morale del film”, afferma del Toro. “Lei sa cosa è giusto. E lei sa cosa c’è che non va. Lei conosce la differenza”.

Zeena. Molly. Il dottor Ritter. Stanton si nutre di ognuno di loro, prendendo ciò che vuole, che è tutto ciò con cui riesce a farla franca. È la figura centrale in questa storia, ma ovviamente non lo chiameresti l’eroe.

Questo fa parte dello sforzo di Del Toro di invertire alcuni degli archetipi del classico film noir. Tradizionalmente, il personaggio centrale sarebbe uno stoico tentato da una donna seducente che usa il sex appeal e la mancanza di scrupoli per manipolare e distruggere. Questa volta, Cooper è quel personaggio allettante e pericoloso. “Tematicamente, sono molto interessato ad esplorare il genere da un punto di vista diverso”, dice il regista con una risatina. “Invece di una femme fatale, ho tre figure femminili molto forti e un homme fatale.”

Stanton può essere salvato o riscattato? Questo è il mistero di questa storia. Le persone che stanno lottando troveranno spesso il modo di scatenarsi e abbattere coloro che considerano più fortunati. Lo giustificano e lo razionalizzano in molti modi, e talvolta potrebbero avere ragione. Ma quando non c’è fondo per quanto in basso andrai, è facile perdersi nell’abisso.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page