Mother/Android Recensione

Mother/Android Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice

TRAMA MOTHER/ANDROID

Ambientato in un futuro non lontano Mother/Android segue Georgia (Chloë Grace Moretz) e il suo ragazzo Sam (Algee Smith) in una pericolosa fuga, mentre il loro paese è costretto a un’inattesa guerra contro una forma di intelligenza artificiale. A pochi giorni dall’arrivo del loro primo figlio, i due devono fare i conti con No Man’s Land – una roccaforte dell’insurrezione aliena, nella speranza di mettersi in salvo prima del parto.

Mother/Android mescola il film di sopravvivenza al thriller e alla fantascienza, e soprattutto vede una protagonista femminile d’eccezione: la grintosa Chloë Grace Moretz. La regia è dell’esordiente Mattson Tomlin, che ha alle spalle una serie di cortometraggi e figura tra gli sceneggiatori di The Batman. Non a caso, fra i produttori di Mother/Android c’è Matt Reeves, che è al timone del cinecomic con Robert Pattinson.

mother android recensione

Questo è il nostro punteggio 2.5/5

Commento personale al film

La studentessa universitaria Georgia (Chloë Grace Moretz) sta dicendo alla sua amica che vuole abortire quando il suo mondo viene catapultato in un inferno post-apocalittico. Gli androidi trasformati in maggiordomi che ogni famiglia in America sembra avere passano da affascinanti e sottomessi a malvagi e assetati di sangue, con un occhio automatizzato per spazzare via la razza umana. 

La prossima cosa che sappiamo, Georgia è incinta di nove mesi, e lei e il suo ragazzo Sam (Algee Smith) sono terrorizzati e in fuga da un esercito omicida di cyborg. Questo passaggio improvviso e stridente a uno stato di vita o di morte è reso ancora più urgente in virtù della bomba a orologeria nell’utero della Georgia.

Ma ecco cosa ci mostra Mother/Android

La configurazione iniziale del film d’esordio di Mattson Tomlin Mother/Android offre due opzioni per la traiettoria del film. Uno, esplorerà le sfumature tra uomo e robot durante la gravidanza di Georgia, che è un’affascinante conversazione che tende a far ben sperare (vedi AI: Intelligenza Artificiale ed Ex Machina). 

Oppure, opzione due: la gravidanza non sarà affatto nei temi del film e servirà invece come incentivo arbitrario per i nostri protagonisti a fuggire dai loro assalitori. A suo danno, Tomlin sceglie quest’ultimo.

Questo non vuol dire che quest’ultima opzione precluda la possibilità di un film buono, o addirittura eccezionale. Ma nonostante abbia scelto la strada emotiva, Tomlin non ci dà abbastanza peso emotivo a cui aggrapparci. Quando incontriamo per la prima volta Georgia, sta lottando per sapere se vuole stare con Sam, per non parlare di avere il suo bambino. Per questo motivo, ci aspettiamo che si trasformi in un personaggio complesso. 

Purtroppo, non equivale mai a nulla al di là di una mamma orsetta unidimensionale. Allo stesso modo, a Sam non viene fornito il materiale per progredire oltre un fornitore svogliato e spesso fuorviato. Sono una coppia la cui chimica è carente, come è il motivo per cui li guardiamo in primo luogo.

mother android recensione

Ma questo non è per la mancanza di provare le parti degli attori. Moretz è di gran lunga la parte migliore del film, infonde sottigliezze in battute su argomenti monumentali come la decimazione della razza umana, e quando non parla, fa un lavoro eccezionale ricordandoci lo stress fisico dell’arrancare attraverso il bosco quando sei ben oltre la data di scadenza. 

Il suo sforzo impressionante rende solo molto più frustrante quando a nessuno dei personaggi viene davvero data l’opportunità di andare oltre un’assenza di vita che, ironia della sorte, ricorda i loro nemici robotici.

E i personaggi non sono gli unici elementi di Mother/Android a scivolare nei cliché. Durante il loro pellegrinaggio attraverso i boschi, non solo Sam e Georgia incontrano un certo numero di androidi barbari, ma anche un assalto di ovvi film apocalittici. 

Dispersi nei boschi ci sono campi base dove gli umani possono rifugiarsi. A gestire i campi è un burbero, duro macho militare uscito dal playbook distopico. Anche i boschi stessi sono un luogo ovvio per questo tipo di film e Tomlin non fa molto per creare un senso del nuovo mondo boscoso dei protagonisti.

mother android recensione

Dopo il suo sorprendente evento scatenante, non ci vuole molto per capire che Mother/Android non farà nulla di nuovo con l’amato sottogenere dell’acquisizione di robot. Ma questi film sono popolari per una ragione, e sarei negligente se dico che anche un rigoroso rispetto delle regole del genere alla fine non produce un film divertente. 

Quando un androide corre dietro alla coppia e Georgia gli spara dal retro di una moto da cross, è innegabilmente esaltante. Allo stesso modo, è difficile non sentirsi ultra tesi mentre si aspetta di vedere se le guardie militari lasceranno la coppia nel loro campo e fuori pericolo. Le scene d’azione grintose non sono Mother/Android. Il punto debole e la sua oscura cinematografia lo-fi aiutano a creare un senso di terrore e ansia, radicando anche il disastro del film nella realtà.

Mother/Android funziona meglio come un avvincente film d’azione, ma la sua costruzione mi porta a chiedermi perché fosse necessario coinvolgere i robot in primo luogo. 

Il film non si preoccupa mai di spiegare l’epico malfunzionamento iniziale del software, né prende in considerazione questioni di umanità, anche se il nostro protagonista sta letteralmente crescendo un bambino umano e il titolo deduce un’eventuale connessione tra uomo e macchina. 

Come il suo titolo confuso, Mother/Android non capisce mai cosa vuole dire.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page