fbpx

Il Silenzio degli Innocenti Recensione

Reading Time: 4 minutes

L’emozionante capolavoro di Jonathan Demme regge straordinariamente bene dopo 268 anni, quando Anthony Hopkins fa strani e pericolisi giochi mentali con Jodie Foster.

Un film con la più sensazionale scena di “ingresso” nella storia del cinema moderno – e la persona che sta entrando è completamente immobile. Il debuttante agente dell’FBI Clarice Starling viene inviata per intervistare il famigerato serial killer incarcerato Dr Hannibal Lecter nella sua cella di vetro, per vedere se può essere incuriosito, o persuaso o preso in giro, ad aiutare l’agenzia a rintracciare un altro assassino psicotico, soprannominato Buffalo Bill, che è ancora in libertà.

Ci imbattiamo in Lecter, insieme a Clarice, mentre cammina dritto dritto con il suo impassibile sguardo nero e il suo sorriso sottile, immobile come un rettile nelle sue fatiche da carcerato. È una misura del valore di intrattenimento orribilmente potente del film che prendiamo sul serio questa assurda situazione come un thriller duramente realista, quasi procedurale, e genuflettiamo alle fantasiose conquiste intellettuali di Lecter, facendo schizzi a matita di Clarice in stile Woolworth, coccolando un agnello.

Con la sua acuta intensità, Jodie Foster è eccezionale come Clarice, la brillante giovane operatrice che una volta ha lasciato il segno come studente in un interrogatorio sul registro dei diritti civili dell’era Hoover, sembra, e per i suoi dolori ha ottenuto un A-minus dal suo capo tipo Poiana, Jack Crawford, interpretato da Scott Glenn . Crawford è uno dei molti uomini più anziani con un interesse ambiguo e apparentemente romantico in Clarice. Questi includono il raccapricciante dottor Frederick Chilton – interpretato da Anthony Heald come difficilmente meno strano di tutti gli assassini imprigionati sotto la sua cura – e naturalmente anche Lecter.

La performance di Anthony Hopkins come Lecter è un capolavoro tecnico strepitoso. Tutto il suo lavoro sul palcoscenico e la sapienza shakespeariana accumulata avevano portato a questo momento. I primi piani di grande impatto sul suo viso che il regista Jonathan Demme crea sono momenti di confronto climatico, intercalati con i primi piani su Clarice, e atterrano come schianti di timpani. Il suo dottor Lecter dichiara in modo stravagante che aiuterà Clarice, ma solo in cambio di essere autorizzato a psicanalizzarla, ascoltare le sue paure e i suoi ricordi più intimi e … cosa? Esorcizzali? Violare loro?

Poi si scopre che la più recente vittima prigioniera di Buffalo Bill, Catherine (Brooke Smith), è la figlia di una senatrice statunitense, Ruth Martin (Diane Baker) – un geniale stratagemma narrativo che significa che l’esperienza di Lecter è ora tale che deve essere trattato come una specie di prigioniero VIP e trasportato a Memphis, facilitando l’uso di quelle straordinarie restrizioni e maschere.

Ma come raggiunge esattamente la penna incustodita di Chilton, estrae il pennino interno, tienilo in bocca fino al momento in cui può usarlo per sbloccare le manette – che a loro volta sembrano avere un difetto di progettazione molto serio? Bene, queste imprese conferiscono a Lecter un vantaggio quasi soprannaturale sui suoi nemici.

Per me, il momento più strano è quando il senatore Martin fa il suo comunicato televisivo a Buffalo Bill, usando ripetutamente il nome di Catherine e usando vecchie foto di lei da bambina, nel tentativo di farglielo vedere come un essere umano. È un approccio psicologicamente sofisticato che gli astanti chiamano “intelligente”. Eppure il punto terribile e incerto è che non fa la minima differenza. Non ci sono scene in cui Buffalo Bill venga mostrata ignorandola sulla TV, o rompendo freddamente o irritabilmente la TV. Non vede mai questa trasmissione e l’assoluto fallimento di questo appello “intelligente” non viene mai notato. C’è un macabro pessimismo in questo.

TRAILER

Commento personale al film

Dopo 26 anni, The Silence of the Lambs / Il silenzio degli Innocenti regge terrificamente bene; ciò che emerge più forte che mai sono i ricordi flashback di Clarice del suo poliziotto papà. La bizzarra scena dell’autopsia è ancora orribilmente snervante, con i partecipanti che mettono sotto il naso un polverino di mentolo per fermare l’odore che li sta facendo impazzire, e la telecamera a pellicola che fa il suo scatto periodico e perturbante, lamentandosi piagnucolando. E poi ovviamente c’è il rapporto tra Hannibal e Clarice. È il cattivo, eppure non il cattivo; lui è il suo mentore, il suo amante non dichiarato, il suo avversario. La natura aperta del suo destino lasciava tristemente le cose aperte per una deludente serie di franchise, quando l’ultima telefonata di Hannibal e la scomparsa di Psico-Pimpernel prima dei titoli di coda era il modo perfetto per porvi fine. Ha morso. Voi cosa ne pensate?

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED


Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page