Mindhunter Recensione Season 2 – Originale Netflix

È stata una lunga attesa per il seguito di uno delle migliori serie TV poliziesca del decennio, ma la seconda stagione di Mindhunter è finalmente arrivata. I dettagli su questa stagione erano scarsi e una volta che guarderai capirai perché. Questa stagione è oscura e straziante come la prima, ma dà uno sguardo molto più cinico all’FBI e persino al suo personaggio principale. Questa stagione mette in mostra lo sguardo cupo di David Fincher sulla giustizia e il male con stile esperto, ma non è privo di difetti.

Nella prima stagione, gli agenti dell’FBI Holden Ford e Bill Tench hanno iniziato a creare una nuova divisione dell’FBI, l’Unità di scienza comportamentale, studiando le menti peggiori del paese, noti serial killer. Holden è il ragazzo d’oro della serie nella prima stagione, crede nel cambiamento e vuole infrangere le regole per far riconoscere il loro lavoro. Questa è la sua rovina quando la squadra, incluso la psicologa Wendy Carr, viene indagato per discutibili tattiche di intervista e, alla fine della stagione, si trovano in acque agitate. Si accusano a vicenda e il futuro dell’unità è incerto.

La serie riprende con la squadra dove Bill interpreta l’uomo di famiglia a casa e si rammarica per la scomparsa di Holden con il loro superiore. Holden viene ricoverato in un ospedale psichiatrico dopo un attacco di panico dopo l’incontro con Ed Kemper alla fine della stagione 1. Wendy continua a essere la roccia dello studio senza alcun rispetto. Il team ottiene un nuovo superiore quando il vicedirettore si ritira e introduce Ted Gunn (Michael Cerveris), un enfatico sostenitore dell’Unità di scienza comportamentale e delle tattiche di Holden nel parlare con i serial killer, anche se potrebbero essere stati discutibili con gli altri. Il loro obiettivo è quello di continuare il loro lavoro studiando i serial killer ma concentrandosi su quelli che potrebbero aiutare a catturare il serial killer noto come BTK e successivamente a risolvere gli omicidi degli Atlanta Child Murders. Holden prende il posto della maggior parte degli studi sui personaggi e lo spettacolo si concentra sulla fastidiosa vita domestica di Bill e sulla vita personale di Wendy mentre trova una nuova ragazza (Lauren Glazier).

Ciò che lo spettacolo fa meglio in questa stagione sono le storie secondarie incentrate sulla vita di Wendy e Bill piuttosto che Holden. Wendy non ha abbastanza riconoscimenti per il suo lavoro con l’FBI e con il nuovo regista, è solo qualcuno da lasciare nel seminterrato mentre i ragazzi vanno a parlare con gli assassini. Nelle poche scene che vediamo con Wendy fare il suo lavoro di psicologia, dimostra di poter ottenere ciò che vuole dagli assassini, così come Holden e senza pregiudizi. La maggior parte delle sue scene in questa stagione si concentrano sulla sua vita personale, che è adorabile da guardare. Le sue lotte per avere una relazione significativa con la sua nuova ragazza mentre cerca di mantenere la sua sessualità nascosta all’interno dell’FBI.

La trama dell’altro lato che questa stagione esplora è la vita domestica di Bill. Sua moglie vuole disperatamente che trascorra più tempo a casa in modo che possano essere una famiglia normale. Il suo lavoro si avvicina troppo a casa quando il corpo di un bambino viene trovato in una delle case che sua moglie sta cercando di vendere. Si offre di aiutare il detective locale a dare un’occhiata alla scena del crimine, ma ciò che trova non è quello che si aspettava. Il corpo del bambino è stato posizionato come se fosse sulla croce e suo figlio era lì per vederlo morire. Diventa chiaro che suo figlio adottivo è molto turbato e tutte le interviste con veri serial killer non hanno mai preparato Bill a crescere un figlio che potrebbe diventare lo stesso. Bill è stato un tipo vecchio stile quando si tratta di disegnare linee definite di giusto e sbagliato, ma questa stagione lo costringe a mettere in discussione questo.

La storia del bambino assassinato nel quartiere di Bill giustappone perfettamente lo svolgersi degli Atlanta Child Murders. Nella periferia della Virginia, dove vive Bill, la comunità si riunisce in una chiesa per ascoltare il detective che risolve il caso. Sono arrabbiati, ma i loro pensieri vengono ascoltati e l’idea di un bambino ucciso nella loro città è inaudita. Nel frattempo, ad Atlanta, alle famiglie dei bambini scomparsi o trovati morti non viene data alcuna speranza dagli investigatori. I loro bambini non sono pianti allo stesso modo e le loro famiglie sono persino incolpate di aver messo i loro bambini in pericolo. La divisione razziale è chiara tra le due storie, sia tristi che inquietanti, ma una su scala molto più ampia.

