La fiera delle illusioni – Nightmare Alley Recensione

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley Recensione
Reading Time: 5 minutes

Indice dei contenuti

TRAMA DI LA FIERA DELLE ILLUSIONI

La Fiera delle Illusioni – Nightmare Alley, film diretto da Guillermo del Toro, è ambientato negli anni ’40 e racconta la storia di un uomo, Stanton Carlisle (Bradley Cooper), di un Luna Park, che oltre a svolgere la mansione di giostraio, è anche un abilissimo truffatore.

Riesce, infatti, con grande facilità a manipolare le persone, grazie a una retorica breve e d’impatto. Per mettere a segno al meglio i suoi imbrogli, l’uomo lavora con una psichiatra, Lilith Ritter (Cate Blanchett), più infida di lui, per estorcere con l’inganno del denaro agli spettatori.

Le vittime delle sue truffe sono gli esponenti dell’élite newyorchese e i suoi colpi si sono affinati col tempo, grazie all’amicizia con una chiaroveggente Zeena (Toni Collette) e al marito, Pete (David Strathairn), un ex mentalista, che lavoro con lui nel parcogiochi itinerante. Nello stesso Luna Park si trovano anche Molly (Rooney Mara), molto legata a Stanton, il capo imbonitore Clem (Willem Dafoe) e il forzuto Bruno the Strongman (Ron Perlman).

Quando un ricco impresario ed esponente dell’alta società, Ezra Grindle (Richard Jenkins), si ritrova tra il pubblico del parcogiochi, Stanton sembra aver trovato la sua prossima vittima e chiede aiuto alla fidata dottoressa Ritter per truffare il magnate, ma non immagina di certo che quest’ultima sia, in realtà, una sua astuta e abile rivale…

la fiera delle illusioni nightmare alley recensione

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale al film

Nightmare Alley è un gioco inquietante di vagabondi, truffatori e donne che non mancano mai di intrattenere il loro pubblico.

Ma ecco cosa ci mostra La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

Nightmare Alley è un thriller noir d’atmosfera meravigliosamente realizzato. È anche troppo lungo. Ora, prima che un esercito di spettatori affili i coltelli con rabbia, vorrei premettere questa recensione per dire che amo i film lunghi. Ma questo ci vuole davvero il suo dolce vecchio tempo per arrivare alle cose buone.

Quel viaggio laborioso è in qualche modo aiutato da una splendida scenografia e da un’eccellente recitazione, e il solo nome di Guillermo Del Toro sarà sufficiente per attirare le persone nei teatri. Data la storia che riceviamo effettivamente per tutto questo sforzo, non posso dire che il tempo di esecuzione di 2 ore e 20 minuti ne valga la pena. Questo avrebbe potuto facilmente ridurre di 30 minuti il ​​tempo di esecuzione e non perdere nulla.

Il ritmo tranquillo di Nightmare Alley inizia riportandoci indietro nel tempo al 1941. Un misterioso sconosciuto si unisce a un luna park. Quello sconosciuto è Stan Carlisle e, aggrappandosi a un passato pieno di dolore e tormento, si propone di cercare di farsi un nome.

la fiera delle illusioni nightmare alley recensione

Dopo aver appreso di più sul carnevale e sui piccoli segreti nodosi che nascondono, per gentile concessione del viscido Clem, Stan inizia a diventare ambizioso e punta gli occhi su pascoli più verdi. Ad aiutare a vedere quella proverbiale luce alla fine del tunnel è la carny Molly.

Stan promette a Molly il mondo e inizia a imparare i trucchi del mestiere, vale a dire l’arte della chiaroveggenza per gentile concessione di Zeena e del suo partner Pete.

Quello che segue è una lenta discesa nel mondo contorto di inganno, miseria e dolore. Mentre Stan inizia a perdere il controllo e i pezzi della sua vita che sono stati assemblati in modo così meticoloso si rompono, è lasciato a chiedersi su chi sta riponendo la sua fiducia e se sta portando la sua recita un passo troppo avanti.

Quando si tratta di thriller noir, Nightmare Alley ha sicuramente i suoi aspetti positivi, e alcuni di questi possono essere attribuiti all’estetica di cui sopra. Con un budget di 60 milioni di dollari, il design della produzione qui è assolutamente fantastico.

Che si tratti del luna park stesso, completo di tutti gli spettacoli secondari nodosi e di piccoli dettagli grafici, o dell’ufficio snervante ma squisitamente progettato del dottor Ritter, puoi dire che Nightmare Alley spreme ogni dollaro possibile per renderlo un piacere visivo.

la fiera delle illusioni nightmare alley recensione

E questo va bene anche perché dovrai dare un’occhiata alla grafica per una buona parte del tempo di esecuzione. Il ritmo glaciale è un enorme deterrente qui e nel mio cinema, due persone uscivano e un’altra controllava l’ora ogni tanto.

Proprio quando questo film sembra farti addormentare, improvvisamente si trasforma in un frenetico atto finale che, per paragone ironico, finisce troppo in fretta.

I colpi di scena che arrivano nell’atto finale sono ben scritti e progettati per essere piuttosto scioccanti, con alcune belle anticipazioni all’inizio. Il problema è che chiunque abbia una lontana familiarità con thriller psicologici come questo vedrà i colpi di scena arrivare a un miglio di distanza.

La scena finale (che non vi rovinerò qui) è la più grande colpevole, proprio per la quantità di tempo e l’enfasi su questo punto all’inizio del film.

Il punto focale del film

La grande attrazione di Nightmare Alley viene dal suo cast, e in particolare da quello di Bradley Cooper. È la vera star dello spettacolo qui e la sua interpretazione di Stan Carlisle colpisce tutti i pulsanti giusti quando si tratta della sua vasta gamma di emozioni. Insieme a Cate Blanchett, la coppia ha una chimica scoppiettante sullo schermo e questo può essere davvero sentito durante alcuni dei momenti successivi.

la fiera delle illusioni nightmare alley recensione

Uno degli elementi più sottovalutati di questo film che merita molto più elogi di quanto ne abbia ottenuto è la colonna sonora. Composto da Nathan Johnson, questo è facilmente uno dei grandi momenti salienti. Gli snervanti segmenti di archi, insieme al pianoforte in tonalità minore, emanano una notevole quantità di freddo, con il motivo principale ripetuto per tutta la lunga durata del film.

Guillermo Del Toro lascia un profondo significato

Tematicamente, Guillermo Del Toro ha sempre avuto un talento per fare film con significati più profondi e Nightmare Alley non fa eccezione. Le idee che circondano il dolore, il trauma, l’aspirazione e il “vedere” il proprio vero scopo sono tutte esplorate qui, ma sembrano tutte piuttosto superficiali, piuttosto che temi da esplorare in modo più dettagliato. Tuttavia, sono intrecciati molto bene nella storia.

la fiera delle illusioni nightmare alley recensione

Il tempo di esecuzione gonfio, la storia semplice e il finale orchestrato di Nightmare Alley lo rendono un po’ difficile da vendere, specialmente dal fatto che dura quasi 2 ore e mezza. Questo thriller noir avrebbe potuto essere fantastico e con un montaggio più serrato, specialmente durante l’apertura a fuoco lento, avrebbe potuto essere un thriller psicologico incisivo.

Un’ottima recitazione e un’estetica meravigliosa sono appena sufficienti per mantenere questo guardabile, ma è improbabile che Nightmare Alley sia una giostra in cui tornerai in fretta.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page