fbpx

Jeffrey Epstein: soldi, potere e perversione Docuseries Netflix

Reading Time: 7 minutes
SEASON 4 FINALE DI THE GOOD FIGHT DEDICATO A JEFFREY EPSTEIN 

La trama

jeffrey epstein docuseries netflix

Jeffrey Epstein era un mostro. Il finanziere “miliardario” auto-descritto ha usato la sua ricchezza e il suo potere stravaganti per creare un sistema di abusi sessuali e traffico sessuale fino alla sua morte per suicidio nel 2019 mentre era in prigione in attesa di essere perseguito. Raccolto attraverso l’obiettivo dei suoi sopravvissuti, la nuova docuserie di Netflix, Jeffrey Epstein: Soldi, potere e Perversione, racconta le indagini sui suoi crimini e il tentativo di consegnarlo alla giustizia. Mentre questa storia è stata descritta in modo esauriente, Epstein è rimasto una creatura misteriosa, in parte a causa della sua ricchezza e della sua potente cerchia di amici. Tuttavia, in questa limitata documentazione in quattro parti, la regista Lisa Bryant tenta di scrollarsi di dosso il velo di segretezza e portare alla luce la verità.

Ma scopriamo insieme com’è strutturata insieme questa docuseries

Ogni episodio inizia con le riprese di una deposizione in cui Epstein è interrogato sui suoi presunti crimini. Vediamo il suo ghigno condiscendente mentre invoca il quinto emendamento, schiva intenzionalmente le domande e abbandona del tutto la deposizione quando il suo senso di controllo viene messo alla prova. Questo filmato aiuta a staccare la sua affascinante persona mondana per rivelare il manipolatore narcisistico sottostante.

Uno degli elementi più esasperanti della mostruosità di Epstein è il fatto che essenzialmente ha evitato tutte le conseguenze per i suoi crimini. Salvo un paio di giorni di detenzione in attesa di processo e una condanna a 13 mesi indicata come descrizione “gravemente fuorviante” del tempo di prigione, Epstein ha evitato la punizione per decenni di abusi, molestie, stupri e traffico di sesso. E per un sociopatico narcisista incapace di provare empatia, questo è particolarmente irritante. Non riconoscerà e non accetterà mai la responsabilità per il dolore che ha inflitto a innumerevoli altri. Per questo motivo, la docuseries tenta di analizzare i sopravvissuti, esaminando il fallimento sistemico che gli ha permesso di prosperare.

Manipolatore principale

Altrettanto misterioso è il modo in cui Epstein accumulò la sua fortuna. La serie menziona i suoi umili inizi e il suo tempo presso la banca d’investimento Bear Stearns. L’ex dirigente Michael Tennenbaum descrive la sua decisione di mantenere Epstein nello staff dopo aver scoperto che aveva falsificato le sue credenziali come “uno degli errori più importanti della mia carriera [sic]”. Scopriamo anche la sua relazione con l’uomo d’affari miliardario Leslie Wexner. La serie implica che i due potrebbero aver avuto una relazione sessuale e che Epstein è stato nominato procuratore per ricatto o manipolazione, dandogli da supervisionare come $1,3 miliardi di investimenti. La relazione di Epstein con Wexner è descritta dal criminale condannato Steven Hoffenberg, partner di Epstein in un massiccio schema Ponzi, che è stato attratto da Epstein perché “la sua bussola morale era sottosopra.”

La rete di abusi

Tutto ciò impallidisce rispetto allo “schema piramidale di molestie” costruito da Epstein. Il documentario non evita le descrizioni del suo comportamento osceno e criminale nei confronti delle ragazze. Abbiamo ascoltato molte storie direttamente dai sopravvissuti – alcune per la prima volta registrate – su abusi che vanno dal fare massaggi a suo piacimento, alla pressione per eseguire atti sessuali, stupri e traffico di sesso. In preda a ragazze con una vita familiare travagliata, Epstein offrì loro un modo per sfuggire alle loro circostanze attuali sotto forma di denaro per i massaggi, che di solito portavano ad atti sessuali forzati. Queste storie, intrappolate con le immagini dei sopravvissuti al momento dell’assalto (alcune di appena 14 anni), mettono in prospettiva la gravità del crimine e la natura egregia di etichettarle come prostitute minorenni.