Se non sapevi nulla degli Atlanta Child Murders prima di entrare in questa stagione, il modo in cui il caso si risolve (o fallisce) è deludente e irritante, ma è così che va la storia vera. Wayne Williams rimane in prigione per i due omicidi di cui è stato condannato nella serie. Avere i personaggi principali dietro il lavoro scadente della polizia e ignorare gli altri protagonisti è difficile da guardare, sapendo che dovrebbero essere i bravi ragazzi. Holden e Bill si sentono sempre gli eroi quando intervistano altri serial killer, ma quando usano quelle stesse tattiche su qualcuno che chiaramente non ha fatto nulla di male, non sono quelli con cui vogliamo schierarci. Fincher è forse l’unico cineasta in grado di sfoggiare questo sguardo cupo dell’FBI, ed è del tutto intenzionale lasciare il pubblico insoddisfatto e arrabbiato con la realtà del caso.

Le interviste continuano ad essere alcune delle scene più agghiaccianti della televisione in quanto trovano il modo di ritrarre la violenza attraverso il dialogo piuttosto che immagini e azioni. I personaggi di Son of Sam (Oliver Cooper) e Charles Manson (Damon Herriman) non deludono nei loro cameo, ma l’intervista più straziante viene da una vittima piuttosto che da un assassino. Mentre Bill cerca di affinare il profilo di BTK prima di essere distratto da ciò che sta accadendo ad Atlanta, intervista un sopravvissuto di un attacco che credono sia collegato a BTK. Il giovane Kevin (Andrew Yackel) parla della sua esperienza traumatica nei dettagli emotivi che è molto più agghiacciante che vedere l’attacco sullo schermo. Se Mindhunter sa come inchiodare qualsiasi cosa, chiaramente si tratta di monologhi.

I crimini di BTK hanno quasi una parte maggiore in questa stagione, ma quell’inchiesta viene completamente eliminata quando si concentrano su Atlanta. Le scene brevi in ​​cui è in questa stagione non sono così strazianti come la scorsa stagione e lo rendono un po’ comico. Se la squadra si fosse appena concentrata sul suo caso, forse la stagione sarebbe stata più simile all’ultima, ma le parti BTK della serie sembrano ancora momenti da buttare via a questo punto.

Mentre il caso è storicamente deludente, anche le storie dei personaggi in questa stagione finiscono senza soluzione. La trama di Bill con suo figlio sembra non influenzare il modo in cui guarda gli omicidi di Atlanta. Holden riceve ancora più elogi per aver catturato un ragazzo contro il quale non aveva prove, accarezzando il suo ego che è peggiorato solo in questa stagione. Wendy è completamente esclusa dall’indagine, forse perché se avesse assistito alla stretta di Holden, non l’avrebbe mai permesso. Lo spettacolo termina con gli uomini dell’FBI che si imbarcano su un jet e si danno una pacca sulla spalla, sostenendo di aver fatto il loro lavoro come dovevano o almeno cercando di convincere se stessi.

Commento personale alla stagione

Lo spettacolo assume una storia insondabile negli omicidi di bambini di Atlanta e, per i suoi sforzi, fa un ottimo lavoro raccontando la storia dell’indagine. Le discussioni politiche e razziali nella serie sono ponderate, anche se in qualche modo ciniche. I personaggi secondari prendono il controllo della stagione, ed è in meglio. La stagione è iniziata sviluppando una base per nuove pratiche psicologiche, ma ha scelto di concentrarsi sull’aspetto umano dell’uso della scienza per dimostrare che le intuizioni sono giuste anche quando sono sbagliate. Come la prima stagione, la seconda termina senza alcuna indicazione di dove siano diretti questi personaggi, ma sicuramente aspetteremo in ansia per la prossima stagione. Voi cosa ne pensate?

DOMANDE E RISPOSTE

  1. Bill si riunirà con la sua famiglia? Sinceramente non lo so. Questa faccenda del figlio ha davvero sconvolto sua moglie, se ha addirittura fatto armi e bagagli e ha lasciato lì la sua roba senza manco lasciargli un biglietto.
  2. Holden smetterà di essere così egocentrico? Beh credo proprio di no anzi secondo me quando prenderà di nuovo in mano il caso di BTK crescerà ancora di più il suo ego e forse farà anche qualche casino come il suo solito.
  3. Wendy avrà il ruolo che si merita o sarà sempre la ragazza che deve stare dietro ad una scrivania? Io sinceramente spero che abbia il ruolo che le spetta. Vederla condurre un’intervista mi è davvero molto piaciuto e sono certa che darebbe una svolta diversa alle risposte che potrebbero ottenere e ai nuovi profili dei serial killer che potrebbero analizzare.
  4. Riusciremo a vedere finalmente incentrata la serie su BTK? Questa è una bella domanda e molto interessante in quanto il vero serial killer fu catturato nel 2005! Quindi chissà se mai vedremo affrontato questo caso.
  5. Questa ultima più che una domanda è una curiosità interessante della stagione. Avrete sicuramente notato un collegamento tra The Son of Sam e l’omicidio di Sharon Tate che vedremo poi nel nuovo film di Tarantino “Once Upon a Time in Hollywood”, insomma è tutto collegato!!

Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED

Mindhunter, Netflix, Recensioni , , , , , ,

Informazioni su Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Precedente 13 Reasons Why 3 x 01 "Yeah. I'm the New Girl" Recensione Successivo Pennyworth 1 x 05 "Shirley Bassey" Recensione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.