New Amsterdam Recensioni

New Amsterdam 1 x 09 “As Long As It Takes” Recensione – Fall Finale

Reading Time: 4 minutes

Il finale autunnale di New Amsterdam ci ha lasciato con il solito pugno dritto sulla pancia, con “As long as Takes”, offrendo una puntata tipicamente emotiva e un cliffhanger inaspettato, che ci lascia con la domanda più logica di tutte se Max sia morto oppure no.

Non lo è, ovviamente. Lo spettacolo è programmato per 22 episodi e ruota intorno a lui, quindi non avrebbe molto senso per lui morire a causa del suo tumore alla gola in un molo solitario nel mezzo del nulla.
La cosa intelligente di “As Long As It Takes” è il modo in cui si è mascherata come una puntata piuttosto tipica di New Amsterdam per quasi tutta la durata. Naturalmente, tipico di questa serie è ancora profondamente sconvolgente e flagrantemente manipolativo, ma te lo aspetti. Questa settimana, una donna aveva un disperato bisogno di un trapianto di cuore, e così è successo che quella persona che aveva già una volta avuto un trapianto di cuore, che apparteneva alla sorella defunta di Max.

Ma è oltre il punto. La storia di Max non è che sia un fanatico del fumetto, altruista, è che sta morendo di cancro e nella sua fretta di salvare ogni vita con cui entra in contatto non riesce a salvare la sua. E’ stata solo una questione di tempo prima che i problemi che stava cercando di superare alla fine lo abbiano raggiunto, e in “As Long As It Take”, lo hanno fatto. Spargendo le ceneri della sorella nel lago dove lanciava le pietre da bambino, è crollato. New Amsterdam di solito ha qualcosa da dire, e in questo caso sta dicendo che per aiutare gli altri, devi essere abbastanza coraggioso da aiutare te stesso quando arriva il momento.

Altrove, Iggy si è ritrovato nella sottotrama più attualissima dello show fino a questo momento, mentre negoziava con un giovane paziente transgender sul fatto di poter aspettare un po’ prima di sottoporsi a un intervento chirurgico significativo. Il punto era che il ragazzo stava ancora crescendo e sviluppandosi e aveva appena iniziato a prendere ormoni bloccanti, quindi era necessario un periodo di tempo per determinare quale chirurgia sarebbe stata più adatta a lui nel lungo periodo. Per il ragazzo, che era una specie di celebrità dei social media, questo significava che Iggy era orribilmente transfobico, che ha prontamente dichiarato alle sue migliaia di seguaci di sostegno.

Il punto qui, reso piuttosto bene, è che i social media sono uno strano microcosmo autoaffermativo che distorce la realtà e conferisce un senso estensivo di diritto alle persone che si circondano di persone simili, in particolare (anche se non esclusivamente) se sono emarginate. Il ragazzo voleva immediatamente l’intervento e credeva che, poiché Iggy era cisgender, non era in grado di farlo aspettare. Poiché i suoi seguaci erano d’accordo con lui, le realtà mediche cessarono di esistere. Iggy fu immediatamente etichettato come un bigotto. Non ci potrebbe essere altra spiegazione.

 

Inutile dire che c’era un’altra spiegazione. E ci volle la solita pazienza e l’apertura mentale di Iggy per rivelarlo, anche se era abbastanza ovvio in primo luogo. Quando una parte significativa della tua vita viene vissuta a beneficio degli altri, anche se sono avatar anonimi su una piattaforma sociale, il peso delle loro aspettative diventa difficile da trasportare. Diventa più facile incolpare e diffamare piuttosto che accettare che a volte non puoi ottenere tutto ciò che vuoi nel modo in cui lo vuoi – anche se senti di meritarlo. A un certo livello il ragazzo, Shay, lo sapeva, ed è per questo che non sapeva proprio perché avesse risposto come lui. Ma Iggy lo sapeva, e a volte basta una sola persona per capire.

A un certo livello, questo è ciò che riguarda New Amsterdam: la comprensione. Non solo capire perché le persone fanno le cose che fanno, ma capire cosa serve per aiutare quelle persone quando non sono in grado di aiutare se stesse. Il tormentone di Max non è un caso. Ed è per questo che è importante credere, solo per un momento, che potrebbe essere in uno stato peggiore che probabilmente è. Venendo così vicino alla sua mortalità, imparerà che ha bisogno di tanto aiuto quanto nessuno di noi.

COMMENTO PERSONALE ALLA PUNTATA
Nel complesso è stato un episodio solito di New Amsterdam, quindi molto attuale e che ti fa emozionare quel giusto. Due cose non ho giustamente toccato, perché cliffhanger dello svenimento di Max e come sia arrivato a quel punto era più importante, ma con questo non voglio sminuire due altre sottotrame. La prima è della dottoressa Bloom che ha decisamente ormai toccato il fondo e qualcuno se ne deve accorgene assolutamente, ma non saprei chi possa darle una mano, anche se un idea ce l’ho ed è Reynolds ma qui abbiamo poi un problema più grosso, che eviterei di trattare. La seconda sottotrama è quella che riguarda la dottoressa Sharpe è il suo appuntamento con il medico della cura alternativa, bisogna dire che è stato fatto passare un po’ in sordina ma la cosa mi è piaciuta molto!! Voi cosa ne pensate?

GRAZIE PER AVER SEGUITO CON NOI QUESTA PRIMA PARTE DI QUESTA PRIMA STAGIONE!! CI RIVEDIAMO L’8 GENNAIO CON LA SECONDA PARTE!!

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla pagina ad essa dedicata Drama Addicted TvShows
E inoltre sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time