Hustle Recensione

Hustle Recensione
Reading Time: 4 minutes
TRAMA DI HUSTLE

Hustle, film diretto da Jeremiah Zagar, racconta la storia di Stanley Beren (Adam Sandler), uno scout professionista, esperto di basket, che viene licenziato e vede la sua vita stravolta dopo la perdita del lavoro. Ma nulla è perduto del tutto, perché mentre si trova in Spagna si imbatte in Bo Cruz, un giocatore dilettante di street ball, che è solito andare a giocare in un parco fuori Madrid.

Stanley è entusiasta della sua nuova scoperta e finalmente con uno scopo nella vita, decide di preparare Bo per farlo entrare in NBA, cosicché entrambi possano avere un’opportunità di riscatto per il loro futuro…

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale al film

Il film Netflix di Adam Sandler Hustle è un vero piacere per tutti.

hustle recensione

Ma ecco cosa ci mostra Hustle

Ecco un film sportivo che è sempre consapevole di rimanere nel momento piuttosto che guardare avanti o indietro. Quel credito e la sensualità sono portati a questo racconto sportivo contro ogni previsione dal regista Jeremiah Zagar, un uomo il cui beniamino critico di un film, We the Animals (essere alla ricerca del cameo di Raúl Castillo) , aveva la determinazione in ogni punto di vista e sentimento che ti sei sentito immerso nell’esperienza del personaggio, indipendentemente dal risultato. 

Ecco perché Hustle funziona così bene. Non c’è mai un momento in cui ti rendi conto che questo è un tipico tandem Sandler/Netflix. O, se è per questo, la gravità delle situazioni che si svolgono in scene di celebrità potenzialmente in grado di cambiare la vita.

hustle recensione

Hustle (2022) segue Stanley Sugerman (Adam Sandler), un’ex giocatore stellare della Temple University. Si è ferito alla mano una notte da ubriaco all’università. Stan salva il suo migliore amico e fuoriclasse (interpretato da Kenny “The Jet” Smith) e non gioca mai più. Stan è un macinatore. È sposato con sua moglie Teresa (Queen Latifa) e non vede sua figlia (Jordan Hall) il giorno del suo compleanno da nove anni. 

Tuttavia, ha il rispetto del proprietario dei Philadelphia 76ers Rex (il leggendario Robert Duvall) e di sua figlia Kat (Heidi Gardener di SNL). Il figlio, Vin ( di Leave No Trace Ben Foster), è un’altra questione. Quando Sugerman e Vin si scontrano, il veterano scout fa marcia indietro discutendo contro la scelta del tedesco Michael Jordan. Rex lo prende da parte per dirgli di non farlo mai più. Come mai? Beh, è ​​perché si guadagna una promozione come assistente allenatore.

L’unico problema è che il lavoro non dura a lungo perché Rex muore e Vin lo porta via dalla panchina. È troppo prezioso nello scouting, gli dice. Tuttavia, lo rimetterà in campo se Stan riesce a trovare quel giocatore per trasformarli in vincitori. Per pura fortuna (e per la magia dei cliché cinematografici), Stan si imbatte in un fenomeno di ventidue anni di nome Bo Cruz (Juancho Hernangomez). L’unica domanda è se Stan può convincere tutti che Bo è il giocatore a metterli sopra le righe e rimettere Stan in panchina a cui appartiene.

hustle recensione

Questa è una delle migliori prestazioni di Sandler. Non solo perché è credibile come un uomo di basket stagionato che sta ancora cercando di vivere il suo sogno, ma non fa mai il film su se stesso. Sì, Sandler ha i suoi momenti affascinanti, ma è sottovalutato quando cerca di essere divertente. Anche un po’ impassibile. 

Non vedrai un cameo di Townie di Rob Schneider o Wiley di Steve Buscemi. Sandler si concede un attimo di respiro, ascoltando invece della sua solita battuta comica o addirittura l’esatto opposto della sua migliore interpretazione in Uncut Gems , dove il suo Howard Ratner era un fastidio dalla parlantina veloce e praticamente privo di fascino per chiunque lo circondasse.

Hustle di Netflix ha un interessante mix di scrittori qui. Hai il pedigree di Will Fetters (A Star is Born) e l’esperienza di Taylor Materne (The Longest Week) nella scrittura, nel marketing e nella produzione di franchise di videogiochi NBA 2K. Il film ha una genuina autenticità, con una pletora di attuali star e leggende della NBA come Julius Erving. Dobbiamo citare anche Hernangómez, che interpreta Cruz in una solida e stoica interpretazione. Se mi avessi detto che aveva un’esperienza di recitazione limitata, non ne avrei avuto idea.

hustle recensione

Hustle si diletta nei tropi dello sport, attingendo alla tradizione dei film sportivi di Philadelphiae correndo su per colline e scale. C’è anche una scena in cui la figlia di Sugerman risolve i problemi di accesso facendo un video virale. Questo strumento per la storia si è sviluppato in un tropo moderno e ultimamente viene abusato. Ma non si può negare l’efficacia complessiva qui di Hustle nel suo insieme. Non è facile creare un grande film sportivo che sia immaginario perché la posta in gioco incorporata non è mai così autentica come sembra. Qui, il turno di Sandler e la capacità di Zagar di infondere la sua caratteristica urgenza ed esultanza (e la colonna sonora sottovalutata di Dan Deacon nel climax del terzo atto) fanno di Hustle un elevato livello di evasione dallo studio.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page