2019 bilancio: Le migliori serie TV

2019 bilancio: Le migliori serie TV
Reading Time: 4 minutes

Questo mese finale di quest’anno ci stiamo un po’ sbizzarrendo con gli articoli dei “migliori”. Abbiamo da poco iniziato con la rubrica della decade 2010 – 2019, e vi abbiamo presentato i migliori pilot e i migliori family drama, ma ovviamente non possiamo chiudere l’anno senza fare un bilancio del 2019. Per cui ecco che si inizia!!

SPOILER ALERT

SE NON AVETE VISTO QUALCUNA DELLE SERIE SOTTO ELENCATE NON PROSEGUITE NELLA LETTURA. MA SE SIETE CURIOSI DI SAPERE QUALE SERIE ABBIAMO SCELTO PROSEGUITE SENZA NESSUN INDUGIO E PERICOLO! PS L’ELENCO PROPOSTO NON È MESSO IN UN ORDINE PRECISO, SONO SOLO I MIGLIORI DI TUTTE LE SERIE NEL CORSO DI QUEST’ANNO.


Stranger Things (Netflix) 

Dopo una seconda stagione deludente, la serie soprannaturale ambientata negli anni ’80 – la più popolare di Netflix – è tornata con nuovi episodi che hanno corso più rischi e meno ripetizioni nel corso della trama. Con i sovietici come nuovi cattivi, nuove ispirazioni horror per i mostri e nuove relazioni da esplorare – in particolare l’amicizia tra Eleven (Millie Bobby Brown) e Max (Sadie Sink) – la serie ha creato una terza stagione che è stata quasi accattivante come la prima stagione.

Pose (FX)

Il rivoluzionario dramma LGBTQ di FX è diventato più grande e più intimo nella sua eccellente seconda stagione, puntando sui suoi migliori personaggi e rendendo le sue storie più ambiziose, tragiche e complesse. La stagione è stata più concentrata e avvincente del promettente primo anno, con esibizioni particolarmente forti del premiato Billy Porter come Pray Tell, Mj Rodriguez come Blanca e Indya Moore come Angel. Insomma se ancora non l’avete vista guardatela e noi vi diciamo anche perché basta che clicchiate qui!!

The Good Fight (CBS All Access)

Nonostante diventi un po’ più lontano dalla verità ogni anno, lo spin-off di “The Good Wife” della CBS All Access è ancora il dramma che meglio cattura l’attuale era sociopolitica. La sua terza stagione, con l’aggiunta di Michael Sheen come avvocato ispirato a Roy Cohn, è stata un po’ stravagante senza diventare troppo strano, con sceneggiature intelligenti e grandi performance, in particolare da Christine Baranski e Audra McDonald.

The Crown (Netflix)

Dio salvi la regina, a chiunque capiti di interpretarla. Il dramma sui reali britannici di Netflix ha dimostrato che può andare in profondità nel regno della regina Elisabetta II scambiando con successo il suo cast originale con un set di attori più vecchi, tra cui il premio Oscar Olivia Colman nel ruolo principale (precedentemente interpretato dalla vincitrice dell’Emmy Claire Foy). La terza stagione ha alcuni dossi e fa fatica a rendere Elizabeth il centro della sua storia, ma l’aggiunta di un giovane principe Charles (Josh O’Connor) e le sue romantiche avventure compensano il breve tempo sullo schermo della Colman.

When They See Us (Netflix) 

La sorprendente miniserie di Ava DuVernay dà voce al cosiddetto Central Park Five, un gruppo di cinque giovani neri e latini condannati erroneamente per omicidio in uno dei più grandi processi degli anni ’80. Con un gruppo estremamente giovane di giovani attori come adolescenti falsamente accusati – Asante Blackk, Caleel Harris, Ethan Herisse, il vincitore dell’Emmy Jharrel Jerome e Marquis Rodriguez – la serie porta la storia sullo schermo come una tragedia brutale e inesorabile. Indecisi se vederla o meno, qui trovate la nostra recensione!!

Sex Education (Netflix)

Ci siamo avvicinati alla serie per l’immensa Gillian Anderson, ma siamo rimasti a guardare la serie per il trio di attori giovani adulti al centro di questa volgare offerta britannica: Asa Butterfield (come Otis represso sessualmente), Ncuti Gatwa (come il migliore amico di Otis Eric) e Emma Macke (nei panni della ribelle Maeve). Sex Education avrebbe potuto facilmente essere solo una storia di adolescenti impazziti dal sesso. Invece, abbiamo avuto una gradevole sfumatura (e, a volte, tremendamente divertente) di frustrazioni adolescenziali legate al genere, alla sessualità e alle aspettative della società.

Euphoria (HBO)

La nuova stagione dramma Euphoria della HBO si è guadagnata la notorietà per la sua nudità sempre presente, la sua rappresentazione del consumo di droga e la sua capacità di far preoccupare costantemente i genitori su ciò che i loro ragazzi stavano davvero facendo. Ma la serie ha anche aperto abilmente una conversazione sulla mascolinità tossica, il transgenderismo e la ricerca di identità tra adolescenti moderni. Inoltre, ha cementato qualcosa che sospettavamo da tempo: Zendaya è una delle migliori attrici di ogni età che lavora oggi.

Russian Doll (Netflix)

Si  potrebbe riassumere trippy commedia di Netflix come un introito contorto su Ricomincio da : Nadia di Natasha Lyonne continua a morire per il suo 36° compleanno, solo per risorgere ogni volta in un ciclo infinito. Ma quella descrizione non renderebbe giustizia a uno spettacolo che ci ha profondamente commossi e ci ha fatto riflettere, ponendo domande scomode sulla capacità di una persona di cambiare veramente. Con la straordinaria performance di Lyonne al suo interno,  Russian Doll è stata sia straziante che divertente, una combinazione assassina, davvero.

Chernobyl (HBO)

La miniserie di cinque ore della HBO è riuscita a far risuonare in quel momento una tragedia di 33 anni e 5.000 miglia di distanza. Facendoci conoscere intimamente ogni tipo di individuo coinvolto, Chernobyl ci ha invitato ad apprezzare le azioni disperate, e talvolta inconsapevolmente suicide, che sono state prese per evitare che l’incidente potesse peggiorare ulteriormente. A volte è stato devastantemente desolante, certo, ma trovando l’elemento umano in qualcosa di così enorme, questa mini serie ha trovato il suo potere narrativo.

Orange Is The New Black (Netflix)

OITNB ha inaugurato l’era dello streaming, ha contribuito a legittimare l’attuale ondata di spettacoli orientati ai problemi, ha spinto le conversazioni sulla riforma della detenzione nella sfera della cultura pop e ha ritratto donne di ogni ceto sociale ed è stata una serie interessante, divertente e audace per sette stagioni. Sì, c’è stata una tortura; sì, c’è stato un singalong in “Stay” di Lisa Loeb ed entrambi si sono sentiti appropriati per uno spettacolo così tentacolare, così curioso di tutti gli angoli strani della condizione umana.

Ed eccoci arrivati alla fine di questo elenco, che quasi sicuramente poteva durare ancora un po’ e avere delle aggiunte, ma per noi di ShowAddicted queste sono le serie che ci porteremmo nel cuore da questo 2019 che sta giungendo alla fine.

Ma piuttosto voi cosa ne dite di questo elenco? Siete d’accordo oppure avreste tolto qualcuna di queste per inserirne delle nuove? Fatecelo sapere lasciandoci un commento!!


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page