New Amsterdam 3 x 11 “Pressure Drop” Recensione

New Amsterdam 3 x 11 “Pressure Drop” Recensione
Reading Time: 6 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE NEW AMSTERDAM

Questo è il nostro punteggio 3.5

Commento personale alla puntata

Un’ondata di caldo getta nel caos New Amsterdam in “Pressure Drop”, portando Max ad affrontare il riscaldamento globale mentre il resto dell’ospedale soffre.

Ma ecco cosa è successo in questo nuovo episodio di new amsterdam

Ho diviso questa recensione tra i vari personaggi chiave in “Pressure Drop”, che è il modo in cui lo spettacolo tende sempre a fare le cose comunque. Non è necessariamente cronologico, quindi, e probabilmente includerà una buona parte delle osservazioni casuali che di solito finirebbero sul pavimento della sala di montaggio, per così dire, ma sto iniziando sempre più a credere che il modo migliore per considerare questo lo spettacolo è comunque in base al carattere.

Max

Questo nuovo episodi di New Amsterdam inizia con Max, che timidamente introduce un’ondata di caldo di giugno sedendosi accanto a un condizionatore d’aria con Luna mentre la madre di Georgia è grossolanamente irragionevole con lui come sempre. Qual è il problema di quella donna?

A proposito di problemi, Max ne ha uno obbligatorio in “Pressure Drop”: l’innalzamento del livello del mare triplicherà le morti per acqua potabile contaminata entro la fine del secolo. Fresco di aver risolto il razzismo, ora punta al riscaldamento globale. Naturalmente, la sua prima idea, una campagna chiamata “Gloves Are Off”, limita ogni reparto a una scatola di guanti in lattice monouso al giorno e promuove invece il lavaggio frequente delle mani con sapone biodegradabile, fa pensare a tutti in ospedale che sia matto.

new amsterdam 3x11 pressure drop recensione

Quando Helen mette fine a quell’idea, decide invece di “abbassare il consumo di carne” sul riscaldamento globale vietando tutta la carne rossa dai pasti dei pazienti. Tutti hanno un problema anche con questo, incluso Iggy, che in precedenza era il più grande sostenitore di Max. Il prossimo passo è la campagna “Fare luce sul riscaldamento globale” per sostituire tutte le luci con altre più efficienti dal punto di vista energetico, che è un ponte troppo lontano per Lauren nel suo già pieno pronto soccorso.

Alla fine, Max si rende conto che non può apportare cambiamenti senza sconvolgere le persone, quindi invece di implementarli uno alla volta, li implementerà tutti in una volta, quindi farà arrabbiare tutti e finirà tutta sta storia. È il momento di aspirare a farlo. Il nome di questo progetto sarà “Our Last Chance”, che è così selvaggiamente melodrammatico che suona quasi come un ritmo comico. E ‘il pensiero che conta.

Lauren e Leyla

Bene, le cose sembrano andare bene per queste due, dal momento che iniziano “Pressure Drop” a letto insieme, dove è implicito che siano stati nell’ultima settimana. È tornato il momento di andare al lavoro per Lauren, però, dove il pronto soccorso è un macello a causa dell’ondata di caldo. Un ragazzo pensa di poter controllare il tempo con la sua mente – lei chiama Iggy per quello – e un’altra donna, una suora di clausura di nome Sister Edith Pursey, sta gelando nonostante il tempo. Niente di tutto questo, però, è abbastanza per dissuadere Lauren, esilarante e ottimista, che insiste che risolverà i problemi di tutti e lo farà con un sorriso sulle labbra. Vedremo quanto durerà questo.

new amsterdam 3x11 pressure drop recensione

A quanto pare, non molto a lungo. Il cattivo umore di Helen e l’altruismo di Max sono sufficienti a metterla in uno dei suoi solitamente pessimi stati d’animo. Il suo sfogo sulla ridicolaggine delle sue idee di risoluzione dei problemi a lungo termine sostanzialmente dà voce a tutti coloro che sono frustrati dal buonismo di Max in questa stagione. Quando torna a casa – per una cena a lume di candela – è così stufa che dice a Leyla che devono rompere perché non può permettersi di essere dolce al lavoro. Leyla se la ride. Non deve essere morbida al lavoro, ma le è permesso esserlo a casa – la vita è tutta una questione di equilibrio, dopotutto.

