fbpx

L’apparenza delle cose Recensione

Reading Time: 5 minutes

Questo è il nostro punteggio 3

Commento personale al film

Guarda un po’ più a fondo in quasi tutti i film decenti dove c’è una casa stregata, e vedrai quasi sempre una storia su persone che si sentono intrappolate da qualche aspetto più ampio della loro vita. I protagonisti dei film dell’orrore che hanno a che fare con una bambola malvagia possono almeno provare a liberarsene; le vittime slasher possono almeno tentare di scappare dal pericolo. E le persone minacciate da qualcosa che non capiscono, che si tratti di una maledizione o di una creatura, possono sempre indagare e cercare di venire a patti con l’ignoto. 

Ma una casa rappresenta un impegno, un costo irrecuperabile da cui è estremamente difficile allontanarsi. In un film come il nuovo sconcertante dramma horror di Netflix L’apparenza delle cose, la casa stregata è una metafora tanto quanto un dispositivo dell’orrore, un simbolo di un luogo che dovrebbe essere una casa calda e protettiva ma non lo è, e un emblema di un impegno a cui è difficile sfuggire. E come metafora, è la cosa più coerente e avvincente in un film stranamente confuso.

l'apparenza delle cose recensione

Ma ecco cosa ci racconta il film L’apparenza delle cose

Amanda Seyfried e James Norton dei Nevers interpretano Catherine e George Claire, una coppia sposata che ha una figlia di 4 anni, Franny, nel 1980 a Manhattan. Catherine ha un lavoro soddisfacente come restauratrice d’arte esperta, ma quando George annuncia ai loro amici che ha completato la sua tesi e che gli è stato offerto un posto di insegnante in un college privato nello stato di New York, abbandona la sua carriera docilmente, senza lamentarsi, raccontando a un’amicoa intima che deve a George il suo sostegno. 

C’è chiaramente qualcosa che non va nella vita di Catherine, dato che sta morendo di fame e si costringe a vomitare il cibo che mangia, e anche all’inizio, sussulta quando, per esempio, George sceglie la loro nuova casa nella piccola città di Chosen, facendo pressione su di lei quando mostra anche una resistenza simbolica.

Si scopre che ha ragione a essere innervosita dalla sua insistenza sulla casa: il posto ha visto degli orrori e lì c’è una presenza soprannaturale attiva. La storia di fantasmi a combustione lenta che segue inizia secondo le solite regole della casa stregata, almeno sotto molti aspetti: le luci elettriche tremolano, Franny vede una misteriosa figura femminile nella sua stanza, gli oggetti intorno alla casa si muovono senza essere toccati, e così via. 

l'apparenza delle cose recensione

Ma una cosa che è immediatamente insolita in L’apparenza delle cose è che Catherine non sembra particolarmente innervosita dall’apparizione o dagli effetti. Comincia immediatamente a simpatizzare con il fantasma domestico, e quando il capo di George Floyd (F.Murray Abraham, sempre piacevole) le presenta le sue teorie calde e di sostegno sullo spiritualismo, lei è immediatamente a favore di una seduta spiritica – con George, un cinico sprezzante, distintamente non invitato.

Ma dove dove arriva la trama del film?

L’apparenza delle cose, basato sul romanzo di Elizabeth Brundage del 2016 All Things Cease to Appear, dedica la maggior parte del suo tempo a costruire una storia di fantasmi non convenzionale partendo da un dramma relazionale del tutto convenzionale. 

Il matrimonio di Catherine e George assomiglia moltissimo alla relazione altrettanto sfilacciata in The Nest di Sean Durkin , con una discreta percentuale di Il talento di Mr Ripley è un bugiardo e un imbroglione che incolpa le sue scelte sul suo comportamento. Nel frattempo, lo sta illuminando con il gas sul suo disturbo alimentare e nascondendo quanto sia infelice mentre trova anche ragioni per essere passivo-aggressivamente scortese con lui. La forza ultraterrena in casa è attratta dal loro conflitto e dai loro risentimenti – o forse la alimenta? Questa è una delle cose che è manifestamente poco chiara fino al finale brusco e sconcertante.

Il modo in cui la narrazione cade a pezzi è un peccato particolare, poiché per gran parte della sua corsa, il film è un avvincente melodramma, una storia di “orrore elevato” che limita gli shock economici e le paure da salto, e li sostituisce con le sue regole insolite per il soprannaturale. Come un visitatore dice a Catherine, gli spiriti maligni sono attratti solo dalle persone malvagie, il che significa che a meno che non sia lei stessa ad ospitare il male, il fantasma che sta cercando di entrare in contatto con lei è gentile e benevolo. In questa particolare fantasia, i fantasmi sono specificamente attratti dalle persone che li rispecchiano in qualche modo, e il fantasma di Catherine potrebbe rispondere al suo matrimonio travagliato.

l'apparenza delle cose recensione

La storia va in direzioni piuttosto esagerate mentre le rivelazioni inaspettate si accumulano, ma fondendo completamente una storia horror soprannaturale con un triste dramma coniugale, gli sceneggiatori-registi Shari Springer Berman e Robert Pulcini (American SplendorThe Nanny Diaries) vogliono dare un po’ di nuova energia a entrambi i generi e allontanarli dalle solite strutture prevedibili. 

Per quanto avvincenti come i film di casa stregata come His House, The Conjuring  e persino l’OG Poltergeist lo erano, e per quanto giocano con l’idea di essere legati a un luogo e temerlo allo stesso tempo, tutti tendono a seguire schemi di escalation che per lo più equivalgono a “il fantasma spaventoso continua a diventare più spaventoso”.

Ma il dramma non va così lontano dalle strade familiari, in parte perché Berman e Pulcini non collegano mai completamente il modo in cui Catherine si sente legata alla casa e il modo in cui si sente legata al suo matrimonio in difficoltà. Seyfried le dà una certa presenza e fascino, ma non ha mai molta libertà d’azione come personaggio. 

Catherine inizia sconfitta da fattori che non sono mai completamente spiegati: il suo disturbo alimentare è inteso come un indizio dello stress a cui è stata sottoposta nella sua relazione, o è inteso per giustificare la sua mancanza di energia e concentrazione? Ci sono ragioni concrete per cui ha paura di resistere a George o la sua obbedienza deriva dalla sua storia familiare o dalla sua personalità? Chi è lei, davvero? Man mano che le risposte possibili iniziano ad essere messe a fuoco, e mentre impara di più su chi sia veramente George, intraprende sempre meno azioni.

E poi c’è la sconcertante sequenza finale, che non solo presume che il pubblico abbia completamente interiorizzato le regole inventate dal film per il soprannaturale, ma può anche intuirne molte altre. Inoltre, si presume che saranno disposti ad accettare eventi ridicoli e ingiustificati, purché si sentano almeno un po’ come giustizia. 

Il finale è una commedia audace in un film pieno di commedie audaci, ma sembra progettato più per stimolare la discussione che per mettere insieme la narrazione, o per dare agli spettatori una catarsi da film dell’orrore o una risoluzione di un dramma matrimoniale. I film di casa stregata di solito parlano di persone bloccate in un posto e prive di buone opzioni per scappare.  

L’apparenza delle cose continua questa tendenza e, per gran parte del suo tempo, rende l’incapacità di Catherine di sfuggire a un enigma memorabile. Ma anche l’eventuale collasso del film è inevitabile, e quando va giù, porta con sé tutta la buona volontà accumulata nel film.

 L’apparenza delle cose è ora in streaming su Netflix.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page