JESSICA JONES: stagione 2 indiscrezioni e foto promozionale

Reading Time: 5 minutes

Sembra che Jessica Jones (Krysten Ritter) abbia bisogno di un drink bello forte. Il superpotere del PI potrebbe aver ucciso il suo abusatore di controllo mentale Kilgrave (David Tennant) alla fine della prima stagione del dramma Marvel-Netflix. Ma questo non significa che lei lo abbia dimenticato o che cosa abbia fatto.

“È una parte della sua costruzione e del suo dilemma”, dice la showrunner Melissa Rosenberg. “Penso che vederlo semplicemente tornare e essere di nuovo quello specchio sia davvero importante.”

E la presenza persistente di Kilgrave non sarà l’unico problema di Jessica nella stagione 2. Certo, ha fatto (con molta riluttanza) aiuto per salvare New York, ma quello che è successo su The Defenders è stato solo “un blip” nella sua storia, dice Ritter. “Jessica è in uno spazio della sua testa piuttosto oscuro quando la incontriamo nella prima parte della stagione 2. Ciò che abbiamo fatto di nuovo è mantenere la storia molto personale. Se la stagione 1 era nella sua testa e nella sua mente, allora questa stagione sarà più nel suo cuore. È ancora un thriller psicologico, ma è più un thriller emotivo questa volta. “Rosenberg è d’accordo:” Era un po ‘un casino anche prima che Kilgrave entrasse nella sua vita, quindi [la seconda stagione] è come scavare più a fondo in quel caos e riprendersi quegli strati. “Alla fine, il mistero di Jessica stessa potrebbe essere il suo caso più difficile da decifrare.

Guarda la prima immagine della stagione 2 di Jessica Jones qui sotto, insieme all’intervista di EW con Rosenberg e Ritter.

INTERVISTA ALLA PROTAGONISTA DELLA SERIE TV

Krysten, com’era avere David sul set con te?
KRYSTEN RITTER: Avere David sul set è stato fantastico. Abbiamo fatto una corsa così bella nella prima stagione, e mi sono sentito come ad una festa, averlo indietro. E ho visto la foto che stai tenendo tra le mani. Mi ha semplicemente tolto il respiro, perché interpretare Jessica è la serie più creativa e appagante della mia vita, e anche la più difficile. [ Ride ] Vedendo quella foto, ero come, “Oh mio Dio!” Il mio cuore era rotto per lei ancora una volta.

Melissa, perché era importante riportare David come Kilgrave? Cosa puoi dirci di cosa sta succedendo qui?
MELISSA ROSENBERG: Beh, come sempre, il nostro show parla molto di Jessica, della sua vita interiore e della sua lotta, ed è una parte della sua costruzione e del suo dilemma. Penso che averlo semplicemente significa tornare ad essere di nuovo quello specchio sia davvero importante.

Qual è stata la sfida più grande nel tuffarti nel mondo di Jessica per entrambi? È passato molto tempo dalla prima stagione in onda, a novembre 2015.
ROSENBERG: Affrontare una lavagna vuota è sempre intimidatorio, ma si tratta sempre di “Il viaggio che porterà a Jessica è profondamente personale ed emotivo, eccitante e sorprendente? “Trovare quella storia è sempre un’enorme sfida, e lo sarà sempre.

RITTER: È un regalo, anche, avere lo spazio [tra la stagione 1 e la stagione 2]. Questa è stata un’incredibile opportunità per lo sviluppo della storia a causa del tempo supplementare che Melissa e il team hanno dovuto scrivere in anticipo. Ci ha permesso di andare ancora più in profondità, come un felice incidente, sai? E per me, ho fatto The Defenders e Jessica Jones back-to-back, così ho fatto 12 mesi di fila per Jessica.

A proposito, com’è cambiata la vita di Jessica da The Defenders ? Dove la troviamo all’inizio della seconda stagione?
RITTER: Penso che Jessica sia in uno spazio di testa piuttosto oscuro quando la incontriamo nella parte superiore della stagione 2. I Defenders hanno avuto luogo nel corso di, tipo, un minuto – beh, era una settimana – quindi è stato come un blip nel tempo e non ci siamo concentrati troppo su di esso.

