fbpx

New Amsterdam 4 x 03 “Same as It Ever Was” Recensione

New Amsterdam 4 x 03 “Same as It Ever Was” Recensione
Reading Time: 5 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE NEW AMSTERDAM

Questo è il nostro punteggio 3/5

Commento personale alla puntata

“Same As It Ever Was” viene impantanato dal dramma poco convincente di Sharpwin e da un punto pesante, ma il fascino di fondo dello show è ancora presente in alcuni punti.

Max e Helen probabilmente non partiranno per Londra. Chiamami cinica, ma non puoi semplicemente spostare due dei personaggi più fondamentali di uno show dall’altra parte del mondo nel bel mezzo di una stagione, o anche alla fine di una, almeno non in modo permanente. Insieme o separati, è probabile che rimarranno a New York, a New Amsterdam, perché niente può essere garantito che funzioni senza di loro. 

“Same As It Ever Was” si apre con vari accoppiamenti di personaggi principali – Lauren e Leyla, Iggy e Martin, Floyd e Lyn – che lamentano la notizia che dovranno affrontare un ospedale senza la colla che lo tiene insieme. Per ogni coppia, la discussione porta, stranamente, al sesso. Ogni coppia, cioè, tranne Max e Helen. 

Nonostante tutti gli altri pensino di godersi l’eccitante periodo della luna di miele di una nuova relazione, si stanno davvero svegliando presto nel piccolo appartamento di Max e preparano i waffle di Luna. La faccia di Helen dice tutto. Penseresti che avrebbe potuto considerare la mancanza di glamour nello stile di vita di un padre single, ma immagino di no. Sicuramente ora ci sta pensando.

new amsterdam 4x03 same as it ever was recensione

Ma ecco cosa è successo nel 3° episodio di New Amsterdam

Helen in realtà lo considera ad alta voce con Lauren: Max russa, ed è disordinato e disorganizzato, e lei non si era resa conto che innamorarsi significava vivere insieme. Ops. Lauren suggerisce di rompere con lui in modo che l’ospedale ne tenga almeno uno, che è un sentimento che risuona nella testa di Helen. Così fa anche quello che Veronica Fuentes, il sostituto d’emergenza scelto per Max, che è arrivata quando Karen Brantley ha inviato il Bat-Segnale durante il grande annuncio della scorsa settimana, le dice che uscire con il suo capo potrebbe essere un problema di risorse umane. 

Qui cominciano a emergere due problemi, almeno per me. Il primo è che Veronica è sostanzialmente l’Anti-Max, il che sembra un modo economico per spaventare tutti, incluso se stesso, e convincerlo a non andarsene. Il secondo problema è Helen. Il suo autosabotaggio pignolo è un po’ fastidioso. Dovremmo davvero credere che non si aspettava che Max, tra tutte le persone, fosse un po’ disordinato a casa?

I fan di  New Amsterdam  hanno sperato negli Sharpwin dalla prima stagione, quindi la loro attuale relazione sembra un modo per placare quelle persone mentre accumulano anche motivi per cui non possono lavorare a lungo termine; è come se gli sceneggiatori dello show stessero dicendo: “Guarda, volevi questo, e qui ci sono tutte le ragioni per cui non dovrebbe accadere”. 

Ma il pubblico sa che gli scrittori potrebbero farlo funzionare se lo volessero. È una loro scelta! Col senno di poi, sarebbe stato più coraggioso negare del tutto la relazione tra Max e Helen. Non sono sicura che questo approccio prolisso “non lo faranno” renda particolarmente buono e organico il dramma.

Fortunatamente, le sotto trame altrove raccolgono il gioco. Max, che è fuori dall’ospedale per la maggior parte dell’episodio, soprattutto per tenerlo fuori dai guai di Fuentes fino a tardi, sta giudicando una fiera della scienza locale dove, come al solito, si spinge un po’ troppo oltre con il vincitore, una diciottenne di nome Imani che aveva sviluppato alcune suture rivoluzionarie di rapa che rilevano la febbre e che cambiano colore. 

Tenta immediatamente di requisire un carico per New Amsterdam, ma gli viene poi detto senza tante cerimonie che la sua ricerca sarà accantonata per non intaccare i margini di profitto di un prodotto simile che funziona utilizzando una tecnologia intelligente che quindi non è applicabile a fondi scarsamente ospedali, in particolare quelli del terzo mondo. 

Sfortunatamente, però, tutti i partecipanti alla fiera della scienza, inclusa Imani, hanno firmato un modulo di consenso per dare a una gigantesca azienda farmaceutica il controllo della loro proprietà intellettuale, quindi, grazie all’ingerenza di Max, Imani è minacciata di una causa da mezzo miliardo di dollari. Certo, lui trova una scappatoia per lei e alla fine va tutto bene, ma va bene, è così che funziona questo spettacolo. Ed è così che ha questo spettacolo ha sempre  funzionato, il che è rassicurante di fronte a tanti cambiamenti. Se Max non può infastidire Big Pharma e Karen ogni settimana, cosa ci facciamo qui?

Ma passiamo alle altre sotto trame dell’episodio

Altrove, le sottotrame di Iggy e Lauren sono in realtà solo continuazioni di archi che sono stati stabiliti nella premiere della stagione. Iggy fa ancora da mentore per i suoi specializzandi in base a quanto imitano quello che farebbe in ogni situazione, e mentre a un certo punto sembra che stia per impartire un po’ di genuina saggezza, viene colpito da un contrappunto, e poi l’intera faccenda è che lui viene lasciato solo, irrisolto. 

new amsterdam 4x03 same as it ever was recensione

Naturalmente, non c’è una risposta facile alla domanda che è stata sollevata, ma sembrava comunque un po’ anticlimatica. Gladys sta iniziando ad assumere uno strano ruolo come una sorta di sciamano della psicoterapia onnisciente, lì per far sentire meglio Iggy su ogni sviluppo, il che è divertente ma continua ad assolverlo dalla responsabilità del suo processo decisionale. 

Almeno Lauren e Leyla hanno effettivamente cambiato un po’ la loro dinamica, con quest’ultima che ha seguito il consiglio della prima di indurirsi un po’, tenendole testa nel bel mezzo del caos del pronto soccorso, e insistendo nell’eseguire le procedure in modo meno sicuro perché si è allenata nell’oscurità – letterale e figurativa – di una zona di guerra e la tecnologia la trattiene. Non è un approccio ideale al lavoro, ma fa eccitare Lauren abbastanza da metterla all’angolo nella stanza delle provviste, quindi altalene e giostre.

Non sarebbe  New Amsterdam  senza un punto sociopolitico pesante, ovviamente, e al di fuori delle cose da Big Pharma con Max, questa settimana è il turno di Floyd. Quando il pronto soccorso è invaso da un’ondata di vittime di arma da fuoco, Floyd inizia a credere di riconoscerle tutte, il che non è un punto del tutto chiaro sulla frequenza di tali sparatorie di massa. Non sono sicura che funzioni, ad essere onesti. È un problema serio che viene affrontato in modo irritante, disinvolto e fantasioso. 

Il fatto che “Same As It Ever Was” finisca con Helen che decide di andare a vivere con Max per abituarsi alle sue inclinazioni personali e poi un letterale abbraccio di gruppo è molto più veloce. Anche se le cose non sono esattamente le stesse di prima, almeno possiamo fingere che lo siano, solo per un po’.

new amsterdam 4x03 same as it ever was recensione

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page