New Amsterdam 3 x 07 “The Legend of Howie Cournemeyer” Recensione

New Amsterdam 3 x 07 “The Legend of Howie Cournemeyer” Recensione
Reading Time: 4 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE NEW AMSTERDAM

Questo è il nostro punteggio 4

Commento personale alla puntata

“The Legend of Howie Cournemeyer” traccia parallelismi tra l’attuale pandemia e un’altra, mentre Max affronta l’ennesima ingiustizia bigotta e di vecchia data in ospedale.

new amsterdam 3x07 the legend of howie cournemeyer recensione

ma ecco cosa è successo in questo episodio di new amsterdam

Come sempre, Max ha un problema in “The Legend of Howie Cournemeyer”, e fedele alla forma della terza stagione , non è uno che può risolvere essendo il suo solito affascinante sé. Risale all’epidemia di AIDS negli anni ’80 e alle norme mediche bigotte che hanno devastato sia la comunità gay che la stessa New Amsterdam. Ma piuttosto che essere solo un problema della settimana, l’argomento è abilmente legato agli archi caratteriali in corso e presentato come un parallelo dell’attuale pandemia. È impressionante il modo in cui tutto va bene insieme e quanto potere emotivo è in grado di evocare in un modo che, per una volta, non sembra poi così flagrantemente manipolativo.

Inizia il National HIV Testing Day, un’occasione celebrativa che per lo più rende omaggio a George Helms (Larry Bryggman), che all’epoca era il direttore medico dell’ospedale ed è l’idolo confessato di Max. Almeno fino a quando non segue le tracce di una fotografia deturpata e scopre come Helms ha gestito una grave carenza di sangue durante l’epidemia, il che significa che non l’ha gestita affatto.

Durante quella carenza, agli uomini gay, anche a quelli che erano risultati negativi all’HIV, non era permesso donare il sangue. Per aggirare questo problema, Dale Rustin (André De Shields), che all’epoca gestiva la banca del sangue, fece entrare uomini gay che sapeva non essere sieropositivo e gli fece donare il sangue sotto il nome di un altro uomo – il titolare Howie Cournemeyer (Stephen Spinella). 

new amsterdam 3x07 the legend of howie cournemeyer recensione

Quando Helms lo ha scoperto ha buttato fuori il sangue, nonostante sapesse che era sano e poteva salvare vite, solo per proteggere l’ospedale da potenziali responsabilità. In questi giorni le cose non sono molto diverse. Gli uomini gay sessualmente attivi non possono ancora donare plasma sanguigno per combattere il Coronavirus. Anche durante una crisi di salute pubblica, il fanatismo obsoleto regna ancora sovrano.

Beh, Max non ce l’ha e decide di aggirare i regolamenti in modo che qualsiasi individuo sano possa donare sangue, indipendentemente da chi ama. Howie è il primo donatore.

Questo non è l’unico problema di Max nel settimo episodio di New Amsterdam. Anche Luna sta scatenando l’inferno in giro per l’ospedale, e quando la sorprende a fissare una foto della madre di Georgia, sa che deve ammettere che non può crescere da solo la figlia. Luna ha bisogno di qualcuno che possa essere lì per lei più di quanto possa fare Max dal momento che è sempre impegnato a risolvere problemi sistemici profondi. Fortunatamente, i genitori non dovrebbero crescere i figli da soli. Ci vuole un villaggio e tutto il resto. Nonna in soccorso.

Riportando le cose alla questione dell’HIV e dell’omofobia, Lauren e Floyd si sono scontrati in “The Legend of Howie Cournemeyer” con Kwame (Joshua Gitta), un missionario mormone che aveva contratto l’HIV dormendo con un uomo contro le regole della sua religione. Il suo Anziano – quanto era ridicolo dare a qualcuno quel titolo nel 2021 – considerava i suoi peccati degni da farlo licenziare. Se non poteva sposare una donna e avere figli, sarebbe stato rimosso dalla missione e rimandato nel suo paese. Ma la fede di Kwame era incrollabile.

Ciò ha causato il problema tra Lauren e Floyd poiché quest’ultimo credeva che la devozione di Kwame alla sua religione avesse sostituito il suo desiderio di vivere come se stesso autentico, quindi ha proposto una soluzione che lo avrebbe trovato di nuovo in chiesa ma anche di nuovo libero di sposare una donna. 

Lauren è rimasta sconvolta da questo, e l’affidabile prestanome senza fronzoli dello show continua ad essere una delle persone più di buon senso dell’intero ospedale, specialmente dopo quello che ha fatto per Leyla (anche se, su questo argomento, dov’è andata Leyla?).

L‘episodio 7, viene chiuso da scene d’amore tra Iggy e Martin: nel primo, la dismorfologia corporea di Iggy ha avuto la meglio su di lui, insistendo goffamente che le luci si spegnessero prima che potesse fare l’amore con suo marito; nel secondo, Iggy tiene le luci accese, non avendo necessariamente fatto i conti con il suo aspetto ma almeno accettato di non poter continuare a lasciare che le sue percezioni dominino la sua vita come hanno fatto. È un momento potente, ma richiede un po’ di stress per Iggy per arrivarci.

La maggior parte di questo è radicata nel Dr. Kapoor, che purtroppo si dimette in “The Legend of Howie Cournemeyer”. Questo è un grave shock per Iggy, che aveva organizzato una festa per il suo ritorno. Prende il fatto che Kapoor non glielo abbia fatto sapere molto personalmente e gli lascia diversi messaggi vocali, alcuni dei quali frenetici e dolorosi. 

È solo quando Ella richiama e spiega cosa sta realmente succedendo che Iggy capisce. Mentre Kapoor è sopravvissuto al COVID, gli effetti a lungo termine lo hanno reso incapace di non poter più lavorare. Ha cercato di tornare ma fisicamente non ce l’ha fatta, e il dolore di quella realizzazione lo ha costretto a chiudere fuori i suoi colleghi. Ecco perché non l’ha detto a Iggy o a nessun altro. Ci mancherà sicuramente.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page