Marisa Tomei sarà una guest star nella stagione 2 di “The Handmaid’s Tale”

Reading Time: 3 minutes

A meno di una settimana dall’ottima serata dei Golden Globe del 2018, il dramma televisivo della serie, The Handmaid’s Tale, ci ha mostrato le prime immagini e due trailer di quello che ci aspetta nella seconda stagione.

Oltre a parlare di come lo spettacolo si sta evolvendo ora che è passato oltre la narrativa del famoso materiale sorgente di Margaret Atwood, i produttori esecutivi Bruce Miller e Warren Littlefield, insieme alla star / produttrice Elisabeth Moss, hanno annunciato alcune guest star che arriveranno nella seconda stagione e tra queste avremo Marisa Tomei.

“Nell’episodio 2, abbiamo una storia di colonie”, ha detto Miller, “e siamo davvero entusiasti di avere Marisa Tomei.”

Questo è tutto ciò che ha da dire sulla questione, a parte il fatto che l’episodio della vincitrice dell’Oscar sarà presentato in una parte del futuro immaginario non precedentemente nella prima stagione dello show. Il nuovo territorio sembrava essere un tema del panel del trio al tour stampa della TV Critics.

“Non prevedo troppo sulla seconda stagione dalla prima stagione”, ha detto Miller. “E non penso che nulla di ciò che facciamo sia post-Atwood, penso che viviamo in un mondo Atwood, abbiamo risparmiato un sacco di cose dalla prima stagione che non siamo stati in grado di coprire, è solo un’espansione del mondo .Non siamo certamente al di là della storia che stava raccontando, è ancora la madre di questa serie. “

Il trailer della serie , che ritorna il 25 aprile, sembra continuare il filo conduttore della serie, anche se più intenzionalmente va in giro rispetto a quando è stato presentato inaspettatamente in una presidenza Trump nel 2017.

“Le cose spaventose di questa serie, alcune di queste accadono oggi”, ha detto Miller, riferendosi ai flashback su come il regime totalitario dello show è diventato. “Abbiamo ancora un po’ di mesi prima della premiere, e al momento le cose possono metterci in pari con noi, abbiamo scritto delle cose e poi le abbiamo viste in TV. Non penso che sia un motivo per saltare e iniziare a cambiare roba. Siamo separati abbastanza [dalla realtà] che non sentiremo mai come se stessero accadendo là fuori nel mondo. “

Littlefield ha ammesso che la nuova stagione ha un budget maggiore rispetto alla prima – un prodotto, ha osservato, era per necessità di espandere il mondo e non tanto il successo del successo della Emmy Darling. (Inoltre, metà dei registi sono donne.)

“Gran parte della stagione riguarda la maternità”, ha detto, Elisabeth Moss, quando non si arrende ai complimenti dalla sala dei critici. È un po’ una bomba a orologeria. E le complicazioni sono davvero meravigliose da esplorare … È una stagione oscura. Direi, probabilmente, è più scura della prima stagione, se è possibile.”

Tomei è anche tra le donne di Hollywood che hanno prestato il loro nome al movimento #MeToo, essendo tra quelle che hanno reso pubbliche le loro esperienze con Harvey Weinstein.

I critici televisivi hanno chiaramente pensato a Tomei un’istanza di casting perfetta per la serie distopica Hulu basata sul romanzo Margaret Atwood del 1985 sull’agricoltura sessuale delle donne e la totale rimozione della loro autonomia nella società. La serie, spesso citata come troppo rilevante nell’attuale clima politico, è diventata la beniamina dei dimostranti di Donald Trump in tutto il mondo. Il TCA ha incoronato il suo programma dell’anno, e lo ha anche festeggiato per Outstanding Achievement in Drama alla cerimonia di premiazione della scorsa estate.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News, Empire State of Mind e Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page