Melissa, potresti parlare un po ‘di più su quali domande avresti voluto porre, quali temi avresti voluto affrontare mentre rompevi la storia per la seconda stagione?
ROSENBERG: Nella stagione 1, ci siamo concentrati sul trauma di Jessica, su Jessica di fronte al suo violentatore, ma nella seconda stagione, volevamo andare ancora più in profondità. Come hai visto nella prima stagione, era un po ‘un casino anche prima che Kilgrave entrasse nella sua vita, quindi era solo per scavare più a fondo in questo caos e staccare quegli strati, andando semplicemente al centro del suo essere. Questo era il nostro obiettivo.

Che cosa vuoi dire con questo? Il focus di questa stagione è sul suo passato, prima di Kilgrave? ROSENBERG: Non so quanto possiamo dire …

RITTER: Penso che quello che possiamo dire è che ciò che abbiamo fatto di nuovo è mantenere la storia molto personale. Se la stagione 1 era nella sua testa e nella sua mente, allora la seconda stagione sarà più nel suo cuore. Questa stagione è più emotiva. È ancora un thriller psicologico, ma questa volta è più un thriller emotivo . [ Ride ] Ho appena pensato a quello sul posto!

Cos’altro possiamo aspettarci dalla seconda stagione? Ci sono alcune nuove aggiunte al cast, inclusa Janet McTeer .
RITTER: Solo per natura di una nuova struttura ed essendo più emotivo, devi espandere il mondo oltre la sola testa di Jessica. Stiamo permettendo la trama di Carrie-Anne Moss e Hogarth, Rachael Taylor che interpreta Trish, e Eka Darville che interpreta Malcolm per avere maggiori opportunità di sviluppo, quindi il nostro mondo si sentirà un po ‘più grande. Lo spettacolo è ancora totalmente focalizzato su Jessica, ma i giocatori di supporto stanno ottenendo grandi momenti per brillare in questa stagione.

Devo chiedere – il trailer di Avengers: Infinity War ha appena debuttato, e sembra che New York subisca un attacco. Qualche aggiornamento sul fatto che gli eroi di livello stradale avranno qualcosa a che fare con i film?
ROSENBERG: Assolutamente no . I nostri partner sono Marvel, e se stiamo facendo qualcosa che è contrario alla loro continuità, ci tirerebbero indietro o orientarci sulla strada giusta, quindi chiaramente siamo [ok]. Ma siamo molto nel nostro mondo.

Ora, questa stagione è stata scritta e filmata prima del diluvio di titoli sulle molestie sessuali. Jessica Jones è uno spettacolo che si occupa intensamente di abusi sessuali e traumi, quindi come hai pensato alla rilevanza della serie a questo punto e a come il settore può essere uno spazio più sicuro per le donne?
ROSENBERG: Beh, eravamo davanti alla curva, sai? È solo la natura del nostro spettacolo. Una donna recita, una donna la gestisce, ed è un modo per facilitare il cambiamento.

RITTER: Sì, voglio dire, ci sentivamo già come se lo stessimo facendo. Abbiamo una situazione davvero unica in cui il nostro spettacolo è tutte donne, il personaggio principale è una donna, è scritto da una donna, e anche quando arriva la troupe, fanno sempre commenti su quanto sia diversa la nostra energia sul set … C’è un vero, il potere femminile nel nostro spettacolo che è evidente, penso.

ROSENBERG: È affermazione. È un esempio di come [Hollywood] può e dovrebbe funzionare. Voglio dire, lo sapevo per me personalmente, ma per tutto quello che succede nel mondo, è come, “Ehi ragazzi, lo abbiamo sempre fatto.” Non è così difficile, lo sai? Non è così difficile farlo bene.

Netflix ha annunciato che la seconda stagione di “Marvel’s Jessica Jones” sarà presentata in anteprima l’8 marzo 2018. La stagione sarà composta da 13 episodi e dureranno tutti un ora.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page