Espansione della rete

Ma ancora più inquietante è il modo in cui Epstein trattava le ragazze che “lavoravano” per lui come valuta, trafficandole sessualmente con i suoi potenti amici. Come parte del suo ciclo violento, ha usato le vittime per reclutare altre ragazze. Centrando la storia sui sopravvissuti, Bryant ci ricorda che questo grooming faceva parte del ciclo abusivo di Epstein ed evita di incolpare i sopravvissuti, anche se è chiaro che molti danno loro la colpa. Descrizioni orribili di stupri che si verificano sulla sua isola privata, una storia di tre ragazze francesi di dodici anni “acquistate” per il suo compleanno e viaggi a Londra e in Spagna mostrano la portata mondiale dei suoi crimini.

Per mantenere questa rete, Epstein ha usato una rete di reclutatori apparentemente guidati dalla fidanzata Ghislaine Maxwell. La docuserie la accusa non solo di coordinare e facilitare questi assalti, ma anche di prendere parte agli atti sessuali illegali. Un sopravvissuto descrive le chiamate ricevute da Maxwell, come una minaccia cruenta e continua, dopo aver denunciato il suo assalto alla polizia. Poca attenzione è data a queste donne, e se la serie ha un difetto, non è nel dare forma a questo aspetto della storia. Mentre Maxwell sembra essere un opportunista con la stessa bussola morale di Epstein, la natura della relazione delle altre donne con lui non è chiara. Erano vittime stesse? Quanto indietro va il ciclo?

Accuse e rivelazioni

Jeffrey Epstein: Soldi, potere e Perversione mostra efficacemente il vasto fallimento sistemico che ha permesso a queste ragazze di essere vittime per così tanto tempo. Il capo della polizia di Palm Beach, Michael Reiter, descrive la sua diligente indagine e la sua frustrazione per le mani legate dai pubblici ministeri che si sono rifiutati di processare seriamente il caso. La maggior parte delle indagini e dei combattimenti sono condotti da investigatori privati ​​e avvocati dei sopravvissuti che lavorano creativamente per ottenere giustizia per i loro clienti contro il team legale all-star di Epstein. Particolarmente atroce è Alan Dershowitz, la mente dietro la difesa di Epstein e il patteggiamento segreto del 2008. Egli chiarisce che non si preoccupa dei sentimenti delle vittime e alla fine è accusato di partecipare al traffico sessuale di Epstein.

I sopravvissuti di Epstein furono delusi non solo dal sistema, ma dalla società nel suo insieme. Dopo essersi dichiarato colpevoli di due accuse di sollecitare la prostituzione (una con minore) e liberato dalla sua frase egregiamente lassista, ci viene detto che la sua vita è ripresa quasi immediatamente. Il suo denaro gli ha concesso ambiti posti nei circoli sociali d’élite e accademici, e ha avuto grandi feste con grand star del mondo del cinema e potenti politici. Vengono citati Kevin Spacey e Chris Tucker, anche se non accusati di alcuna trasgressione.

In quella che potrebbe essere la rivelazione più scioccante, Steve Scully, un ex addetto alla manutenzione sull’isola di Epstien, conferma le affermazioni secondo cui Bill Clinton ha visitato l’isola (cosa che continua a negare) anche se è importante notare che anche Clinton non è accusato di qualsiasi illecito. Scully identifica anche la sopravvissuta Virginia Roberts Guiffre come una ragazza che ha visto sull’isola con il Principe Alberto, fornendo conferme inaudite in precedenza delle sue accuse di traffico sessuale. Anche le associazioni di Epstein con Harvey Weinstein e Donald Trump sono evidenziate, sebbene non ampliate. Tuttavia, le interviste registrate con Epstein mostrano gli stessi schemi di discorso manipolatori e sconclusionati che ora sentiamo dal Presidente su base giornaliera, fornendo una connessione inquietante che viene accennata ma non esplorata.

jeffrey epstein docuseries netflix

Ogni episodio si conclude con una sfilata di dichiarazioni di rifiuto stampate di tutti i cospiratori accusati. E mentre alcune rivelazioni possono essere degne di nota, la cosa più scioccante è il fatto che queste prove debbano essere fornite da una squadra di documentari perché i funzionari governativi responsabili della protezione di queste ragazze, vale a dire l’ex procuratore USA Alexander Acosta e l’ex procuratore statale Barry Krischer, hanno rinunciato al loro dovere. Questa storia di potere e intimidazione dipinge chiaramente il motivo per cui così tante vittime di violenze sessuali scelgono di non denunciare.

Forza nei numeri

La serie è al suo meglio quando amplifica le voci dei sopravvissuti di Epstein. Uno per uno, raccontano le loro storie rivelando i dettagli dolorosi e fornendo una visione importante dell’esperienza di sopravvivere ad aggressioni e traumi sessuali. Vediamo descrizioni autentiche della dissociazione per sopravvivere, l’automedicazione attraverso l’abuso di sostanze, l’autolesionismo e la vergogna interiorizzata ingiustamente sentita da così tante vittime. Altrettanto straziante è la sorpresa che i sopravvissuti provano dopo aver sentito dell’arresto di Epstein del 2019, chiarendo che parte dei sopravvissuti potranno non avere mai giustizia. Molti sopravvissuti giustificano perché non hanno reagito e perché sono rimasti. Sebbene non necessari (sono le vittime), le loro storie aiutano a combattere l’insidiosa incolpazione delle vittime e speriamo che consentano l’empatia per coloro che hanno la fortuna di non aver subito abusi sessuali. Se questa serie non ottiene nient’altro, mostra l’onere del lavoro emotivo che grava sui sopravvissuti quando cercano giustizia per un crimine che nessuno vuole riconoscere.

La docuseries fornisce alcune nuove prove forensi che la morte di Epstein potrebbe non essere stata un suicidio. Si parla anche di più telecamere nel carcere che implicano il suo uso della manipolazione attraverso il ricatto, dando a molte persone potenti il ​​motivo per farlo uccidere. Ma le acque sono confuse dalle rivelazioni secondo cui Epstein trasferì la sua ricchezza nelle Isole Vergini due giorni prima della sua morte, rendendo effettivamente più difficile per i suoi sopravvissuti ricevere un risarcimento e sottintendendo che si aspettava di morire presto. Bryant non tenta di speculare sulla sua morte, ma insiste sul fatto che anche i responsabili di facilitare e coprire i suoi crimini dovrebbero essere ritenuti responsabili.

Che cosa ne pensiamo di Jeffrey Epstein: Soldi, potere e Perversione

Alla fine, la docuseries tenta di porre la domanda: cosa facciamo quando la giustizia non è disponibile? Suicidio o no, la morte di Epstein gli ha impedito di affrontare gravi conseguenze per i suoi crimini. Ma mostri come lui raramente lo fanno. C’è qualche conforto nel fatto che non sarà in grado di ferire nessun altro. Ma quanti altri Epstein ci sono là fuori? Cosa possiamo fare per assicurarci di non diventare parte del sistema che li protegge?

Alcuni sopravvissuti hanno affrontato Epstein prima di morire. Il giudice Richard M. Berman ha permesso loro di trascorrere la loro giornata in tribunale anche dopo la sua morte. Lascia che questo e la volontà di Bryant di lasciare che i sopravvissuti guidino la storia siano il modello per come trattiamo le vittime in futuro. Nell’episodio finale, due sopravvissuti si tengono per mano spaventate mentre si recano in aula, ma riconoscono che c’è conforto e forza nei numeri. Ogni volta che sento un sopravvissuto raccontare la sua storia, è più facile raccontare la mia. Dobbiamo condividere le nostre storie l’una con l’altra in modo da poter trovare un terreno comune e l’empowerment attraverso la connessione. Dobbiamo fornire uno spazio sicuro per i sopravvissuti per parlare. Anche quando fa male ascoltare.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page