Crea sito

Il Buco Recensione

Reading Time: 5 minutes

Questo è il nostro punteggio 3.5

Classificazione: 3.5 su 5.

Commento personale al film

Il Buco il film d’esordio stilizzato del regista spagnolo Galder Gaztelu-Urrutia è un racconto puntuale che mette in evidenza le conseguenze tossiche della vita in un mondo invaso dall’egoismo e dall’avidità. Il Buco è un pugno selvaggio nelle viscere che si avvicina a ciò che un mondo in rapido degrado ci sta esplodendo di recente. Nei tempi di inattività causati dall’epidemia di Covid-19, questo triste film potrebbe non riempirci di speranza, ma sicuramente ci armerà di porci domande significative mentre meditiamo su ciò che il futuro riserva all’umanità.

Un penitenziario cupo in cui la luce naturale e l’aria fresca non hanno modo di intrufolarsi simboleggia i nostri tempi difficili in cui i privilegiati socialmente ed economicamente, guidati da bramosezze senza volto, non hanno scrupoli nel correre sul terreno già calpestato ulteriormente. Le analogie da incubo che il film disegna possono sembrare piuttosto ovvie, considerando dove si trova la razza umana a questo punto della sua storia, ma Il Buco riesce ancora a sorprenderci con le sue rivelazioni brutali e brutali del nocivo.

Una sceneggiatura a strati (di David Desolo e Pedro Rivero), una serie di potenti performance (con l’attore principale Ivan Massague che apre la strada con una svolta brillantemente sfumata) e un fantastico design di produzione (indubbiamente la risorsa più solida del film) si combinano per rendere l’azione una ricca parabola horror e anche molto ipnotico.

Il Buco unisce un realismo accresciuto a un vigore malvagio e stranamente satirico per avvicinare il suo pubblico alla meschinità delle nostre anime – e alle sventure che si accumulano su coloro che devono accontentarsi di briciole lanciate loro da pochi eletti alle leve del potere. Nella finzione speculativa del film radicata nella realtà, il cibo è la valuta che separa i ricchi dai non abbienti.

Il Buco si trova in una soffocante torre di prigione simile a una botte di cemento chiamata “il buco”, dove i livelli sono accatastati l’uno sull’altro con il centro scavato per fornire un passaggio per una grande piattaforma rettangolare che viene utilizzata per trasmettere cibo dal livello più alto – numerato 1 – fino alla base. Ogni livello di questa fossa è pensato per due detenuti. Quelli in cima sono ovviamente i primi a ricevere il vasto vassoio di cibo e prendono tutto ciò che possono dalla piattaforma che si ferma ad ogni livello solo per pochi minuti. Quelli che languiscono nelle profondità inferiori devono sopravvivere sugli avanzi, se ce ne sono.

Il film si apre in una cucina illuminata dove i piatti sono montati da chef insanguinati. È da qui che la piattaforma culinaria inizia la sua discesa, trasformandosi in un disordine nauseabondo quando arriva ai livelli medi. Ecco dove – livello 48, per essere precisi – incontriamo prima Gerong (Massague), che si trova in questa prigione infernale con un libro per compagnia. Il suo compagno di cella è un uomo molto più anziano, Trimagasi (Zorion Eguileor), che ha scelto il buco al posto di una struttura psichiatrica dopo che ha lanciato fuori dalla finestra il suo televisore ed è finito su un “immigrato clandestino in bicicletta”. 

Fame, dice Trimagasi quando i due uomini sono precipitati al Livello 171 un mese dopo, “scatena l’uomo pazzo in noi … è meglio mangiare che essere mangiati”. Goreng impiega un po’ di tempo per capire l’importanza di quell’affermazione minacciosa. Quando lo fa, viene versato molto sangue, incluso il suo. In precedenza, Gerong ha lasciato intendere di aver scelto un periodo di sei mesi in questa cellula grigia “per smettere di fumare e leggere Don Chisciotte”. Ma c’è una ricompensa più grande che lo attende alla fine del calvario – una carta di partecipazione che potrebbe aiutarlo a garantire il tipo di libertà che non ha mai avuto nel mondo esterno.

Un prigioniero rimane su un livello solo per un mese e si sveglia su un altro livello – sia che sia più alto o più basso sia puro sfortunato – all’inizio del prossimo. Quindi, qualcuno su uno dei livelli più alti potrebbe finire al livello 140 senza avere voce in capitolo durante il turno. Il trasferimento avviene dopo che il gas rende incoscienti i detenuti.

Ma la cattività – e le provocazioni di Trimagasi – lo spingono in una linea d’azione che spera interromperà il ciclo di privazione, fame, omicidio e cannibalismo. Le sue lotte non cessano quando Imoguiri (Antonia San Juan), la donna che lo ha intervistato prima di essere ammesso in questo “porcile”, diventa la sua compagna di cella al livello 33, un bassotto al seguito. “Più salsiccia che cane”, Goreng fa un cenno sul cane.

La prima frase che sentiamo in Il Buco spiega chiaramente non ci prepara completamente per il mondo in cui stiamo per entrare: ci sono tre tipi di persone nel mondo, quelle in alto, quelle in basso e quelle che cadono, intona una voce sulla colonna sonora. Man mano che iniziamo a capire e incontrare molto di più nel corso dei 90 minuti del film, diventa chiaro che l ‘”amministrazione” di questo “Centro di autogestione verticale” sta cercando “solidarietà spontanea” tra i prigionieri. Non suona stranamente familiare? Goreng osa nuotare contro corrente. “Il cambiamento non può mai essere spontaneo”, dice prima di unirsi a un uomo di colore, Baharat (Emilio Buale Coka), che diventa vittima di un atto odiosamente razziale quando cerca un vantaggio dal 6° al 5° livello. La loro missione è proteggere una panna cotta dall’essere divorata nel suo cammino dal livello più alto a quello più basso. È un atto di ribellione pieno di rischi, ma Goreng è abbastanza irritato da fare qualcosa per cambiare il modo in cui le macchine funzionano qui.

La torre non è mai vista dall’esterno. Anche dall’interno, non si può vedere l’insieme che “il buco” rappresenta. Questo è un mondo in cui ogni individuo è intrappolato in un bozzolo e la sopravvivenza dipende da quanto si possa diventare bassi e disperati in questa brutta lotta per rimanere a galla – e vivi. Tra i personaggi principali c’è una donna asiatica, Miharu (Alexandra Masangkay), che salta da un livello all’altro in cerca di un bambino – che potrebbe in realtà essere inesistente. Questa è l’unica ricerca in Il Buco – a parte l’audace tuffo di fede di Goreng e Baharat – che ha un anello di positività. Ma è possibile rimanere incorrotti in un ambiente che genera sfiducia?

Sì e no: la risposta che Il Buco fornisce nel climax è ambivalente. Altrettanto bene. Gli sconvolgimenti che il film descrive sono troppo gravi per chiunque, persino per Goreng, per elevarsi al di sopra senza essere contaminato – e domato in sottomissione.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: