fbpx

Impeachment: American Crime Story 3 x 01 “Exiles” Recensione

Impeachment: American Crime Story 3 x 01 “Exiles” Recensione
Reading Time: 3 minutes

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Impeachment: American Crime Story riformula lo scandalo sessuale Clinton-Lewinsky dallo sguardo femminile e pone le basi per un coinvolgente riesame di quello che è diventato un circo politico nel 1998. protesi e parrucche che la rendono un credibile facsimile visivo della donna che fece amicizia e poi tradì Monica Lewinsky (Beanie Feldstein). E dando alle donne al centro di questa storia la voce narrante, riformula lo scandalo con una nuova prospettiva che bilancia abilmente le loro storie personali con un più ampio potboiler politico in stile All the President’s Men che è un orologio avvincente.

impeachment 3x01 exiles recensione

Ma ecco cosa è successo nel 1° episodio di Impeachment

Impeachment: American Crime Story rivisita lo scandalo sessuale Clinton-Lewinsky 23 anni dopo che il presidente Bill Clinton è stato messo sotto accusa per spergiuro e ostruzione alla giustizia in una serie limitata di 10 ore con un punto di vista distinto. 

Indipendentemente dalla tua idea politica personale, il caso stesso è stato un circo mediatico assoluto che ha dominato il ciclo delle notizie per mesi e ha contribuito a lanciare la politica di parte in una nuova stratosfera di divisioni. Ha anche reso Monica Lewinsky una presa in giro nazionale e oggetto di un’intensa derisione che, col senno di poi, è oltre che spaventosa e misogina. Ma il punto di vista maschile ha dominato la copertura in quel momento, riducendo le donne coinvolte a pedine dei cartoni animati che si adattano agli stereotipi desiderati da tutto, dai telegiornali ai telegiornali di notte.

Quello che Impeachment: American Crime Story, il terzo nel concetto di serie limitata del produttore esecutivo Ryan Murphy, Nina Jacobson e Brad Simpson per FX, fa proprio dall’episodio pilota, “Exiles”, è chiarire che la storia che tutti ricordano di più come una battuta finale politica pruriginosa è in realtà intensamente personale per le persone al suo centro. 

Basato sul libro di Jeffrey Toobin A Vast Conspiracy: The Real Story of the Sex Scandal That Nearly Brought Down a President e sull’autobiografia di Lewinsky, la narrazione è guidata dalle prospettive di Lewinsky (Beanie Feldstein), Linda Tripp (Sarah Paulson) e Paula Jones (Annaleigh Ashford).

impeachment 3x01 exiles recensione

Nel pilot, sono queste tre donne disparate a fornire le prospettive primarie. Nel gennaio 1998, Lewinsky apre la serie nei panni della giovane donna dalla voce pacata che prepara tristemente ricordi nel suo appartamento di Washington per un imminente trasferimento a New York City. 

Una telefonata della sua amica/collega del Pentagono Tripp, che suggerisce un pranzo di lavoro per “risolvere” il problema di Monica, pone le basi per l’FBI per portare Lewinsky in custodia per interrogarla sull’indagine in corso sul presidente Bill Clinton. Livida per la partecipazione di Tripp, Lewinsky chiama la sua amica una “puttana traditrice” e la serie è in corso.

La narrazione poi torna indietro nel tempo al 1993 e imposta la vita e la carriera di Tripp come segretario del vice Consigliere della Casa Bianca Vince Foster. In una straordinaria trasformazione, Paulson è quasi irriconoscibile come Tripp, cambiando il suo aspetto e la sua andatura fisica per incarnare l’impiegata di mezza età in carriera. Abbiamo un assaggio di dove si trova attualmente Tripp: un genitore single, parziale rispetto alla politica dell’amministrazione precedente e sconvolto dalla sua posizione generale nella vita. 

Lo spettacolo contestualizza la sua amarezza per aver perso l’agenzia nella propria carriera basata su circostanze incontrollabili e capricci partigiani, e la rende più umana, difetti e tutto il resto.

La serie si tuffa persino nella commedia con la sua interpretazione di Paula Jones e del marito attore disoccupato, Steve (Taran Killam). Ritiene opportuno sfruttare l’imbarazzo di un articolo che menziona sua moglie in un incidente di molestie sessuali con l’allora governatore Clinton come percorso per il suo potenziale casting in Designing Women. 

Il suo opportunismo è ridicolo e rasenta la parodia, in termini di “stupidi meridionali”, ma Ashford riesce a rendere Jones simpatica come una donna, non diversamente da Lewinsky, spinta in una situazione che ha gravemente sottovalutato.

Tutte e tre le donne, infatti, non sono considerate una cosa sola, cosa che la storia dell’epoca si è degnata di fare. Invece, vengono presentati come partecipanti complessi nelle loro vite, orchestratori e vittime parziali delle loro situazioni e scelte, il che rende già la serie e il suo approccio intrinsecamente interessanti.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page