Elena (e Mina)

Le cose  non stanno  andando particolarmente bene per Helen e Mina, dal momento che la prima ha prenotato per la seconda una seduta di terapia per aiutarla ad affrontare la morte del padre e il suo successivo trasferimento a New York, ma lei sta deviando per andare invece al Centro Islamico. Suggerisce persino in modo sarcastico che Helen dovrebbe partecipare alla sessione al suo posto.

La paziente di Helen è Edith, la gelida suora del pronto soccorso. È il suo primo giorno fuori dal convento in 30 anni, quindi questo è il posto giusto per trascorrerlo, ma i modi abituali di Helen al capezzale si sono in qualche modo erosi grazie all’intera idea della terapia, quindi sgrida il povero Walsh nonostante i tentativi di Lauren di calmare il clima scherzosamente, ed è visibilmente furioso nello scoprire che Max ha deciso di risolvere il riscaldamento globale. Riporta immediatamente indietro i guanti e dice a Max che è ridicolo, cosa che ovviamente è. Dice anche a Lauren che la sua vacanza l’ha resa morbida, il che sta mettendo a rischio i loro pazienti.

Il problema esatto di Edith è un mistero per la maggior parte dell’episodio, ma alla fine otteniamo uno di quegli stupidi “aha!” momenti in cui Edith sta spiegando il suo eccitante passato come backpacker alcolizzata a Panama, il che spinge Helen a dedurre che da allora ha avuto una malaria dormiente che è stata attivata dall’ondata di caldo. (Non c’è stato un altro giorno caldo nei tre decenni da allora?).

Floyd

Mentre si reca al lavoro, lamentandosi di essere responsabile dei livelli di zucchero nel sangue di sua madre, Floyd incontra un bambino che è stato lasciato sul sedile posteriore di un’auto. Lo libera e lo porta direttamente a New Amsterdam, dove scopre che è un collega chirurgo oberato di lavoro è il padre del ragazzo. Questo complica le cose, per non dire altro. Ma quasi subito dopo Floyd riceve una chiamata che rivela che ha somministrato a sua madre insulina scaduta per tutta la settimana: tutti commettono errori, giusto? Questo riporta Floyd proprio all’assistente sociale che valuta il suo collega, al quale fa una “raccomandazione per il perdono”. Condivide un cenno commovente della testa con il padre mentre esce dall’ospedale, la sua buona azione per la giornata è compiuta.

new amsterdam 3x11 pressure drop recensione

Iggy

Dopo la rivelazione cliffhanger della scorsa settimana che Chance si era ancora una volta spacciato per un veterano per avvicinarsi al marito di Iggy, Martin, Iggy lo affronta e lo avverte severamente di andarsene – suggerisce persino che un ordine restrittivo potrebbe essere nel suo futuro, anche se il punto di Chance è che Iggy lo stesse davvero aiutando a stare meglio è degno di considerazione.

Iggy ha questioni più urgenti in “Pressure Drop”, tuttavia, nella forma di Javier, il paziente del pronto soccorso che crede di poter controllare il tempo con la sua mente. Iggy stabilisce un contatto con lui dicendogli che è un appassionato di meteo per convincere Javier a sottoporsi ad alcuni test. Molta terapia sembra assumere la forma della menzogna e della manipolazione, non è vero? 

Ad ogni modo, la scansione di Javier non rivela nulla di sospetto, quindi la teoria di Iggy che sia un mago del tempo medievale inizia a sembrare un po’ più probabile. Questo è ancora più vero quando Javier ha un piccolo crollo e sembra innescare un temporale. La svolta ironica qui è che in realtà è il tempo che sta controllando Javier: la pressione barometrica ha aperto una fistola (questa è la tua parola del giorno) nel suo cervello che ha oscurato un piccolo tumore benigno dalla risonanza magnetica. Come dice Iggy al fratello di Javier, è stato uno di quei giorni.

E diventa solo  più  di uno di quei giorni in cui Iggy torna a casa per l’obbligatorio cliffhanger e trova sua figlia, Sameera, che sta indossando il cappello di Chance. Questo ragazzo non se ne andrà, vero?

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page