“Little Women” 1 x 02 Recensione

Reading Time: 3 minutes

Un ossequio post-natalizio silenziosamente avvincente che continua a dare grandi emozioni.

Un bagliore accecante si blocca sul nuovo adattamento di Little Women della BBC One, come se l’intera faccenda fosse girata alla luce sciroppata dell’alba, attraverso le telecamere macchiate di petali di rosa. La radiosità, se non altro, si intensificò nel secondo dei tre episodi – anche se la sceneggiatura, di Call Heid Thomas , sceneggiatore di Call the Midwife , teoricamente prese una sterzata per il più oscuro con l’evocazione dei gemelli spettri di guerra e malattia.

Nell’Inghilterra della Guerra Civile del New England, le eroine della leggendaria storia di quattro sorelle di Louis May Alcott, arrivate alla maggiore età in un mondo crudele (benché molto carino) pirouettato dal melodramma al melodramma. In questa puntata Amy (Kathryn Newton) era nei guai per il contrabbando di dolci a scuola – l’equivalente del 19 ° secolo di Snapchatting in classe – mentre l’affascinante Meg (Willa Fitzgerald) si divertiva con le volgari ragazze locali essendo stata invitata a casa dei Moffat per un ballo.

Tale frivolezza era di scarso interesse per Jo (Maya Hawke). Presto sarebbe stata una autrice pubblicata, il cui reddito per la rivista avrebbe pagato per le vistose nuove galosce del padre. Altrettanto indifferente verso il ballo di Meg era Beth (Annes Elwy) dal cuore grande, impegnata a combattere la febbre della scarlattina, che aveva contratto, insieme agli abitanti delle baraccopoli della città, dai quali andava per aiutarli a sopravvivere.

Tutte e quattro le attrici hanno afferrato perfettamente ciò che era necessario per proiettare una mentalità indipendente e una vaga insoddisfazione per la loro posizione nella vita mentre si facevano strada attraverso una straordinaria vita. Qui c’è un dramma in costume in cui i costumi sono chiaramente importanti quanto il dramma.

Nel frattempo il padre (Dylan Baker) delle quattro ragazze era ammalato a Washington – almeno fino a quando non si riprese miracolosamente. Beth cade sempre più a fondo nella febbre – che si calma solamente appena in tempo quando arriva la mamma ( Emily Watson ) per manifestarsi al suo capezzale.

Uno di questi eventi è stato svelato con estrema urgenza – e non avremmo voluto che lo facessero. Questa era la televisione del comfort-food, così come le meravigliose minuzie (i capelli mossi e i baffi fantastici) come la spinta narrativa.

Eppure, c’erano dei tempi più cupi a venire. Beth fu indebolita mortalmente dalla febbre e chiaramente non a lungo per questo mondo bucolico. E sebbene il matrimonio tra Meg e il veterano della Guerra Civile John Brooke (Julian Morris) sia iniziato in modo sprezzante – l’eccentrica zia March ( Angela Lansbury ) si è presentata per offrire la sua benedizione a sorpresa.

Le ombre raramente si attardavano ad arrivare ed era ovvio che Thomas avesse scarso interesse a interrompere lo stupore stagionale di qualcuno con una scia di grinta storica. Little Women è silenziosamente avvincente e appassionatamente seria – una briciola, non proprio sdolcinata post-natalizia che continua a dare grandissime emozioni.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News, Tutta colpa delle serie TV , Empire State of Mind

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page