Mary Poppins Returns Recensione

Reading Time: 3 minutes

Venti anni dopo che Mary Poppins lasciò la famiglia Banks, Michael Banks (Ben Whishaw) è ora un padre vedovo di tre che è in debito e rischia di perdere la casa di famiglia. Quindi Mary (Emily Blunt) ritorna per salvare la famiglia ancora una volta …

È una meraviglia che nessuno abbia costretto Mary Poppins a tornare prima. PL Travers ha scritto otto raccolte di storie di Mary Poppins e abbiamo sempre visto solo un film, il musical del 1964, la definizione stessa di un classico. Che siano trascorsi quasi 55 anni potrebbe essere motivo di preoccupazione che si tratta di una mera presa di denaro, un cinico rovistare intorno alla borsa senza fondo di Mary per qualche altra moneta, ma Mary Poppins Returns ha una creatività senza confini, cataste di fascino e non un secondo cinico. Se non è praticamente perfetto, si avvicina abbastanza.

Non basato su una specifica storia di Poppins, lo script arguto e cordiale di David Magee trova i bambini di Banks, Michael (Ben Whishaw) e Jane (Emily Mortimer), ancora nella stessa casa di Cherry Tree Lane, circa 20 anni dopo. Michael è ora un padre single di tre persone, avendo perso sua moglie l’anno scorso. Il suo dolore lo ha fatto trascurare le finanze della famiglia, quindi la banca dice che rientrerà in possesso della loro casa tra due settimane se non potrà rimborsare il prestito. Jane, che è pragmatica come Michael, non fa altro, cerca di trovare modi per aumentare i soldi, come fanno i figli di Michael, i precoci gemelli Annabel (Pixie Davies) e John (Nathanael Saleh) e Georgie (Joel Dawson). Preoccuparsi per il loro padre ha reso i bambini più grandi severi, così a colpi di Mary Poppins (Emily Blunt) su una brezza rigida per insegnare a tutti l’importanza della famiglia e l’ottimismo attraverso il mezzo di numeri di canzoni e balli.

Emily Blunt è impeccabilmente lanciata come Poppins. I paragoni con Julie Andrews non vengono fuori perché interpretano il personaggio in modo molto diverso. La versione di Blunt è più severa e più sciolta. Nelle scene domestiche, con un accento così accuratamente evocato, fa sembrare Andrews come Dick Van Dyke e un modo così severo è piuttosto campeggiare, è come una preside altezzosa. Nelle sequenze di fantasia è rilassata e sogghignante, il suo ovvio piacere nella parte contagiosa. Blunt ha un tempismo comico tagliato acutamente come il suo accento, sapendo esattamente quando lanciare un tiro d’occhio sarcastico, senza mai permettere a Mary di essere patetica. Lin-Manuel Miranda, adorabile quanto Jack da accendino.

Rob Marshall ricorda volutamente il film originale, specialmente nelle sequenze animate che imitano direttamente le linee sciolte dello stile Disney degli anni ’60, ma è un omaggio piuttosto che un pastiche. Le canzoni non sono istantaneamente memorabili, ma la messa in scena di Marshall, da una festa sottomarina a una sala da musica con le ginocchia, lo è. La sua energia e la sua immaginazione ti portano ad un tale livello di gioia che, quando arriva al suo numero finale, con il cast che fluttua sopra un parco di Londra in nuvole di palloncini colorati, non vorrai mai venire giù.

TRAILER

Commento personale al film

Contro tutte le probabilità, questo è un degno seguito al film originale. Blunt è perfetta come sempre, ma non solo lei ovviamente! Tutti i nuovi personaggi sono perfetti per ogni attore e bisogna dire che
Lin-Manuel Miranda non ci fa rimpiangere Dick Van Dyke come narratore della storia!! Insomma adesso non resta solo che imparare tutte le canzoni di questo nuovo Mary Poppins a memoria!! Voi cosa ne pensate?

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page