New Amsterdam 3 x 09 “Disconnected” Recensione

New Amsterdam 3 x 09 “Disconnected” Recensione
Reading Time: 5 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE NEW AMSTERDAM

Questo è il nostro punteggio 3

Commento personale alla puntata

“Disconnected” dà a Max un’altra crisi da risolvere mentre alcuni scritti incoerenti creano un miscuglio di trame.

Ma ecco cosa è successo un questo nuovo episodio di New Amsterdam

Max Goodwin dedica ogni episodio di New Amsterdam alla risoluzione delle grandi crisi sistemiche americane, quindi quando si mette un abito sai che è serio. È così insolito vederlo fuori dal suo camice che praticamente tutti quelli che incontra fanno un commento al riguardo – Iggy: “Perché sei vestito come James Bond?” – ma cos’altro si indossa per garantire che un intero progetto di alloggi di New York abbia accesso alla banda larga gratuita?

Internet è un argomento intrigante poiché molti di noi lo considerano essenziale quanto il cibo e l’acqua corrente; l’idea che qualcuno possa farne a meno, e nientemeno nella più grande città del mondo, sembra assurda. In quale altro modo trovi le risposte a domande oscure? Bene, a quanto pare, non lo fai, quindi quando uno strano tizio che si atteggia a dottore viene in giro con quello che afferma di essere un vaccino per Covid-19, lo prendi, senza fare domande. È solo allora che scopri che è veleno. E non puoi nemmeno cercare su Google i sintomi!

Il problema con questi schemi per Max, almeno in “Disconnected”, è che tendono a seguire lo stesso arco. Decide di fare qualcosa, inizia dalla soluzione più stravagante possibile: banda larga gratuita per tutti! – e poi deve trovare una lista di persone che non vogliono parlargli per trovare finalmente una ragionevole soluzione dell’ultimo minuto. In questo caso, si tratta di un portale gratuito in cui chiunque, in qualsiasi momento, può accedere alle conoscenze e alle risorse dell’ospedale con apparecchiature che è in grado di rifinire fingendo che i computer dell’ospedale siano terribilmente obsoleti. È divertente, ma è lo stesso arco e lo stesso risultato di sempre.

La vita personale di Max è molto più interessante al momento, ma la terza stagione di New Amsterdam, l’episodio 9, ci dedica poco tempo. Max, per non dimenticarlo, è un vedovo e un padre single che lavora, ed è stato un grosso problema per lui rivolgersi alla madre di Georgia, Gwen, per chiedere aiuto a crescere Luna. Ma questa settimana Gwen è super irragionevole riguardo alla tempestività di Max, insistendo sul fatto che torni a casa per le 19:00 in modo da poter leggere a Luna prima di andare a letto – i bambini hanno bisogno della routine! – e poi non si preoccupa nemmeno di tenerla sveglia fino alle 19 comunque. 

Max torna a casa presto, per una volta, ed è deluso di trovare Luna addormentata, quindi il senso di colpa di Gwen lo prende in giro per quanto sia egoista aspettarsi che un bambino stanco venga tenuto sveglio solo per il suo beneficio. Che cosa? So che Max lavora troppo, ma il suo lavoro è piuttosto importante!

Dal punto di vista familiare, le cose non sono grandi nemmeno per Helen, dal momento che Mina è estremamente difficile. Ora, da un lato, suppongo sia ragionevole nutrire un po’ di rancore contro Helen per aver scelto la carriera piuttosto che la famiglia per così tanto tempo, ma stare seduti nel suo appartamento come se fosse un hotel e trattarla costantemente come spazzatura nonostante i suoi migliori sforzi rende Mina completamente antipatica. 

Non c’è una vera profondità nel suo personaggio, qui – è solo petulante senza una buona ragione, e si ha la sensazione che lo spettacolo non sappia cosa fare con lei. È chiaramente una trama su cui ci stiamo concentrando a lungo termine, ma sta allontanando Helen da sottotrame più interessanti in ospedale. Dov’è andato Shin, tanto per cominciare? La loro relazione non ha funzionato, quindi ha smesso di andare a lavorare?

new amsterdam 3x09 disconnected recensione

La sottotrama su cui mi aspettavo che “Disconnected” si concentrasse davvero, e che sono contenta in un modo che non è accaduto, era il caso di Alison, una giovane ragazza che è stata portata in ospedale dopo essere stata coinvolta in una pseudo sparatoria. Questo, tuttavia, si è rivelato essere un insabbiamento inventato dai suoi genitori negligenti, che erano stati irresponsabili con la loro pistola. 

Naturalmente, per vendere la storia, hanno descritto il sospetto come una persona di colore, senza alcuna considerazione per la quantità di profiling inutili e potenziali molestie o persino violenza che potrebbero derivarne. Floyd era colui che aveva il compito di salvare la vita di Alison, e lo fece, ma non senza uno sproloquio rabbioso in direzione del “Non siamo razzisti!” genitori. A quanto pare, denunciare falsamente un crimine è un crimine.

L‘episodio 9, fa un po’ di errori qui. Non mi dispiace questa trama in faccia, ma c’era davvero bisogno che i genitori facessero continuamente riferimenti a All Lives Matter e ai manifestanti e ad altri termini arrabbiati e conservatori bianchi? Li faceva sentire semplicemente stereotipati da cartone animato; avrebbe funzionato meglio se fossero stati una coppia sorprendentemente ragionevole che aveva fatto una cosa terribile per proteggersi. Rendendoli insopportabili, gli idioti ovviamente razzisti rende solo più facile liquidare le loro azioni come comportamenti di bigotti. “Questo è quello che succede quando si tagliano i fondi alla polizia!” Si poteva decisamente risparmiare sta frase.

Per quanto ami New Amsterdam, a volte sembra davvero che l’abbia scritta un bambino, o almeno un adolescente. Probabilmente più ridicola è stata la nuova assunzione per il primario di neurochirurgia, che ha iniziato il suo primo giorno nel ruolo del dottor Kapoor negando felicemente tutto ciò che Vijay ha mai fatto a tutto il suo staff. Non potevo credere a quello che stavo ascoltando. Perché nessuno ha detto niente? Questo è il modo in assoluto più pigro possibile di impostare questa donna come antagonista. E fa sembrare l’intero dipartimento dei codardi.

new amsterdam 3x09 disconnected recensione

“Disconnected” almeno ha fatto di tutto per garantire che non tutte le storie avessero un lieto fine o uno bizzarramente artificioso, ed è stato Iggy che ha dovuto soffrire per questo (sembra che lo stia facendo molto in questa stagione). Si è avvicinato troppo a un paziente, Chance, e alla fine si è reso conto che il giovane era diventato troppo dipendente da lui in un modo che superava di gran lunga i confini di una relazione paziente-terapeuta. 

È comprensibile da entrambe le parti, e ho pensato che lo spettacolo avrebbe trovato un modo per mettere fine a un bel risultato, ma non del tutto. Quando Iggy ha cercato di stabilire dei limiti, Chance ha bevuto una soluzione davvero drammatica e Iggy non ha avuto altra scelta che farlo trasferire da un altro terapista in un altro ospedale. Il suo allontanarsi in lacrime da Chance è stata una delle scene più potenti dell’episodio. 

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page